Cerca

Di Pietro, solo un disperato gesto criminale

Il leader dell'Idv, alla manifestazione navale, si difende da chi lo addita come responsabile del clima di violenza

Di Pietro, solo un disperato gesto criminale
Tirato in causa da vari commenti, Antonio Di Pietro si difende. “Queste non sono teste matte, non sono terroristi come adesso vogliono far credere quelli che approfittano di quel disperato criminale che ha tentato di aggredire Belpietro per scaricare su chi protesta e su di me quel che è accaduto". Il leader dell’Italia dei Valori ha voluto precisare la sua posizione durante la manifestazione nazionale della cantieristica navale in piazza della Repubblica a Roma. Migliaia di operai sono scesi in piazza per dire ''no alla chiusura dei cantieri''. In testa al corteo, organizzato dai sindacati dei metalmeccanici di Cgil, Cisl e Uil,lo striscione degli operai di Castellamare di Stabia, dove ieri un operaio, disoccupato da 4 mesi, si e' suicidato.I manifestanti chiedono un incontro con il Governo.

Di Pietro parlando dei dipendenti licenziati della Fincantieri ha sottolineato che “c'è una questione sociale grossa come una casa, c'è una disperazione  sociale che sta facendo ribellare il popolo e allora la colpa è di chi denuncia questi fatti? È la mia che nell’aula del Parlamento ho detto che Berlusconi è la causa di questo male d’Italia o è del presidente del Consiglio che pensa solo agli affari propri e alle sue società off-shore?". Il presidente dell’Idv ha ribadito che Berlusconi non si cura della Fincantieri, l’unica società italiana che è ancora dello Stato. “Si vergognino coloro che vogliono criminalizzare la protesta – ha aggiunto - questo governo dovrebbe riflettere sulle sue politiche fallimentari che non portano alla pacificazione sociale".

"Berlusconi si è reso conto che, nonostante la ventina di leggi ad personam, non riesce a fermare la magistratura. Per questo ha deciso di fare una legge ad hoc al fine di istituire una commissione d’inchiesta volta a punire in Parlamento i magistrati che lo stanno processando" ha detto Di pietro. "Questa è criminalità politica allo stato puro - ha commentato - e poi Berlusconi si arrabbia se il Paese reale si ribella, come si sta ribellando, con le manifestazioni di protesta. Pensi un attimo a quel che sta facendo e, allo stesso modo, riflettano quei parlamentari della maggioranza che si accingono a votare una legge per istituire una commissione d’inchiesta: siete complici, persone che non meritano il rispetto degli elettori che vi hanno votato per tutelare i loro interessi e non per garantire l’impunità al vostro padroncino". 

"Antonio Di Pietro insiste. L’aveva fatto dopo l’attentato di Tartaglia contro Berlusconi ('Berlusconi istigà), l’ha rifatto dopo l’aggressione subita a Como da Marcello Dell’Utri ('Zittirlo in tutte le piazze), e insiste oggi, dopo l’agguato che poteva costare la vita a Maurizio Belpietro, ai suoi familiari e alla sua scorta". Il portavoce del Pdl, Daniele Capezzone risponde alle parole del leader dell'Idv



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • orso grigio

    23 Settembre 2011 - 09:09

    Hai un bel coraggio.Io non ne ho,per questo Di Pietro mi fa paura e mi rivolta lo stomaco. A chi chiama nano il mio Presidente del Consiglio, se non ti piace mi sta bene, ma per buona educazione, le cose si possono dire in un altro modo. Gi italiani sono diventati violenti, maleducati,indisciplinati,approfittatori ed altro (per fortuna non tutti) :Seguite l'esempio di DiPietro e peggiorerete. Auguri

    Report

    Rispondi

  • orso grigio

    23 Settembre 2011 - 09:09

    Di Pietro di stupidaggini ne ha dette e ne ha fatte. Ora esagera,se non sa ragionare e dire cose sensate, stia zitto, sarà un piacere per tutti.

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    01 Aprile 2011 - 15:03

    E' Di Pietro che instaurerebbe un regime, lo sta già facendo con la sua IdV, dove nessuno può discutere o chiedere chiarimenti.

    Report

    Rispondi

  • mariobellini10

    10 Dicembre 2010 - 23:11

    Caro Di Pietro se avessero assegnato il premio Nobel per il miglior rompicoglioni dell'anno, sicuramente non ti sarebbe sfuggito.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog