Cerca

Burqa, disegno di legge per vietarlo

L'ha proposto Isabella Bartolini. Divieto di cittadinanza e 30mila euro di multa a chi impone alle donne l'uso del velo integrale

Burqa, disegno di legge per vietarlo
Divieto del burqa anche in Italia. È la proposta di Isabella Bertolini, della Direzione Nazionale del Popolo della Libertà per vietare questo indumento nei luoghi pubblici. Si prevedono sanzioni da 300 a 500 euro, commutabili nell’obbligo di prestare servizio non retribuito in attività sociali e culturali. Il progetto di legge introdurrebbe il reato penale e la negazione della cittadinanza italiana a tutti coloro che obbligano le donne a coprirsi con il velo integrale. In più un anno di reclusione e una multa di 30mila euro.
"Il velo integrale è simbolo dell’inaccettabile condizione di segregazione delle donne islamiche, totalmente incompatibile con i principi di uguaglianza tra uomo e donna e di pari dignità sanciti dalla nostra Costituzione e condivisi da tutti i paesi democratici” ha spiegato la Bertolini.

Il progetto andrebbe a modificare la normativa 152/75 sul divieto di indossare indumenti che rendono difficoltoso il riconoscimento delle persona in pubblico, inserendo un esplicito riferimento al burqa e al niqab, oltre a tutti gli accessori di qualsiasi origine etnica e culturale, che coprono integralmente il volto.

Secondo il comitato per l’Islam italiano, un collegio del ministero dell’Interno, il divieto è giusto “ma omettendo nella legge ogni riferimento alla religione o all’Islam”. Il parere è stato scritto dal titolare del Viminale Roberto Maroni in una nota trasmessa alla commissione Affari Costituzionali della Camera. “Il comitato, – ha precisato il ministro –  rilevato che l’uso del burqa e del niqab non costituisce adempimento di un obbligo religioso, secondo il Corano e secondo l’opinione prevalente della dottrina giuridica islamica, suggerisce di disciplinare la materia facendo riferimento esclusivo a profili di ordine pubblico”. "La riconoscibilità delle persone - si legge nella nota - deve essere garantita, tanto più a fronte del rischio internazionale collegato al terrorismo”. Il consiglio è “deconfessionalizzare la legge” per non alimentare polemiche come successo in Francia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gicchio38

    13 Ottobre 2010 - 09:09

    ERA ORA; ALMENO IL PARLAMENTO AVRA' QUALCHE COSA DA FARE.

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    11 Ottobre 2010 - 20:08

    Perche' le nostre belle ragazze non fanno una moda del burka.? Sarebbe carino vedere migliaia di donne viaggiare col coprivolto e poi studiare l'effetto che fa. GFP

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    11 Ottobre 2010 - 20:08

    Ma è gia' vietato coprirsi il volto, non si capisce perche' insistere. Abbiamo tanti vigili urbani attentissimi ai secondi scaduti dei tiket di sota o dei dischi orari che potrebbero benissimo darne a chi viaggia a piedi col volto coperto . Si sa poi, che i VVUU in questi casi prendono sempre le distanze. A loro non piace discutere.

    Report

    Rispondi

  • giuliab09

    11 Ottobre 2010 - 15:03

    e se non va bene alle signore ed ai loro mariti , per i loro motivi indiscutibili, se ne tornino dove ciò è concesso e così vivremo tutti felici e contenti!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog