Cerca

La casa è di Tulliani

Il governo di Santa Lucia rivela: il proprietario della società off shore è il cognato di Fini. Il finiano Briguglio: "documenti falsi"

La casa è di Tulliani
Si dirada la nebbia che avvolge la casa di Montecarlo lasciata ad An dalla contessa Anna Maria Colleoni. A risolvere il giallo è il governo del paradiso fiscale di Santa Lucia che ha rivelato, senza ombra di dubbio, che "il proprietario della società off shore (che ha comprato e rivenduto l'appartamento) è Giancarlo Tulliani". E' scritto tutto nero su bianco, in una lettera che il ministro della giustizia dell’isola caraibica ha inviato al suo primo ministro. Il documento benché riservato è stato pubblicato dalla stampa locale.

È stato quindi il cognato di Gianfranco Fini ad acquistare la casa di Boulevard Princesse Charlotte con la Printemps Ltd l’11 luglio 2008 ed è stato poi lui a rivendersela alla Tulliani immobiliare (Timara Ltd) al solo scopo di confondere le tracce sulla proprietà.

Dalla vendita Alleanza Nazionale ha ricavato la cifra irrisoria di 300 mila euro, rifiutando la più cospicua offerta di oltre un milione di euro. È chiaro il danno inferto al partito politico e l’ingente vantaggio finanziario consentito al cognato di Fini, che può ora rivendersi l’immobile al reale valore di mercato, guadagnando anche il denaro che sarebbe dovuto finire nelle casse del partito. E' ancor più chiaro che la terza carica dello Stato dovrà rompere il silenzio e spiegare agli ex di An e non solo come sia stato possibile quel passaggio di proprità dalla famiglia politica alla famiglia personale.

L'ex tesoriere si dimette
- Intanto cade la prima testa. Il senatore Francesco Pontone, ex tesoriere di An e firmatario dellì'atto di cessione alla Printemps Ltd, ha rassegnato le dimissioni dalla presidenza del comitato di gestione del partito, per motivi personali e mancanza di motivazione. Ascoltato dai pm di Piazzale Clodio la scorsa settimana, lo stesso Pontone aveva precisato di essere stato solo "un mero esecutore" dei vertici di An. In pratica, scaricando tutta la responsabilità su Fini.

Farefuturo
- Nonostante l'evidenza, c'è chi prova ancora a difendere il presidente della Camera. Primo fra tutti, la finiana Farefuturo. Sul periodico online della fondazione, in un corsivo firmato dal direttore Filippo Rossi, si legge: "Nessuno ci venga a raccontare che trasformare una compravendita di un immobile tra privati in un tormentone ossessivo e diffamatorio, non sia parte integrante della linea editoriale (si chiama proprio così: editoriale, dell’editore) di un quotidiano. Qualcuno ha detto qualcosa a qualcun altro: consigli, ordini, veline? Le cose stanno così e nessuno può smentirle. Come nessuno può smentire che tutto l’apparato mediatico che fa capo al Silvio Berlusconi 'imprenditore' è stato messo al servizio delle esigenze del Silvio Berlusconi 'politico'". In realtà a non poter essere smentite sono le prove pubblicate dalla stampa caraibica, che non può certamente essere accusata di filoberlusconismo.

L'accusa dei finiani: sono dei falsi - Per i finiani i documenti citati dai quotidiani di Santo Domingo sono dei falsi. Carmelo Briguglio, in qualità  dicomponente del Copasir, ha chiesto al presidente Massimo D'Alema che il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica "assuma una decisa iniziativa in relazione alla pubblicazione di atti di dubbia autenticità, se non addirittura falsi, formalmente intestati ad Autorità di Stati stranieri, con lo scopo di alimentare la campagna scandalistica contro la terza carica dello Stato italiano".  La pubblicazione dei documenti, secondo fonti vicine al presidente della Camera, avrebbe bruscamente interrotto il confronto sulla giustizia tra Fli e Pdl.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • federossa

    31 Ottobre 2010 - 14:02

    da alcuni giorni il presidente della "camere da letto" inif, ha iniziato una nuova attività parallele a quella "istituzionale"..AFFITTACAMERE con opzione di rivalsa sulla percen tuale di vendita da destinarsi ai figli e nipoti. FINI sei IPOCRITA E FALSO!

    Report

    Rispondi

  • carloultuli

    26 Ottobre 2010 - 18:06

    Chi è contro Berlusconi è con i giudici o magistrati

    Report

    Rispondi

  • biemme

    27 Settembre 2010 - 02:02

    che figura ignobile che hanno fatto Fini, finiani e sinistra. Tra tutti salvo Bocchino che fa tenerezza, forse perchè penso a quante ne avrà passate quando frequentava la scuola o faceva il militare. Credo che lo stipendio almeno lui in parte se lo guadagni.

    Report

    Rispondi

  • tex_wiler

    23 Settembre 2010 - 18:06

    gianfranco ( la minuscola è voluta) che grossa delusione che sei. per me che sono un ALMIRANTIANO , vederti con le mani sporche di farina è quasi motivo di vergogna. Che schifo!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog