Cerca

Brunetta sui rom: "E' il buonismo che produce razzismo"

Il ministro sposa la linea di Sarkozy sull'immigrazione. E Maroni va in pressing sull'Ue anche sui comunitari

Brunetta sui rom: "E' il buonismo che produce razzismo"
"Ha fatto benissimo Berlusconi ad appoggiare Sarkozy in Europa. E' il buonismo che produce razzismo". Così il ministro per la Funzione Pubblica Renato Brunetta si inserisce nel dibattito sui rom scatenato dall'espulsioni francesi, condividendo la presa di posizione del presidente del Consiglio.

Parlando alla tre giorni del Pdl a Cortina d'Ampezzo, Brunetta ha sottolineato che "in Italia, attraverso i respingimenti, abbiamo bloccato un’invasione tragica dal sud del mondo verso il nostro paese". Nonostante questo "adesso l’Italia ha dentro di sé, e con grande capacità metabolica, 4 milioni di immigrati extracomunitari, che fanno parte del nostro paese e noi vogliamo che sia così, se avviene attraverso le regole".

Per il ministro queste persone costituiscono una ricchezza: "Io sono contento quando vedo una classe multietnica, sono contento, perché i nostri figli non hanno che da imparare dal confronto - ha raccontato -. Non sono contento, invece, quando vedo persone che usano i loro bambini per l’accattonaggio".

Maroni rilancia il tema - Intervistato alla radio dal programma "Ventura Football Club", il ministro dell'Interno Roberto Maroni ha sollevato un altro problema della direttiva europea. In questo caso al centro dell'attenzione è la norma sulla circolazione e il soggiorno dei cittadini comunitari, definita "un pò strana", dal ministro leghista.
"La mancanza di sanzioni rappresenta una lacuna che noi intendiamo colmare nel più pieno rispetto delle norme europee".
"Tutti i cittadini comunitari possono circolare liberamente e stabilirsi in un Paese per oltre tre mesi, ma per farlo devono dimostrare di avere un lavoro, un reddito, una casa: il problema è che non c'è nessuna sanzione. Se noi fermiamo un cittadino romeno, francese o inglese che vive da 6 mesi senza reddito non possiamo far altro che invitarlo a tornare a casa. E ovviamente lui non ci va".
Le polemiche legate alle decisioni di Sarkozy "mi hanno fatto un pò sorridere, per noi è un film già visto - ricorda il ministro -. L’emergenza campi nomadi noi l’abbiamo affrontata a partire dall’agosto 2008 e l’abbiamo praticamente risolta: sono in corso di attuazione i piani che prevedono di chiudere i campi nomadi abusivi e di sostituirli con i campi attrezzati più facilmente controllabili dalle forze dell’ordine. Nessuna espulsione di massa, solo applicazione della legge per cui chi non ha il diritto  di restare deve essere riportato a casa sua. Che poi è quello che stanno facendo i francesi".

Tavolo Ue pro rom -
Intanto l’Unione europea organizzerà una conferenza a Bucarest il 12 e il 13 ottobre per discutere dei programmi di aiuto ai rom. Lo ha annunciato il commissario europeo agli Affari sociali Laszlo Andor, in una intervista al settimanale austriaco Profil che sarà pubblicata lunedì prossimo. I partecipanti alla conferenza cercheranno di individuare i mezzi "per meglio mettere in atto i programmi di aiuto a favore dei rom", ha precisato il commissario ungherese. Nell’intervista il commissario Andor ha aspramente criticato la politica francese sui rom, dicendo che "ci sono evidentemente delle persone che tentano di rafforzare la loro popolarità ai danni di un gruppo particolarmente vulnerabile. Ma non ci può essere spazio per il razzismo e la xenofobia in Europa".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • FRANSUA

    20 Settembre 2010 - 16:04

    IL 3MILLENNIO: L'ALTRA META DI POTERE CHE LO STATO E GOVERNO NON CONOSCE!!!! l'era che riportera serenita e tranquillita!!! SCRIVETE SU FACEBOOK IL 3MILLENNIO

    Report

    Rispondi

  • adaniel

    20 Settembre 2010 - 11:11

    distinguendo tra rom e zingari: il mio commento si riferisce agli zingari- E' un popolo nomade, e va bene- quello che invece è ripugnante è la loro "costituzione" diciamo così, in base alla quale le donne e i bambini stanno in strada 12 ore al giono chidendo l'elemosina, mentre i "maschi" non fanno nulla, salvo picchiarli quando il "raccolto" è stato scarso- NON C'é nessuna differenza tra loro e i magnacci: questi sfruttano i corpi delle prostitute, gli zingari la dignità e l'animo di donne e bambini anche piccolissimi (li avrete visto spesso in culla con le sorelle o le madri a chiedere l'elemosina)- solo l'ipocrisia della nostra sinistra puo difendere gli zingari: Bindi,Turco e le altre "pie donne" di sinistra sono ipocrite fino al midollo delle ossa

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    20 Settembre 2010 - 10:10

    Ricordate la canzone "Vorrei la pelle nera?" cantata da Nino Ferrer? Ebbene anche io la vorrei,considerati i tempi che corrono,con la differenza che Nino la voleva per cantare alla maniera del nero Wilson Pickett,io per avere carta bianca. Difatti potrei girare liberamente in città senza che nessuno possa dirmi nulla,nemmeno se faccio la pipì sotto al monumento di Mazzini,oppure se entro in un bar e vengo servito in ritardo. Mi difenderei telefonando al manifesto a a Livia Turco, avvisandoli che si sono verificati episodi di razzismo nei miei confronti. Potrei iscrivermi liberamente ad alcuni corsi universitari della università di Pavia,dove quelli con la pelle nera,hanno una corsia preferenziale rispetto ai visi pallidi italiani,ai quali sono riservate prove severissime sotto forma di test a risposta unica. Potrei pesino vendere merce taroccata senza possedere nè bolla di accompagnamento nè rilasciare ricevute,dove meglio mi aggradi,senza permesso di occupazione suolo comunale. E se.

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    20 Settembre 2010 - 09:09

    Ormai è un cult il politically correct. Spazzino fu dapprima netturbino poi operatore ecologico, lasciando intravedere in tale definizione chissà quale attività essa celasse. Zoppo fu trasformato in handicappato ed ora in diversamente abile,lasciando pensare ad uno che non sapendo suonare il sax faccia miracoli con la fisarmonica.Eppure nei sacri vangeli quando si parla di miracoli si cita lo zoppo che riprende una andatura normale, mica il diversamente abile.Ve lo immaginate il vangelo di Giovanni che dica: e Gesù guarì con l'imposizione delle mani,il diversamente abile. Don Sciortino si adegui! Il preverbale non so cosa sia, mi dicono il sordomuto,come dire colui che ha il verbo ma non lo profferisce.Così di razza si deve dire Etnia,altrimenti risulterebbe offensivo. Sullo Zingarelli ,etnia: "raggruppamento umano basato su comuni caratteri RAZZIALI". Raggrupamento umano e non canino.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog