Cerca

Fini: "Quel documento è una porcata, un falso"

Il presidente della Camera si riferisce alle carte che attribuiscono a suo cognato la proprietà della società offshore che sta dietro la casa di Montecarlo

Fini: "Quel documento è una porcata, un falso"
"Quel documento è una porcata, un falso". Gianfranco Fini non ha voglia di scherzare, e dopo la pubblicazione della notizia che attribuisce a suo cognato la proprietà della società offshore che ha in pancia la casa di Montecarlo, non esita ad andare all'attacco. Il documento pubblicato da due giornali dominicani, secondo Fini, "è talmente fatto bene da pensare che dietro ci siano i servizi".

Fini si è confidato con i suoi durante un pranzo improvvisato tra tutti gli esponenti di Fli. Un pranzo che si è trasformato in un vero e proprio 'consiglio di guerra'. "Da domani tutti con l'elmetto in testa": chi parla e' una delle cosiddette 'colombe' del gruppo di Fini, eppure afferma che "ormai lo spazio di manovra per gli ambasciatori di pace e' diventato residuale".
Il presidente della Camera avrebbe le prove, riferiscono le stesse fonti, che ci sono stati pagamenti allo scopo di produrre appunto una documentazione falsa per screditarlo nella vicenda sulla casa di Montecarlo. La riunione era stata convocata per analizzare il voto di Fli sull'utilizzo delle intercettazioni a carico di Nicola Cosentino. "Ci siamo detti - dice ancora la stessa fonte - che chi non e' d'accordo sulla linea dura puo' anche uscire, in questo modo il gruppo sara' ancora piu' compatto...". La prima conseguenza della linea decisa durante la riunione e' lo stop alle trattative sui temi della giutizia con il Pdl.

L'intervento del Copasir - In difesa di Fini il deputato di Futuro e libertà per l’Italia, Carmelo Briguglio, componente del Copasir, ha dichiarato che  chiedera "al presidente Massimo D’Alema che il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica assuma una decisa iniziativa in relazione alla pubblicazione di atti di dubbia autenticità, se non addirittura falsi, formalmente intestati ad Autorità di Stati stranieri, con lo scopo di alimentare la campagna scandalistica contro la terza carica dello Stato italiano”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piccioncino

    25 Settembre 2010 - 09:09

    Compagno Gianfanchista Osti, siete assurdamente tosti ed ottusi, come le pine verdi. Pur di dare addosso all'avversario politico che vi impedisce di prendere il potere (che poi gestireste malissimo, come avete sempre dimostrato ovunque sulla terra), siete disposti ad avallare qualsiasi assurdità e meschina manipolazione. Ma quando vi deciderete a farvi tamponare quel terzo foro che vi hanno fatto sulla punta del naso.....!!

    Report

    Rispondi

  • sensata

    24 Settembre 2010 - 15:03

    VAI DICI LA VERITA NON FARCI STARE IN PENA INNAMORATO PAZZO

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    24 Settembre 2010 - 12:12

    ....A chiarire le cose è Denny Inglis, assistente del manager di National Printing (la tipografia che fornisce on line le carte intestate del Governo, da compilarsi autonomamente) che, modelli alla mano, ci spiega la differenza tra i documenti che loro forniscono e quelli che i singoli ministeri realizzano per conto proprio attraverso un form digitale. «Lo fanno per gli atti meno solenni, se li fanno da soli scaricandoli con computer e hanno lo stesso valore», ci dice Inglis, il quale poi precisa che per conto del dipartimento di Giustizia è diverso tempo «che non stampano documenti». All’ufficio dell’Attorney General a parlarci è prima la sua assistente, la signorina Williams, la quale sostiene che nel suo ufficio non ci sono prove dell’esistenza di questa lettera che, essendo ufficiale, «dovrebbe essere registrata agli atti»

    Report

    Rispondi

  • arnj

    24 Settembre 2010 - 11:11

    .....se quel " ruminantre " di Fini è così sicuro che quel documento è un falso, addirirrura una porcata, allora si vede che è bene informato sui fatti della casa di Montecarlo e di suo cognato Tulliani.!!!!!!!!!.. L'unica cosa che gli resta di fare, se avesse un minimo di onestà e di sincerità, è quella di uscire allo scoperto e di dire tutta la verità.....una cosa molto semplice no !!!!!......

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog