Cerca

Bersani: Profumo nel Pd? Forse non è interessato

Ma nel partito in molti aprrezzano l'ex amministratore delegato di Unicredit e vedono in lui il "Papa straniero"

Bersani: Profumo nel Pd? Forse non è interessato
Pierluigi Bersani è scettico di fronte alla possibilità che l’ex ad di Unicredit, Alessandro Profumo, possa vestire i panni di nuovo "Papa straniero" del centrosinistra, come una parte dell’opposizione auspica. "E' una cosa che bisogna chiedere a lui. Per quel che lo conosco, non mi è mai sembrato molto interessato ad un’avventura di questo genere...". Se dovesse essere interessato però in molti sarebbero disposti a fargli spazio, vedendo in lui un buon candidato premier.

Il primo a evocare una simile la possibilità è stato il quotidiano Repubblica. "Non si può escludere, vista la giovane età e l’impegno civile del personaggio dimostrato in più occasioni, una discesa nell’agone politico in questo momento di grande confusione morale e istituzionale per l’Italia repubblicana", si leggeva ieri sul quotidiano di Ezio Mauro. Profumo appare come una vittima del Cavaliere e quindi un perfetto candidato a diventare l'eroe della sinistra. L'arrivo del banchiere nel Pd soddisferebbe anche la richiesta arrivata da Walter Veltroni: il prossimo candidato premier dovrebbe essere "una personalità in arrivo dalla società civile".

A elogiare il banchiere e ormai ex ad di Unicredit è, tra gli altri, un vecchio leader della sinistra. Romano Prodi, intervenendo a Radio 24, ha dichiarato che Profumo "è sempre stato un manager di classe. Ha costruito una banca multinazionale con le radici in Italia, e questo è importantissimo, perché un paese come l’Italia non può non avere una banca internazionale". L’ex presidente del Consiglio difende Profumo sul versante Libia: "Se una banca è multinazionale e se dentro il suo capitale ci sono dei fondi sovrani questo non porta alcun problema, in tutte le grandi banche mondiali c'è la presenza di fondi sovrani, sulla quota dei libici si è fatto molto rumore per nulla. Non si può sbattere la porta in faccia in questo periodo a chi investe in Italia, del resto non c'è tutta questa corsa a investire nel nostro paese, anzi questa è la nostra tragedia e se qualcuno investe sia il benvenuto, tanto è difficile che possa comandare in maniera esclusiva, certo avrà i suoi voti in Cda come ogni altro azionista".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piero1939

    23 Settembre 2010 - 12:12

    quando gli darebbero di tfr a profumo i sinistri?????

    Report

    Rispondi

  • biri

    23 Settembre 2010 - 11:11

    Siete molto divertenti. Riuscite solo a parlare dei soldi degli altri, di Profumo, di Santoro, della Lario, di chiunque tranne che di quelli di Menomalechecè. Chissà cosa fareste se aveste tutti quei soldi, oltre a sperperarli in donnine e champagne, eh? Quanta invidia trasuda da messaggi come il suo. (per sua informazione, il signor Profumo ha già destinato 2 dei 40 milioni che le fanno rodere il fegato, e che presumibilmente facevano parte del suo contratto, alla Caritas)

    Report

    Rispondi

  • 44carlomaria

    23 Settembre 2010 - 11:11

    La sinistra italiana soffre di un grave complesso di inferiorità, non si sente capace di governare. Purtroppo siamo ormai una marea di gente a dirlo e a pensarlo. In realtà i vetero ex comunisti dal presidente al ex furbetto con i baffi hanno una tara ereditaria da cui non riescono a liberarsi. Sono però i migliori impallinatori di papi stranieri sul mercato. Ognuno è libero di fare quello che vuole ma, Profumo non mi sembra un'anima pia disposta a farsi trombare. Vero che lo hanno fatto i tedeschi ma, quelli non hanno fatto la Bocconi e sono abituati a eliminare i supini, pagandoli profumatamente. Eliminate tutta le vecchia guardia che ha abiurato il comunismo a parole e potreste impallinare il mago B. Asvedommia

    Report

    Rispondi

  • vinpac

    23 Settembre 2010 - 11:11

    Il simpatizzante dei compagnucci e dei clericali cattocomunisti nonchè neoamico dell'uomo simbolo cosmico di coerenza, Gianfranco Fini, certamente - ne siamo tutti ultrasicuri - destinerà la ... misera buonuscita ai rom, agli immigrati, ai Paesi del Terzo mondo, alla fame ed al miseria nonchè alle ... capanne di Fini all'estero

    Report

    Rispondi

blog