Cerca

Vertice di maggioranza, intesa raggiunta tra Fli e Lega

Confermati i presidenti delle commissioni parlamentari, compresi i finiani Bongiorno, Moffa e Baldassarri

16
Vertice di maggioranza, intesa raggiunta tra Fli e Lega
Intesa raggiunta tra i capigruppo in Parlamento di Futuro e libertà, Lega e Pdl, Mpa e Noi Sud, durante il verice di maggioranza appena concluso.  Tutti d'accordo in poco più di mezz'ora. "L'orientamento - ha spiegato Maurizio Gasparri - è quello di confermare i presidenti di commissione che abbiamo eletto a inizio legislatura" , compresi i finiani Giulia Bongiorno alla Giustizia, Silvano Moffa al Lavoro della Camera e Mario Baldassarri alle Finanze al Senato.

Intesa anche sul ddl di riforma dell’università. Secondo quanto hanno riferito i partecipanti alla riunione, il calendario dei lavori verrà accelerato, anche grazie a un altro vertice programmato per oggi con il ministro Mariastella Gelmini e i parlamentari di centrodestra di Camera e Senato che seguono il provvedimento, per concordare eventuali modifiche.

L'incontro tra i capigruppo
negli uffici della Lega Nord a Palazzo Madama, ospitati nel Palazzo dei Beni Spagnoli, è il primo confronto dopo la fiducia ottenuta dal governo alla Camera e al Senato. Il capogruppo di Fli al Senato, Pasquale Viespoli, ha apprezzato l'iniziativa perché "si dimostra così un metodo partecipato e responsabile. Siamo qui per discutere sull'agenda politica e sulle commissioni". Positivo anche il giudizio di Fabrizio Cicchitto, capogruppo del Pdl a Montecitorio: il vertice è "l'espressione del tentativo di portare a compimento il programma dei prossimi tre anni", "rappresenta la continuazione di quanto avvenuto alla Camera e al Senato dopo l'esposizione dei discorso del presidente del Consiglio".

Giustizia - Per il presidente dei deputati di Fli, Italo Bocchino, con i "vertici di maggioranza si risolvono i problemi. C'è stato il riconoscimento di una terza gamba". Nel vertice non si è parlato di giustizia e legge elettorale. Ma la posizione dei finiani è chiara: "Sul sistema elettorale non esiste il vincolo di maggioranza. Noi abbiamo tre indicazioni di base: la necessità di indicare il premier, delineare prima del voto le alleanze e ripristinare il collegamento tra elettori ed eletti con le preferenze o con collegi uninominali". Sul lodo Alfano Bocchino ha confermato: "Noi siamo consapevoli della necessità di tutelare il sereno svolgimento della funzione del presidente del Consiglio. Vediamo con quali accorgimenti".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piccioncino

    06 Ottobre 2010 - 13:01

    Può darsi che alcune pensate tattiche abbiano spinto i gianfreghisti a voler dimostrare un po' di ragionevolezza...Mi restano molti dubbi.....L'importante è vigilare ogni minuto....perchè non mi fido......

    Report

    Rispondi

  • robe

    06 Ottobre 2010 - 13:01

    ma i fatti danno ragione a me!

    Report

    Rispondi

  • Marcoenrico

    06 Ottobre 2010 - 13:01

    Lei scrive"...perché Berlusconi è terrorizzato". Lei continua a confondere le Sue speranze con la realtà. Putroppo per Lei non è così, ovviamente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media