Cerca

Caos Lega in Emila Romagna, Lusetti dai probiviri

L'ex vice segretario espulso è pronto a difendersi davanti al collegio il 16 ottobre. Ma il commissario Rosy Mauro smentisce

Caos Lega in Emila Romagna, Lusetti dai probiviri
La Lega è nel caos in Emilia Romagna dopo l'espulsione dal partito del vice segretario emiliano Marco Lusetti. L'ex numero due della Lega regionale, cacciato lo scorso luglio per "indegnità morale", dice di essere stato "convocato il 16 ottobre dai Probiviri nazionali dell’Emilia per un’audizione". Lusetti dovrebbe comparire davanti a Elisabetta Rudelli e agli altri due membri del collegio per difendersi dalle accuse mosse a suo carico per il periodo in cui era commissario all’Enci e replicare alle "18 motivazioni" addotte dal direttivo nazionale per espellerlo.

Non è così secondo la vice presidente del Senato Rosy Mauro, che è subentrata a Lusetti al fianco del segretario nazionale Angelo Alessandri, nella gestione del Carroccio emiliano. La Mauro smentisce la convocazione di Lusetti: "Non mi risulta. Credo proprio che sia una notizia infondata". Proprio oggi, tra l'altro, la vicepresidente al Senato Rosi Mauro ha ricevuto una lettera di minaccia contenente un proiettile (una busta simile è stata indirizzata anche a Roberto Maroni)

I motivi dell'espulsione
- A mettere nei guai Lusetti sarebbe stata una raccomandata dell'Enci, in cui venivano contestate al leghista - allora commissario dell'ente per la cinofilia - comunicazioni "illegittime e contrarie a diritto" per "il riconoscimento a suo favore di ingiustificati importi economici". Un milione e 700 mila euro in tutto. In più il vice sindaco di Guastalla avrebbe cercato di riscuotere 87mila euro di rimborsi spesa e altri 100mila euro per futuri viaggi all'estero.

Ma Lusetti respinge le accuse
e afferma anzi di essere stato incastrato. La battaglia contro il ministero dell’Agricoltura e i vertici dell’Enci da lui intrapresa prosegue in tribunale. Il 29 settembre il Tar del Lazio dovrebbe pronunciarsi sul ricorso presentato da Lusetti contro l’ente cinofilo.

Altre espulsioni - Il direttivo emiliano del partito ha espulso anche Alberto Magaroli, componente del direttivo della nazione Emilia della Lega Nord e consigliere comunale a Monte S. Pietro di Bologna e Alberto Veronesi, bolognese, candidato al consiglio regionale per il Carroccio nelle elezioni di quest'anno. La colpa degli esponenti del Carroccio, a loro dire, è di essere stati amici di Lusetti e aver chiesto chiarimenti ad Alessandri su una serie di spese e di mancati versamenti al partito, come quello del contributo di 500 euro al mese dovuto da ogni parlamentare leghista o del pagamento dell'affitto della sede di Guastalla, usata come ufficio parlamentare. Si parla di verticismo nella Lega Nord e tutti preannunciano ricorsi ai probi viri.

Autosospensioni a Modena
- La bufera arriva anche a Modena. Dopo l’espulsione del consigliere comunale Andrea Galli, due consiglieri comunali di Piazza Grande, Sandro Bellei e Gigi Taddei, si sono autosospesi. In un comunicato i due lamentano "la grave situazione d’incertezza che regna all’interno del gruppo", e denunciano "le continue e immotivate interferenze esterne", volte a cancellare "la nostra libertà di scelta e valutazione politica". Il gesto serve a non dover "più recepire, senza nemmeno poterle discutere, le pressanti, continue e autoritarie indicazioni provenienti dalla segreteria comunale e da quella provinciale". Per questi motivi, Bellei e Taddei "auspicano un tempestivo intervento del commissario straordinario per l’Emilia, senatore Rosy Mauro, vice presidente del Senato, inviata dal segretario federale senatore Umberto Bossi, allo scopo di chiarire la difficile situazione che si è venuta a creare all’interno della Lega anche nella nostra città e che rischia di mettere in crisi i risultati elettorali fin qui ottenuti dal movimento".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • uycas

    24 Settembre 2010 - 13:01

    I probiviri sono soci delle associazioni eletti dall'assemblea dei soci per giudicare gli stessi soci. E' un organo che non è ne indipendente ne terzo rispetto alla società od associazione. A sinistra fanno le scissioni oppure vengono messi a tacere senza far trapelare la notizia usando i vecchi metodi comunisti. A destra è quella buffonata fatta dal PDL. Alla lega fino a qualche anno li sbattevate fuori, soltanto che erano uno all'anno perché non davano spazio ai giovani. Leggiti qualche libro sulla lega!

    Report

    Rispondi

  • uycas

    24 Settembre 2010 - 13:01

    aggiungi pure i commercialisti e revisori dei conti, anche professori universitari (si veda l'università sprecopoli dell'Insubria).

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    24 Settembre 2010 - 13:01

    Siccome cerchi di propagandare la disinformatjia come era in uso nell'URSS ai tempi d'oro, ti riporto sul giusto binario. E' vero che la Lega ebbe da Enimont i famosi 200 milioni come contributo elettorale che allora era vietato, somma sicuramente inferiore a quanto ricevettero tutti gli altri partiti, tra cui il PCI che negò sempre anche l'evidenza, ma nessuno nella magistratura andò a fondo per chiarire (compagno Greganti che si prese le colpe); è anche vero che Patelli, il tesoriere della lega ammise subito la "dazione" e il partito con una colletta tra gli iscritti raccolse e restituì immediatamente la somma, ciò che altri non fecero: questo tanto per sottolineare la differenza di comportamento, visto che ogni volta la menate con sta storia, perchè non siete più onesti e guardate in casa vostra tanto per cambiare ?

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    24 Settembre 2010 - 12:12

    Vedo che hai ricominciato a bere il solito chianti, eppure dagli alcoolisti anonimi ti avevano raccomandato di starne lontano, ascoltali su, che ne risente soprattutto il fegato, sai cos'è la cirrosi epatica ?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog