Cerca

Fini risponde a Ciarrapico sugli ebrei

"Quando si dice di fronte a un'ingiuria 'ma io sono amico di Israele', significa non aver capito nulla"

Fini risponde a Ciarrapico sugli ebrei
Dopo le critiche da parte della comunità ebraica e del presidente del Senato Schifani a Giuseppe Ciarrapico, anche Gianfranco Fini condanna duramente le frasi sugli ebrei pronunciate nell'aula di Palazzo Madama giovedì scorso.

La terza carica dello Stato boccia senza appello la condotta del senatore del Pdl. Non solo l'accostamento ebreo-traditore e il riferimento alle kippah in chiave antisemita, ma anche le scuse di Ciarrapico e il tentativo di Berlusconi di difendere il senatore. "Quando si dice di fronte a un’ingiuria agli ebrei 'ma io sono amico di Israele', significa non aver capito nulla", dice Fini parlando a una platea di giovani delle scuole al Festival delle Giovani idee in corso all’Eur.

Quelle parole significano a giudizio dell'ex di An che "qualcuno considera gli ebrei italiani meno italiani. Questa è una bestialità perché in Italia c'è stata una consolidata e antica presenza nazionale dell’ebraismo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gicchio38

    10 Ottobre 2010 - 10:10

    NON LEGGO NEANCHE L'ARTICOLO MA MI RIFERISCO ALLA STORIA. QUEL POVERACCIO DI fini HA CREDUTO CHE ANDANDO IN ISRAELE E' RIUSCITO A PRENDERE PER IL C*** TUTTO IL MONDO. MA CI FA O TENTA DI CREDERCI. MA HA DIMENTICATO CHE SUO nonno (il bel benito) FRA LE TANTE PORCHERIE E ANGHERIE FECE VOTARE LA "LEGGE RAZZIALE" CHE TANTI LUTTI E UMILIAZIONI PROCURO' AL POPOLO EBREO. FORSE HA PRESO PER IL CULO QUALCHE BUONTEMPONE, MA CHI HA ANCORA SULLA SUA PELLE E VIVE, CHE PURTROPPO SONO ORAMAI POCHISSIMI, NON CREDO ABBIA DIMENTICATO. E LUI CON QUELLA FACCIA DA BEONE CONTINUA A MENTIRE PERCHE' IL SUO CUORE E' NERO COSI' COME LO FU QUELLO DEI SUOI PREDECESSORI. LA FINE CHE FECERO E' STORIA E LI IL MIO CUORE SI RIEMPIE DI GIOIA PERCHE' PER I TRADITORI ARRIVA SEMPRE UNA FINE ED ANCHE PER LUI QUESTA FINE NON E' LONTANA. QUINDI FACCIA, ANCORA PER POCO, IL BRAVO E SAPPI CHE LA RESA DEI CONTI NON E' LONTANA E COMUNQUE DIPENDE DA te PICCOLO UOMO.

    Report

    Rispondi

  • Al-dente

    09 Ottobre 2010 - 12:12

    Non gli servirà a niente a Fini fare il furbo su Ciarrapico, anche i fessi hanno capito con chi ce l'avesse Ciarrapico, di sicuro non con gli ebrei. Inoltre nel mettersi a disquisire su un ipotetica offesa che non c'è mai stata, sorvola tranquillamente sull' offesa fatta al Presidente del Consiglio da Di Pietro mentre era lui stesso a dirigere la seduta della Camera, in più non ha niente da dire sulla libertà di stampa che viene colpita da ingiustificate azioni di perquisizione magari solo perchè ha qualche rampogna contro quel particolare giornale come individuo ma dimenticandosi d'essere la terza carica delle Istituzioni e che la cosa gli compete più che mai visto che un giorno sì e l'altro pure parla di democrazia e libertà ma ai fatti dimostra la sua vera faccia.

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    09 Ottobre 2010 - 11:11

    Quando qualcuno in parlamento gli fa una critica lo obbliga a chiedere scusa e rimangiarsi ciò che ha detto. Quando qualche giornale lo critica o informa i cittadini di qualche suo scheletrino lo denuncia, quando ..... non vorrei essere troppo cattiva peciò basta così. Quando un cafone ingiuria i presidente Berlusconi a parte un blando richiamo va tutto bene così e non si mettono sanzioni. Quando alcuni giornai criticano Berlusconi o qualche parlamentare di cdx è giusto perchè c'è la libertà di stampa e i cittadini devono essere informati. Caro fini credo che lei abbia un pò di confusione in testa. Non abbiamo capito cosa intende lei per moralità e legalità. La prego lo spieghi con parole semplici in modo che tutti possano capire. Ma forse preferisce di no altrimenti tutti sarebbero schifati.

    Report

    Rispondi

  • opinione-critica

    07 Ottobre 2010 - 17:05

    Fini afferma, riferendosi a Berlusconi: "...Quando si dice di fronte a un’ingiuria agli ebrei 'ma io sono amico di Israele', significa non aver capito nulla". Lui capisce tutto, sopratutto quando c'è da cambiare bandiera non si lascia scappare l'occasione. Fini è rimasto fedele al MSI; ad AN; tant'è che somo spariti! Fini è talmente fine che neppure si vede. Però si sente! Di chi è il portavoce?

    Report

    Rispondi

blog