Cerca

Bersani: "La compravendita di parlamentari è come corruzione"

E sul discorso del premier, il leader del Pd annuncia: "Chiederemo al governo di dimettersi"

Bersani: "La compravendita di parlamentari è come corruzione"
Mentre i Finiani sono alle prese con la solita divisione tra falchi e colombe, in vista del discorso di domani di Silvio Berlusconi alla Camera il Pd esplicita ancora una volta le sue posizioni, attaccando su tutta la linea la maggioranza e, soprattutto, la condotta politica del Premier.

Roba da corruzione - Il primo affondo del segretario democratico Pierluigi Bersani, intervenuto su Youdem, riguarda le più o meno conclamate trattative tra il Pdl e i parlamentari di altri gruppi con l'obiettivo di rinforzare numericamente la maggioranza.
"Se uno promette a un deputato una rinonima, e nel caso la rinomina non fosse possibile gli promette uno stipendio, questa è corruzione. E’ roba da magistratura, se vogliamo chiamare le cose con il loro nome".
E se le voci che vedono molto vicino Berlusconi ai centristi siciliani fossero fondate, Bersani intravede un governo a tre gambe che non piacerà a molti.
"E' una scelta politica che può preludere a un’ipotesi chiara: un governo gestito sull'asse Berlusconi-Bossi-Cuffaro".

Scontata quindi la dichiarazione di voto che gli esponenti del Pd faranno domani a Montecitorio.
"Il Pd sottolinerà la crisi politica del centrodestra, una crisi non rimediabile che può preludere solo a tentativi di aggiustamento poco credibili. Il paese non ha tempo per aspettare: per questo chiederemo al governo di prendere atto della situazione e di andarsene per mettere in condizione il paese di guardare avanti".

Rincara la dose contro le manovre e le ultime scelte della maggioranza anche la presidente del Pd al Senato, Angela Finocchiaro.
"Quello che si legge oggi sui giornali è assolutamente credibile. La compravendita dei parlamentari esiste e posso dirlo, peraltro, perchè nella passata legislatura l’ho subita in quanto un fatto simile è accaduto con i senatori del mio gruppo. Identiche modalità, stesse laute, ricchissime offerte. Non a caso c'è un procedimento aperto presso gli uffici giudiziari romani. Mi chiedo però che valore possa avere il via libera che domani la Camera potrebbe dare al Presidente Berlusconi quando gli italiani ormai sanno, con tutta evidenza, che una parte dei quei voti è figlio indecente di una compravendita, con moneta sonante, delle coscienze e del voto di alcuni parlamentari". E sul ricorso alla Fiducia, la Finocchiaro evidenzia i timori della maggioranza. "Mettono la fiducia per paura, è un segno di debolezza. E’ un voto che blinda comunque e c'è un timore molto serio da parte di Berlusconi e della maggioranza in ordine all’esito della giornata di domani".

Massimo D’Alema
, in Gran Bretagna per seguire il congresso del labour, critica il governo e commenta:
"E' una maggioranza irrimediabilmente fallita, divisa da un conflitto politico, personale, non rimediabile con un compromesso precario. Bisogna voltare pagina, se ne devono andare. Qui stanno superando Blair e noi abbiamo un presidente del Consiglio che è andato al governo prima che ci andasse Blair".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cave canem

    01 Ottobre 2010 - 12:12

    Bersani, lei si riguarda quando va in tv , e se si riguarda mi spiega con quale coraggio si ripresenta, si rende conto di essere una macchietta e di non dire nulla, butta quà ela qualche fialetta puzzolente e contenuti O . Ma come fanno i suoi sostenitori a non rendersi conto della pochezza che riesce a esternare, capisco che ci sia poco da scegliere, ormai siete tutti da "corrida" dilettanti allo sbaraglio, il guaio è che non fate neanche ridere. La Finocchiaro per esempio, un tempo la guardavi senza ascoltarla, essendo una gran gnocca le perdonavi la assenza di contenuti , oggi pur conservando le proprie vestigia con dignità ,si nota di più(perche meno distratti ) che ,anche lei parla e non dice .

    Report

    Rispondi

  • TARANTO1

    30 Settembre 2010 - 16:04

    RICORDO QUANDO CON UNA EPRESSIONE PIANGIOLENTA FACEVA AI SUOI QUATTRO GATTI APPESI AI CONTRIBUENTI (ALLORA FACCIAMOLO) NELLA SPERANZA DI DISARCIONARE BERLUSCONI, (AL QUALE NON E' DEGNO DI TOCCARE LE SCARPE) UN TIPO, IL SIG. BERSANI, SEMBRA MAI NATO, SEMPRE A TOCCARSI IN TESTA O LA PARTE BASSA TANTO E' LA STESSA COSA, SCUSATE MI SONO LASCIATO PRENDERE DA DI PIETRO, COMUNQUE UN POVERACCIO CHE A PARTE I FARMACISTI (LO E' LA MOGLIE), ODIA TUTTI I PRIVATI E SGUINZAGLIA IL PANDA CIOE' VISCO. CHE VOLETE E' COSI' CHE SI DIVERTE, MENTRE DA LEZIONI DI IDIOZIE. GUARDATELO BENE IN FACCIA E VI RENDERETE CONTO.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    29 Settembre 2010 - 20:08

    La calunnia è un venticello ma chi la espande senza prove è un grandissimo mascalzone.

    Report

    Rispondi

  • villiam

    29 Settembre 2010 - 18:06

    ma se il governo dalema ha comprato con poltrone 30 o 35 parlamentari eletti al centro destra,i sinistri sono gli specialisti di questa pratica ,ma bersani,dove vive ?o meglio dove va a bere?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog