Cerca

I rom spaccano l'Europa

Al pranzo del consiglio Europeo Sarkozy attacca Barroso. Dopo Berlusconi, anche Bossi sposa la linea francese. "Giuste le espulsioni, la maggior parte dei furti li fanno loro". Schierato con Parigi anche Zapatero

I rom spaccano l'Europa
Com'era prevedibile, il francese Nicolas Sarkozy e il presidente della Commissione europea Josè Manuel Barroso hanno affrontato faccia a faccia la questione dell'espulsione dei rom, incontrandosi oggi a Bruxelles. Tra i due, secondo fonti comunitarie, ci sarebbe stata un'accesa discussione durante il pranzo dei 27 del Consiglio. La notizia è confermata dal premier bulgaro Boyko Borisov. Il presidente "furibondo" avrebbe chiesto a Barroso "spiegazioni" sulle dure accuse lanciate dal commissario alla Giustizia, Viviane Reding, che ha prennunciato l’avvio di una procedura d’infrazione.
Uscendo dall'incontro, il presidente francese è tornato a difendere la sua politica interna, affermando di rispettare le norme comunitarie.
"La Francia è la prima terra d’accoglienza per gli esiliati d’Europa e tale vuole restare, ma - sottolinea il presidente Nicolas Sarkozy - non può accettare che intere famiglie vivano in campi illegali e non dignitosi. Per questo motivo continueremo nello smantellamento nello stretto rispetto delle leggi nazionali. Ritengo le dichiarazioni della commissione Ue, una ferita, un’umiliazione per Parigi. Ne ho parlato anche con Silvio Berlusconi e lui è d'accordo con me".


Come detto, però, oggi la Commissione Europea non l'ha pensata allo stesso modo. Del resto non poteva che essere così. La questione, dal punto di vista della Ue, è semplice da un punto di vista legislativo: la normativa europea stabilisce che le espulsioni dei rom siano possibili solo a carico di singoli individui che si siano macchiati di reati. Gli allontanamenti di massa, invece, non sono mai attuabili, in nessun caso.

Favorevoli - Dopo l’intervista di Silvio Berlusconi a Le Figaro, si è invece schierato con Sarkozy il premier ceco, Petr Necas, secondo cui la Francia ha "il pieno diritto di esigere che un cittadino Ue residente lavori, studi o dimostri di avere i mezzi per sostenersi".

Anche Umberto Bossi ha sposato la linea dura adottata dal Governo Sarkozy sulla tematica dei rom. Nonostante le critiche degli Usa e la minaccia di una procedura disciplinare da parte dell’UE, il leader del Carroccio non ha esitato a dichiarare giusta la scelta del primo ministro francese sulle espulsioni.
"Sì, Sarkozy sta facendo bene sulle espulsioni. La maggior parte dei furti li fanno i rom; certo non sono il demonio, però per la gente che lavora, torna a casa e la trova buttata per aria non è molto allegro: se rubi ai ricchi è un conto, ma se rubi ai poveri quelli si incazzano". Anche il primo ministro spagnolo, Zapatero, 
ha definito «inaccettabili» le dichiarazioni della vicepresidente della Commissione Ue, Viviane Reding, che ha fatto un parallelo tra l'espulsione dei rom in Francia e quanto successo durante la seconda guerra mondiale. Si tratta di «parole fuori luogo», ha spiegato Zapatero.

A proposito delle dichiarazioni di Bossi, è intervenuto in maniera sarcastica il segretario del Pd Pierluigi Bersani.
"Bossi, piuttosto, si preoccupi di qualche ladrone un po' più grosso, come quelli a cui sono state aperte delle autostrade con delle norme in Parlamento. E' una vergogna che non si riesca a governare in modo civile una piccola minoranza nomade che gira per l’Europa da mille anni. Ed è una vergogna che la politica, ad libitum, usi strumentalmente la questione per lucrarci su".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gicchio38

    20 Settembre 2010 - 10:10

    Secondo me non spaccano proprio nulla, anzi sarà l'Europa che spaccherà loro ......... e lo spaccherà anche a quel babbeo di barroso che fa tanto il verginello e che si permette di ingerirsi negli affari interni di un paese libero ed autonomo. Io non so e non lo voglio neanche sapere di quale nazione è questo barroso ma se c'e la ha una casa perchè non se li porta a casa sua e ne lasci un pò da ospitare nella casa di una certa turco che purtroppo è Italiana e dobbiamo sopportarla per forza.

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    17 Settembre 2010 - 22:10

    ....Giusto,quanto detto da molti commentatori. In Europa si blatera,blatera e dei veri problemi esistenti,ognuno deve arrangiarsi.Anzi,proprio chi ha una poltrona ben remunerata,emette sentenze morali e detta come devono vivere gli altri. Bene ha fatto Sarkozy,Berlusconi,Zapatero a rompere gli indugi.Importante è cominciare,come detto da sempre,altri si accoderanno a seguire.Non è possibile che ci si siano date regole igieniche,regolamenti sulle abitazioni per l'abitabilità,costandoci parecchio,quando per motivi di altrui abitudini,ad altri si deve permettere tutto e di più,contravvenendo a qualsiasi nostra regola ferrea.

    Report

    Rispondi

  • ercole.bravi

    17 Settembre 2010 - 17:05

    gia crea qualche illusione. Intanto spaccare mi sembra un verbo alquanto forzato per quanto riguarda l'europa. Non la considero assolutamente una "nazione" ma una associazione o compartecipazione economica, che esclude l'aspetto" socio". Avevano forse pensato che portandosi nel gruppo iniziale, tutti gli stati possibili ed immaginabili dello scacchiere europeo, potessero contrastare le strapotenze mondiali; ed invece hanno solo reso possibile dopo millenni di leggendaria epopea religiosa, la torre di Babele. Idea unica di confusione nella quale però lo scopo iniziale il raggiungimento del dio potere assoluto, si è ritorto contro ed alla fine ci scontriamo tra di noi......per dei soggetti che di integrarsi non ci hanno mai pensato, e scandalizzati soggetti che vivono nelle dorate favelas lussemburghesi, famosa al mondo per ospitalità bancaria, ma di rom non ricordo. Questo burocrati che discutono del nulla e nel frattempo ci vedono annegare dall'alto dei loro scranni dorati. peccato!

    Report

    Rispondi

  • mrjeckyll

    17 Settembre 2010 - 15:03

    Ciao ragazzi. Ma stiamo a ragionare persino sulla questione rom ? pazzesco! I buffoni eurodemocratici trascorrono la vita a discutere su tutto e il contrario di tutto, portano il dubbio perenne. Ragazzi, il dubbio democratico sta diventando una malattia vera e propria. Sembrano ipocondriaci dementi, rinchiusi in ospedale 24 ore al giorno tutto l'anno, costantemente sotto diagnosi, perchè, ti dicono, la prevenzione è importante. Ci consigliano di passare al controllo totale tutto l'impianto elettrico di casa ogni volta che accendiamo la luce: effettivamente c'è sempre il rischio di un cortocircuito e quindi di un incendio. Ormai è patologico. Ma sarà giusto espellere i "poveri" zingari ? Evidentemente c'è questo dubbio. Alle prossime primarie del PD voterò per Rosy Bindy, su questo non ho dubbi. A meno che tra i candidati non ci sia anche Topo Gigio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog