Cerca

Fini placca il Cav sulla giustizia. "Sbagliato punire i magistrati"

Il Presidente della Camera fa leva sui numeri di Fli: "Fedeli al programma, purché non venga cambiato"

Fini placca il Cav sulla giustizia. "Sbagliato punire i magistrati"
Se la relazione di Silvio Berlusconi alla Camera e al Senato aveva convinto quasi tutti i Finiani (ricordiamo che il Falco Granata aveva votato contro in quel di Montecitorio), sono bastate 72 ore per far emergere gli ormai consueti distinguo che hanno sancito di fatto la spaccatura all'interno della maggioranza.
Il tema del confronto, manco a dirlo, è quello della giustizia.
Il video amatoriale girato la sera del 29 settembre all'esterno di Montecitorio (con Berlusconi che critica il sistema giudiziario e quella che il premier definisce la casta dei magistrati), infatti, ha convinto il leader di Fli a rimarcare la sua posizione.

"Siamo fedeli a quegli elettori e a quel programma - ha ribadito Fini intervenendo telefonicamente a un convegno di Fli organizzato da Italo Bocchino a Salerno -, a condizione che venga scritto e applicato tutto e non venga dimenticato o peggio tradito in alcune sue parti".
Quanto ai magistrati, "non tutti i magistrati sono eccellenti servitori dello Stato. Ma non si può pensare di dar vita a una riforma della giustizia basata sul principio che si deve punire o penalizzare la magistratura italiana".
E a proposito di riforma, in quel di Montecitorio i finiani hanno intenzione di far valere tutto il loro peso, ribadendo la loro importanza nella tenuta del governo.
"Di riforma della giustizia discuteremo le prossime settimane alla Camera", dove Futuro e libertà per l’Italia "è determinante in termini numerici. Ciò è garanzia per il rispetto del programma".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • FERRPAO3054

    28 Novembre 2010 - 17:05

    QUESTI POLITICANTI DI VECCHIO CORSO SI RIGENERANO DI CONTINUO COSA POSSIAMO FARE PER MANDARLI A CASA SUGGERISCO DI TOGLIER ALMENO DUE O TRE FILE DI SCRANNI SIA AL SENATO CHE ALLA CAMERA

    Report

    Rispondi

  • guglielmo donatone

    06 Ottobre 2010 - 18:06

    La strenua difesa a spada tratta esibita dall'iscarfini è senza alcun dubbio il tentativo di ulteriore "captatio benevolentiae" da parte di certa magistratura. Come se se non fosse già più che evidente che quest'ultima è tutta protesa a coprire le malefatte di chi è sempre disposto e pronto al....leccaggio del lato B in toga ed ermellino.....!

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    04 Ottobre 2010 - 17:05

    Se davvera spera in 100,1000 Fini , deve calcolare anche i 100,1000 Tulliani ed anche 100,1000 case di Montecarlo.Infine dovrebbe sommare al risultato le 100,1000 società off shore.Non mi pare una bella speranza.

    Report

    Rispondi

  • piccioncino

    03 Ottobre 2010 - 21:09

    Ormai è lampante, che l'azzeccagarbugli Gianfrego stia facendo di tutto (di più) per stroncare subdolamente Berlusconi. Veti, sgambetti, dispetti, allenze oblique o trasversali (Sicilia, Milano ecc), tentativi di portar via sindaci, parlamentari ecc. Il tutto....,infischiandosene alla grande dei problemi di governabilità e di tuttociò di negativo che vada colpire l'economia, la finanza, la società ecc...Ormai è una dispettosa, arrogante farfalla impazzita che occorre assolutamente fermare. Mi chiedo..... cosa aspetti ancora il Berlusca a togliersi questa serpe dal seno....Più aspetta, peggio è.....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog