Cerca

Berlusconi: "I finiani rispettino l'impegno con gli elettori"

Il presidente del Consiglio assicura che il governo andrà avanti per i prossimi tre anni. Ma Fini placca il Cav sulla giustizia

Berlusconi: "I finiani rispettino l'impegno con gli elettori"

Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi rassicura ancora una volta gli italiani: maggioranza e governo andranno avanti per i prossimi tre anni, fino alla scadenza naturale della legislatura. Intervenendo telefonicamente a una convention del Pdl in corso a Pietrelcina, il premier ribadisce l'intenzione di realizzare i 5 punti del suo programma: "Abbiamo tre anni di tempo per completare il nostro progetto di riforme", afferma, ricordando i "numeri larghi" con i quali è stata votata la fiducia al Governo in settimana.

I finiani - Berlusconi si dice convinto che "il governo potrà durare", se i parlamentari finiani "si ricorderanno e non tradiranno mai l’impegno preso con gli elettori, il cui rispetto è la sola cosa che noi gli chiediamo con forza". I parlamentari eletti con il Pdl, che hanno dato vita con Gianfranco Fini a Futuro e Libertà, "devono mantenere e non dimenticare mai l’impegno preso con gli elettori: sul programma che abbiamo presentato insieme e di essersi presentati ed essere stati eletti sotto un simbolo con scritto Berlusconi Presidente".

L'opposizione - E "se l’opposizione vuole continuare a comportarsi in modo aggressivo e insultante, diremo: peggio per loro", aggiunge Berlusconi. "Vorrà dire che confermano che non diventeranno mai una forza di sinistra democratica e continuando così non saranno mai seria alternativa di Governo. Anche nei giorni scorsi in Parlamento hanno solo sfogato la loro rabbia". Il riferimento è soprattutto alle accuse rivolte al Cavaliere dal leader dell'Idv Antonio Di Pietro, contro il quale si prospetta un provvedimento disciplinare da parte della presidenza della Camera.

Fini sulla giustizia - Poche ore prima è stato il leader di Fli Gianfranco Fini a garantire la fedeltà del gruppo "a quegli elettori e a quel programma", ma a una condizione: "che venga scritto e applicato tutto e non venga dimenticato o peggio tradito in alcune sue parti". Intervenendo telefonicamente a un convegno di Fli organizzato da Italo Bocchino a Salerno, il presidente della Camera ha puntato ancora una volta l'accento sul tema giustizia, contestando lo sfogo di Berlusconi sulle toghe rosse e ribadendo che alla base della riforma non dovrà esserci il principio di "punire o penalizzare la magistratura italiana".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • angelo.Mandara

    06 Ottobre 2010 - 18:06

    Vedere le ultime apparizioni in TV del Cavaliere con quello stile un pò "assoluto" e con quel "piglio d'altri tempi"...mi sono chiesto...chi, tra Berlusconi e Fini, fosse più a destra ? E' vero pure che lo stesso Fini, dall'altro Cavaliere (suo "ascendente") avesse pure preso le distanze...ma arrivare ora quasi (?) a dialogare con un PD ? Col G. Almirante, dall'aldilà, a seguire la vicenda ?...Chissà poi, il neo-FLI dove trovi il coraggio di prospettare "nuove maggioranze" dimenticandosi dell'origine della loro elezione ? Forse che Fini, entrando nel PDL, non potesse pensare di portare il suo "gruppo all'ammasso", conscio della sparizione di AN (di ben maggior prestigio del nascente FLI, quasi partito "di ripicca" ?). Nella serata TV almeno tre dibattiti hanno mostrato ai ferri corti i neo duellanti dando un'impressione pessima, dove l'astio era palpabilissimo...e mentre Leggi e provvedimenti urgenti continuano a segnare il passo. Mentre in questo clima di supponenza e presupponenza...c'è da chiedersi se il Presidente della Camera possa continuare a ritenersi "super partes"... con buona pace della Costituzione italiana ? Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • stagnino

    06 Ottobre 2010 - 16:04

    Bersani che cacchio vai trovando tu e Di Pietro siete i nemici della maggioranza degli Italiani. Voi dovete farvi curare la (capa) cioè la testa voi soffrite di depressioni, mentali. A chi volete mandare a casa? A Berlusconi? Ma che cazzo dite? Vi siete ingrippati?Sig. Bersani se voi avevate governato bene nessuno vi avrebbe sbattuto fuori , questi problemi di lavoro, la colpa non è di Berlusconi. Ma vostra che siete stati dei pessimi governatori! Perciò milioni e milioni di connazionali siamo stati obbligati ad emigrare. E voi vi siete ingrassati come i Por*i. Berlusconi ha stravinto e stravincerà, Smettetela di fare i pagliacci accettate la volontà degli elettori ma voi senza rispetto, e senza educazione, come sempre avete fatto!! Vergogna, vergogna, vergogna, vergognatevi senza pudore e senza rispetto, Verso gli Italiani!

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    06 Ottobre 2010 - 10:10

    Vedere le ultime apparizioni in TV del Cavaliere con quello stile un pò "assoluto" e con quel "piglio d'altri tempi"...mi sono chiesto...chi, tra Berlusconi e Fini, fosse più a destra ? E' vero pure che lo stesso Fini, dall'altro Cavaliere (suo "ascendente") avesse pure preso le distanze...ma arrivare ora quasi (?) a dialogare con un PD ? Col G. Almirante, dall'aldilà, a seguire la vicenda ?...Chissà poi, il neo-FLI dove trovi il coraggio di prospettare "nuove maggioranze" dimenticandosi dell'origine della loro elezione ? Forse che Fini, entrando nel PDL, non potesse pensare di portare il suo "gruppo all'ammasso", conscio della sparizione di AN (di ben maggior prestigio del nascente FLI, quasi partito "di ripicca" ?). Nella serata TV almeno tre dibattiti hanno mostrato ai ferri corti i neo duellanti dando un'impressione pessima, dove l'astio era palpabilissimo...e mentre Leggi e provvedimenti urgenti continuano a segnare il passo. Mentre in questo clima di supponenza e presupponenza...c'è da chiedersi se il Presidente della Camera possa continuare a ritenersi "super partes"... con buona pace della Costituzione italiana ? Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • nuvola grigia

    04 Ottobre 2010 - 14:02

    Qualcuno mi sa dire a che pagina del programma di governo, che abbiamo votato, c'era scritto che bisognava fare di tutto per salvare Berlusconi, dai suoi processi!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog