Cerca

Berlusconi sulla fiducia: "senza voti tutti a casa"

I finiani, dopo le indecisioni, si muovono verso il sì. Due deputati dell'Api e 5 dell'Udc passano al gruppo misto e appoggiano il governo. Casini: "L'Udc voterà contro"

Berlusconi sulla fiducia: "senza voti tutti a casa"
Fiducia sia. Questo è l'esito del vertice a Palazzo Grazioli. Silvio Berlusconi è deciso e lo ha comunicato ai suoi più stretti collaboratori: "Porre la fiducia certamente rappresenta un rischio, ma serve ad evitare giochi e giochini perchè così facendo è chiaro che se non ci sono i voti si va tutti a casa". È questo il ragionamento del premier.
A questo punto, ovviamente, il nodo sono i voti. Riuscirà il governo a raccogliere i 316 voti necessari a garantire la maggioranza di governo? Pare di sì, almeno stando alle ultime dichiarazioni di Italo Bocchino, braccio destro di Gianfranco Fini, che dopo l'irridigidimento degli ultimi giorni, sembra essersi ammorbidito. "La fiducia è un modo che salutiamo favorevolmente perché fa appello, e consente di esprimersi, a tutta la maggioranza. La fiducia - spiega ancora Bocchino - è la presa di distanza dalla politica dell'autosufficienza praticata fin qui, una presa di distanza che è esattamente quello che noi volevamo. Quindi direi che in generale è un passo avanti sulla strada dell'intesa. Porre la fiducia rappresenta una tesi, quella di appellarsi a tutta la maggioranza , che valutiamo positivamente". Parole non chiarissime, non inequivocabili, ma comunque interpretabili all'80% con un sì. Anche perchéa la'Fli, la nuova creatura di Fini, conviene poco andare a elezioni troppo presto.
Tra i finiani c'è chi, come Benedetto Della Vedova si mantiene più cauto. "Un passo alla volta. E’ un dato importante e positivo quello di aver messo la fiducia. Però auspichiamo che ci sia un documento unitario delle tre forze di maggioranza. Vediamo quello che succede, decideremo come votare domani (mercoledì, ndr) dopo aver ascoltato Berlusconi in Aula".

La campagna acquisti del governo - Sembra che la maggioranza di 316 voti sia meno ostica da raggiungere di quanto sembrava. L'asse Pdl Lega, infatti, ha conquistato 7 nuovi voti, quelli di 5 deputati dell'Udc (i siciliani Mannino, Romano, Drago, Ruvolo ed il campano Pisacane) e di 2 deputati dell'Api (Calearo e Cesario), tutti passati oggi al gruppo misto con l'obiettivo di svincolarsi dai dettami del partito e votare la fiducia al governo.

L’Udc di Casini vota contro -
Le prime dichiarazioni di voto arrivano dall'Udc. Il leader, Casini, ha già detto che domani voterà contro il governo e dopo aver ascoltato Berlusconi in aula il partito presenterà un proprio documento.  "Se c'è la fiducia votiamo no - spiega Casini - se c'è un giudizio da dare su questi due primi anni di legislatura, daremo un giudizio negativo. Se il presidente del Consiglio, invece, spiegherà che vorrà fare cose che condividiamo, allora diremo 'bene, realizzale, presenta dei ddl e ti aiuteremo. La nostra è un’opposizione repubblicana, molto chiara, non è cambiata di una virgola dall’inizio di questa legislatura".

Berlusconi prenderà la parola alla Camera domani mattina alle 11. Seguirà il dibattito in aula al quale il premier replicherà alle 16,30. Alle 19, dopo le dichiarazioni di voto, comincerà la prima chiama per il voto di fiducia. La conferenza dei capigruppo ha infatti approvato all'unanimità una deroga al regolamento che prevede un preavviso di 24 ore in caso di richiesta del voto di fiducia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nuvola grigia

    30 Settembre 2010 - 16:04

    Ricordo quando veniva posta la fiducia, durante il fugace ultimo governo Prodi; da parte del centro destra si alzava una ovazione ,gridando allo scandalo!!! la Fiducia allora era ANTIDEMOCRATICA!!! l' opinione del popolo SOVRANO è molto cangiante!!!

    Report

    Rispondi

  • piccioncino

    29 Settembre 2010 - 13:01

    Durante alcune fasi salienti del discorso di Berlusconi alla Camera, ho visto sugli alti scranni un altezzoso, vuoto signore che scuoteva la testa..:probabilmente voleva sottolineare alcune presunte scorrettezze o incorenze nelle affermazioni del Presidente del Consiglio (forse riguardo alla presunta assenza di democrazia nel suo ex partito -PDL-...cosa di cui egli è stato, invece, un vero campione esemplare: prima nel MSI poi in AN). Ciò mi ha fatto pena e ribrezzo, soprattutto quando ho visto quello stesso signore (che dovrebbe sovraintendere ai lavori della Camera, con equilibrio e corretta imparzialità) convocare un manipolo dei suoi fedeli per orchestrare le azioni da intraprendere in sede politica e parlamentare..... Ma che faccia.............!

    Report

    Rispondi

  • jongingiullo

    29 Settembre 2010 - 13:01

    Silvio ha posto la fiducia. Fini sollevò a suo tempo il problema della giustizia e per quel motivo è successo quanto abbiamo visto. Ora si trovano a dover votare quello stesso testo che nel frattempo è stato blindato. G.F. ora si trova davanti ad un bivio: chinare il capo o andare a casa. Questa sera avremo la risposta. Dato che io, dei politici che si battano per la gloria, oggi non ne conosco, non credo proprio che il primo a tirare fuori le p* sia Fini. Ergo: nessuno di quei bei tomi domani farà la fila davanto all'ufficio di collocamento.

    Report

    Rispondi

  • seth1974

    29 Settembre 2010 - 11:11

    pur da elettore di destra me lo auguro . elezioni a marzo e nuova compagine governativa. spero che berlusconi faccia un passo indietro e che lasci spazio a volti nuovo , tremonti su tutti

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog