Cerca

Terrorismo, Maroni: "Il rischio di attentati è alto"

Dal raduno dei Vigili del fuoco, il ministro dell'Interno lancia l'allarme e sottolinea l'importanzadella prevenzione

Terrorismo, Maroni: "Il rischio di attentati è alto"
Il rischio di attentati devastanti resta elevato. A lanciare l'allarme nel giorno dell'anniversario dell'attacco alle Torri Gemelle, è il ministro dell’Interno, Roberto Maroni. Durante un intervenuto al primo raduno nazionale dei Vigili del fuoco a Cortina d’Ampezzo, il ministro ha dichiarato: "Il rischio di episodi di terrorismo come quello dell’11 settembre è molto alto. La Francia ha innalzato il livello di sicurezza, noi abbiamo la più alta attenzione nei confronti di questo rischio che aleggia sempre e siamo sempre vigili per scongiurare situazioni che abbiamo già vissuto in questi anni". E ancora: "L'11 settembre - ha detto Maroni - non ci deve fare dimenticare che sicurezza va di pari passo con la prevenzione e che, in particolare, quello che preoccupa è il rischio di un ritorno a iniziative di terrorismo di ogni tipo che tengono sempre alta la nostra attenzione".

Il primo raduno nazionale dei Vigili del Fuoco ha richiamato nella cittadini dolomitica circa 4mila partecipanti tra cui 2mila pompieri in sfilata e 200 di loro a bordo di autopompe, autoscale, carri trainati da cavalli e biciclette. Sono arrivati a Cortina anche il capo della Polizia, Antonio Manganelli e i vertici del Dipartimento dei Vigili, fra cui il capo dipartimento Francesco Paolo Tronca e il capo del Corpo nazionale, Alfio Pini.
Dopo la sfilata di oltre 2mila rappresentanti del Corpo con i mezzi specifici, il ministro Maroni interverrà al Palaghiaccio.

L'allarme terrorismo non riguarda solo l'Italia
. In Francia, Bernard Squarcini, capo dell’antiterrorismo, non nasconde la sua inquietudine per "le settimane e i mesi a venire". Il Paese, "a causa della sua storia, del suo impegno in Afghanistan, delle sue posizioni in materia di politica estera, delle polemiche sul velo integrale, è oggetto di un interesse particolare da parte di alcuni movimenti islamici radicali". Oggi "siamo allo stesso livello di minacce del 1995 "tutti i campanelli d’allarme sono sul rosso" e "vi sono delle ragioni oggettive per essere inquieti, la minaccia non è mai stata così grande". Secondo il capo dell’antiterrorismo la minaccia che incombe sulla Francia è triplice: i francesi convertiti pronti ad agire da soli, un commando di Al Qaida nel Maghreb, i jihadisti che vanno in Afghanistan o Yemen e tornano clandestinamente per proseguire la loro battaglia sul territorio francese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maria cadel

    07 Marzo 2011 - 10:10

    Noi siamo cristiani, pronti sempre ad aiutare i derelitti, ma chiedo come mai detti clandestini non volano verso la Svizzera? So che già pochi anni fa questa nazione non faceva entrare entro il proprio territorio neanche i cittadini lavoratori specializzati italiani che provenivano da Roma in giù. Dovremmo accollarci noi tutta la massa che tranquillamente invaderà il nostro territorio? Già ora nelle citta nostre alle 21 non ci si muove per le strade, essendoci gruppi e gruppetti che girano e con gli accadimenti di strupo o furti nesuna ragazza e neanche anziani si azzarda ad uscire da casa. Trascuro il fatto che per le strade e nei giardini pubblici molti di tali personaggi fanno i loro bisogni, bivaccando tutto il giorno e vietiamo ai nostri bambini di sedersi sull'erba o palleggiare. Se milioni di sfaccendati stranieri invaderanno le nostre città, giorno e notte, dovremo imitare , per difenderci da probabili assalti, la stessa strategia che accadeva nell' American Far West?

    Report

    Rispondi

  • fdrebin

    15 Settembre 2010 - 14:02

    Pare che l'altro giorno un equipaggio di terroristi islamici abbia assaltato un peschereccio italiano in acque internazionali. Sembra che per l'assalto abbiano usato una motovedetta della nostra guardia di finanza. L'avranno sicuramente rubata.

    Report

    Rispondi

  • piccioncino

    13 Settembre 2010 - 16:04

    Purtroppo la madre dei cretini è sempre gravida...., ma mi lascia di stucco, come vari compagni continuino a fare dell'insana ironia sulla vergognosa vicenda del lancio della statuetta sul volto di Berlusconi (vedre qualche commento sul blog). Dopo aver assistito ad un comportamento bizzarro, sostanzialmente assolutorio del colpevole, da parte della irreprensibile magistratura italiana (figuriamoci: stava quasi per scapparci il morto o il lesionato grave...!!), assistiamo ora ad uno stillicidio di stupidaggini, con cui vari (ex- si fa per dire) comunisti tentano nuovamente di ridicolizzare l'infame l'episodio. E poi parlano di loro genuina democrazia, di porte chiuse alla violenza...Che cinici e bugiardi matricolati!!!

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    13 Settembre 2010 - 13:01

    possiamo festeggiare lo sc* day !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog