Cerca

L'ultima del Pd: Un'intesa con Montezemolo per battere Silvio

La proposta di Bettini vedrebbe il patron ferrarista con un incarico temporaneo e disinteressato. Bersani: "Idea fantasiosa"

L'ultima del Pd: Un'intesa con Montezemolo per battere Silvio
Il Pd ha finalmente trovato il "papa straniero", tanto auspicato dall'ex leader Walter Veltroni e temuto dall'attuale segretario Pierluigi Bersani. Il salvatore del centrosinistra "estraneo" alla politica potrebbe essere Luca Cordero di Montezemolo. Almeno secondo Goffredo Bettini, rappresentante di partito, che ha messo nero su bianco sul Riformista l'ipotesi ormai più accreditata tra i democratici.
"Se si vota a primavera le esigenze prioritarie cambiano radicalmente - spiega Bettini -. La sfida sarebbe, come è evidente, voluta da Berlusconi, per la sua sopravvivenza politica. Sarebbe estrema e drammatica: mettendo in gioco non solo un programma di governo, ma un modo complessivo di intendere la libertà, la giustizia, la democrazia, il rapporto con il popolo. In questo quadro, e solo in questo quadro, l’ipotesi che circola (anche se smentita) di un impegno di Montezemolo potrebbe avere un grande significato ed una grande presa". Più dell'ex ad di Unicredit Alessandro Profumo.

"Montezemolo non è Berlusconi. Non può fare per tante ragioni un suo partito; tranne diventare uno dei tanti, confondendosi con gli altri. Non può neppure essere il federatore dell’esistente costellazione dei leader già in campo, che hanno rapporti tra di loro assai logorati. La solitudine, che ha rivendicato, è la sua forza". Secondo Bettini, infatti, "dovrebbe compiere un atto di servizio, unilaterale, disinteressato e a termine; mettendo la sua popolarità ed esperienza a disposizione di una battaglia civile e democratica e giustificando la sua scelta con l’emergenza che l’Italia vive e che sta diventando sempre più pericolosa per il suo avvenire. Solo in questo modo c’è la possibilità che le risposte positive vengano da tutti, e spero in primo luogo dal Pd".

Intesa temporanea - Bettini assicura che "tutti saprebbero che l’intesa è temporanea, che in seguito ci si potrà ridividere in una situazione di normalità e in una competizione tra avversari che non si odiano e nella quale ognuno troverà gli alleati con coerenze programmatiche più profonde e strategiche. Certo questo comporta, nelle scelta che ci sta di fronte, differire ambizioni legittime ma laceranti: candidature per la leadership o prova di terzi poli decisivi. Ho l’impressione - conclude Bettini - tuttavia, che se prevarranno ancora una volta egoismi, calcoli di bottega e visioni corte, la destra populista, con o senza Berlusconi, prevarrà ancora una volta".

Ma il papa straniero di Maranello non convince il segretario Bersani che, al contrario, la relega nel capitolo delle trovate fantasiose. "Un’idea fantasiosa - ha detto a Viareggio il leader del Pd -, ma tutte le vie, anche le più fantasiose vanno bene per battere Berlusconi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piccioncino

    10 Ottobre 2010 - 19:07

    Caro Bruno Osti, mi pare che come al solito lei cerchi di confondre le acque, per cui le devo alcune doverose precisazioni: - la Fiat che (spesso giustamente) licenziava alcuni operai comunisti (per palese boicottaggio) era quella dell'ottimo manager Valletta (Agnelli fù abbligato a tale scelta disperata e sporadica, solo per tamponare un periodo buio intorno all'80, ove le frange colluse con il terrorismo la facevano da padroni, mandando a picco l'azienda); -Gianni Agnelli (modesto manager) ha sempre preferito una politica industriale di compromesso che anzichè all'efficienza aziendale, puntava essenzialmente ai sussidi statali (e perciò gli erano utili le strizzatine d'occhio al PCI);- l'erogazioneda parte dello stato di contributi alle aziende a fondo perduto è profondamento sbagliato perchè indebolisce la competitività, arrecando danni irreparabili al sistema; Nel lungo periodo del consosciativismo i Ministri democristiani contavano quanto il due di briscola...

    Report

    Rispondi

  • antoniop4103

    10 Ottobre 2010 - 18:06

    era già in organico del setta di sinistra al tempo che c'era ancora il "grande Evasore " di torino che mandava i "SUOI MINISTRI" a fare acquisti di fabbriche in Polonia od in Serbia oltre che in Turchia ed in Cina. I Sindacati erano la !TRUPPA DI TERRA" che usava i lavoratori come carne da cannone.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    09 Ottobre 2010 - 09:09

    Le ricordo che la FIAT schedava e licenziava i suoi operai (di sinistra) che osavano protestare; le ricordo le lotte sindacali durissime per molti anni, con molteplici scioperi. Che quando prendevano i soldi dallo Stato, c'era la DC (da sempre) al governo, con maggioranza inattaccabile e col ministro delle finanze SEMPRE democristiano. Che i soldi dati alla FIAT significavano anche tenere in vita le migliaia di piccole grandi aziende che producono TUTTA la componentistica, con ua ricaduta di ricchezza ad amplissimo raggio. Che non solo la Fiat ha attinto denaro pubblico ma anche artigiani ed alberagtori con finanziamenti a fondo perduto. Nella mia regione, turistica, albergatori hanno rifatto ed ampliato le loro strutture totalmente con finanziamenti a fondo perduto. Gli ampliamenti hanno poi permesso di assumere altro personale tra i quali, probabilmente, qualcuno che la pensava come lei.

    Report

    Rispondi

  • cave canem

    08 Ottobre 2010 - 13:01

    FIAT e satelliti cosè, siete già stanchi di lavorare per tenere in piedi le aziende? vi serve di nuovo una sinistra amica che vi ingrassi senza dover dimostrare che sapete lavorare e guadagnare. Per caso avete paura del dopo Marchionne? e quindi vi preparate ad una nuova stagione ricca di strenne di incentivi e chi più ne à più ne metta. occhio ,di coglioni ne sono rimasti pochi , e di soldi anche. Pensaci bene Montezemolo, sputtanarsi così in vecchiaia, accomunarsi ad un Bersani solo per soldi non è il massimo , va bene che pecunia non olet ma in questo caso la puzza è insopportabile.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog