Cerca

Bersani insiste: "Governo di transizione per cambiare legge elettorale"

Intervento del segretario del Pd nell'ultima giornata dell'Assemblea nazionale: "Non siamo rispettati, ma presto lo saremo"

Bersani insiste: "Governo di transizione per cambiare legge elettorale"
Un bilancio del governo di centrodestra ma anche un commento sull'operato del centrosinistra. Per Pier Luigi Bersani, l'Assemblea nazionale democratica del Partito democratico - conclusosi oggi a Varese - è l'occasione per tirare le somme di quanto fatto fino ad ora. Ma anche per anticipare le prossime mosse dell'opposizione. Ma all'ordine del giorno c'è sempre la situazione attuale della politica italiana: "Il centrodestra è in crisi politica. Siamo pronti a un breve governo di transizione, con la riforma della legge elettorale al primo punto", ha annunciato Bersani, prima di lanciare un appello "a tutte le forze che vogliono mettere in sicurezza la democrazia".

La legge elettorale, secondo il leader del Pd, è "centrale: cerchiamo di capire che le norme attuali consentono con il 35-36% di voti, di prendersi tutto, compresa la maggioranza nelle Camere riunite per procedere all’elezione del capo dello Stato. Stiamo parlando di questa roba qua. Quando facciamo troppo i sofistici, 'governo di transizione sì, però... cerchiamo di capire qual è la posta in gioco. Se diffondiamo l'idea che c'è un’invincibile smania per l’inciucio, per il compromesso, noi facciamo dei danni".

Il Pd - Sulle condizioni di salute del suo partito Bersani afferma: "Non siamo rispettati abbastanza, non ci rispettano abbastanza gli amici, gli avversari. Su di noi si dice di tutto - racconta - mi sveglio al mattino e imparo che ho fatto cose che non ho neanche mai pensato. Ma vi garantisco che ce l’avremo 'sto rispetto, con calma e gesso, ci rispetteranno. L'unica condizione - avverte - è che ci rispettiamo noi. Se ci rispettiamo noi stiamo sicuri che poi ci rispetteranno".

Istruzione e cultura - "Abbiamo azzoppato il futuro - ha dichiarato Bersani - siamo gli unici al mondo che hanno dato una botta micicale al sistema del sapere e della conoscenza. Hanno fatto il miracolo di tagliare una barca di soldi a istruzione e cultura senza risparmiare su spesa corrente che è cresciuta comunque". Critiche anche verso riforma universitaria allo studio da parte di Maria Stella Gelmini: "Sento parlare di merito e valutazione, ma dov'è questo merito, dov'è questa valutazione? Dov'è che dobbiamo aspettarci questa spinta riformista?".

La finanza - Bersani parla anche della crisi, nei suoi aspetti prettamente finanziari: "Paghi la finanza quello che ha determinato la finanza: si metta tassa sulle transazioni finanziarie", ha detto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • liberal1

    17 Marzo 2011 - 07:07

    Se Bersani non fosse più eletto che lavoro farebbe? O campa solo di politica alle spalle dei cittadini? Ha ragione cambiamo la legge elettorale elezione diretta del Premier con un doppio mandato e non più rieleggibile come in America e sbarramento al 15% e taglio di parlamentari e senatori massimo 500 tra tutte e due le camere abolizione dei senatori a vita abolizione dei privilegi dei presidenti camera e senato dopo i loro mandati. Di che stiamo parlando? Di fantascienza ragazzi alla faccia dell'Italia e la sua festa di 150 anni, qui la festa la fanno i politici non i Cittadini. Onorevole Bersani la cambierebbe in questo modo la legge elettorale? non credo e neanche i deputati del PDL hanno scoperto l'eldorado se magna che è una meraviglia, alla faccia degli Italiani. Silvio se ci sei Batti un colpo prendi il toro per le corna la politica è un servizio non un mestiere. Raga queste sono parole al vento purtroppo

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    13 Ottobre 2010 - 19:07

    Roma, 7 apr. (Adnkronos) - "Per Pier Luigi Bersani il bipolarismo, a prescindere del sistema elettorale, non è in discussione e sbarramento al 4/5%..." ----------Non sembra che questo governo durerà gli agognati 5 anni. ---------Per quanto concerne la regalia di posti non è che Berlusca scherzi: Santanchè, Mussolini ed ora Storace, al quale ha promesso un sottosegretariato (creandone uno ad hoc), tutti con zero virgola, pur di averlo con lui e tamponare le uscite dei finiani.----Per il programma basterebbe visitare il sito del PD alla voce PROPOSTE ed essere informati.

    Report

    Rispondi

  • luigigiggi1962

    13 Ottobre 2010 - 16:04

    Io non insulto, rispondo solamente al tuo commento. Riguardo la polvere è normale che tutti tornano polvere, ma, il tuo partito gia lo e'. Saluti e grazie per la chicchierata.

    Report

    Rispondi

  • luigigiggi1962

    13 Ottobre 2010 - 11:11

    Io non insulto, rispondo solamente al tuo commento. Riguardo la polvere è normale che tutti tornano polvere, ma, il tuo partito gia lo e'. Saluti e grazie per la chicchierata.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog