Cerca

P3, libero Arcangelo Martino

L'uomo era stato arrestato l'8 luglio. Grazie alle sue confessioni le settimane scorse era stato condannato ai soli domiciliari

P3, libero Arcangelo Martino
Arcangelo Martino è libero. Lo ha deciso il gip del tribunale del riesame di Roma Guglielmo Muntone che ha disposto la revoca della custodia cautelare, accogliendo l’appello dei difensori dell’uomo, Simon Ciotti e Giuseppe De Angelis.

Martino, ex assessore al comune di Napoli, era stato coinvolto nell’inchiesta sulla cosiddetta P3 e arrestato l’8 luglio scorso insieme all’imprenditore sardo Flavio Carboni e al giudice Pasquale Lombardi. L’accusa era l’aver creato una loggia segreta violando la legge Anselmi che proibisce società di questo tipo. Grazie alle rivelazioni sugli affari della presunta P3 e la collaborazione nelle indagini, pochi giorni fa Arcangelo Martino aveva ottenuto i domiciliari dal gip Giovanni De Donato. Al tempo, la procura della Repubblica era già favorevole alla scarcerazione ma il giudica aveva sottolineato che l’indagato non aveva spiegato alcune importanti circostanze, come il suo ruolo nella vicenda.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    05 Ottobre 2010 - 20:08

    lo sai benissimo, non fare il furbo.L'inchiesta si è andata a farsi benedire,la Cassazione gli ha levato le intercettazioni abusive, e non possono tenere gli indagati in carcere con il vecchio presupposto.Perchè e successo tutto questo? Perchè , al solito,dei magistrati in cerca di gloria hanno lavorato forzando le regole, e giustamente lka Cassazione dice basta,fine della pacchia,

    Report

    Rispondi

  • nuvola grigia

    05 Ottobre 2010 - 14:02

    Lascia intendere che Martino è libero perchè "ha parlato" !!!! questo modo di impostare l'informazione, vi fa perdere credibilità!!! almeno nelle persone che pensano mentre si informano, che sono la maggior parte dei lettori!!!

    Report

    Rispondi

  • fdrebin

    05 Ottobre 2010 - 12:12

    avete paura che l'abbiano scarcerato perche' potrebbe avere raccontato balle sul conto di B. oppure perche' potrebbe aver raccontato la verita'?

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    02 Ottobre 2010 - 20:08

    Puoi stare certo, non avere il minimo dubbio, se non dici al magistrato quello che lui vuole farsi dire, da lì non esci.Oltre questa regola ferrea, c'è stato il piccolo particolare di una sentenza della Cassazione, che peserà come un macigno sulle intercettazioni del processo.Quindi adesso premono ,con la custodia cautelare per avere delle confessioni più o meno spontanee.Copia e salva il mio commento, quando il processo finirà, vedrai che la mia previsione di assoluzione perchè il fatto non sussiste,sarà quella giusta.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog