Cerca

Montezemolo: "Tremonti non aiuta la crescita, intervenga Berlusconi"

Durissimo attacco di ItaliaFutura al Ministro: "Politica immobile. No ad atteggiamenti di autosufficienza"

Montezemolo: "Tremonti non aiuta la crescita, intervenga Berlusconi"
Luca Cordero di Montezemolo sfrutta il sito della sua fondazione ItaliaFutura per criticare il Ministro dell'Economia Giulio Tremonti. Il Presidente della Ferrari scrive che "se l'incapacità di pensare alla crescita trasforma di fatto il Ministero dell'Economia in un ministero del Bilancio allora sarebbe auspicabile che il presidente del Consiglio si facesse carico in prima persona delle scelte fondamentali di politica economica".
Montezemolo poi continua: "Il rigore è importante, la crisi economica e finanziaria potrebbe riacutizzarsi, ma ci sono due questioni che non possono più essere eluse: primo, nessun soggetto (azienda o nazione) può sopravvivere a lungo di solo rigore senza investire; secondo - spiega ancora ItaliaFutura - chi ha l’onere e l’onore di ricoprire un importante incarico di governo ha anche il dovere di spiegare al paese le sue scelte senza indulgere in atteggiamenti di autosufficienza".

L'ex Presidente di Confindustria si sofferma, tramite ItaliaFutura, sui tagli alla cultura (partendo dalla "battuta malriuscita e mai smentita" del Ministro "La gente non mangia cultura"). Scrive, durissimo, Montezemolo: "Difficile trovare una frase più emblematica dell’incapacità della politica di progettare il futuro del paese. Come un ministro dell’Economia dovrebbe ben sapere - prosegue l'articolo - in Italia la cultura sfama direttamente milioni di cittadini e contribuisce in maniera determinante a rafforzare il 'marchio Italia' che sostiene milioni di piccole e medie imprese. Viene da chiedere al ministro su cosa l’Italia dovrebbe investire se non sulla valorizzazione del proprio patrimonio artistico e culturale?".

ItaliaFutura parla poi di "immobilismo" della politica, quindi prosegue: "Non ci sono soldi da investire per la cultura, per le infrastrutture, per la ricerca, per il taglio delle tasse, per la giustizia, per la scuola, per i servizi alle famiglie. In una parola non ci sono risorse per la crescita e per gli investimenti. Mai una volta che mancassero però i fondi per alimentare la spesa pubblica improduttiva (province in testa) o i costi della politica".

Da parte di ItaliaFutura giungono addirittura consigli sugli obiettivi che la politica deve mantenere: "Trovare e proporre soluzioni al Paese. Tagliare gli sprechi in tutti i settori (cultura inclusa) è sacrosanto ma bisogna spiegare: come si intende procedere, quando ci saranno delle risorse da investire, con che criterio verranno assegnate in maniera da incentivare anche gli investimenti dei privati".

Per Montezemolo, inoltre, arriva l'ennesima richiesta - neanche tanto velata - di entrare in politica: l'ultima, in ordine di tempo, giunge dal finiano Italo Bocchino, che gli propone la leadership della nuova alleanza tra Fini, Casini e Lombardo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • onorio1904

    06 Agosto 2011 - 19:07

    tutti quanti anche se non personaggi di primo piano ma solo dei comuni mortali, sappaimo che è più facile criticare che fare. Non per niente i nostri nonni e genitori ci spiegavano sempre che - tra il dire ed il fare c'è di mezzo il mare-. Già da un pò di tempo ho capito che quel proverbio non è stato spiegato a nessuno, ed i politici che si fanno vedere in televisione lo dimostrano abbondantemente. Per fortuna che parecchi di noi conoscono altre lingue e quindi le notizie le apprendono dai telegiornali stranieri che si ricevono dai satelliti.-

    Report

    Rispondi

  • enio rossi

    24 Novembre 2010 - 11:11

    Ecco, ci mancava solo questo incapace quà, che ha anche fatto perdere il campionato alla Ferrari, ad ingrossare la banda dei sinistri!

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    16 Ottobre 2010 - 11:11

    quattordici anni: vent'anni fa governo e Lavori Pubblici erano Democristiani, fino al '94; dal '94 al 96 c'è stato Berlusconi. Dopodiché Lui ha governato altri nove anni ed ora con una maggioranza stratosferica: dove sono questi fantastici lavori pubblici, queste grandi realizzazioni promesse, l'abbattimento delle tasse, l'eliminazione delle provincie, l'abolizione del bollo, la modernizzazione della macchina statale, l'abrogazione di lacci e lacciuoli;

    Report

    Rispondi

  • paolino46

    15 Ottobre 2010 - 19:07

    M'E' SCAPPATO UN COLPO. Volevo finire la frase. Intendevo che è maleducazione , da qualsiasi parte venga. Il rispetto del diverso pensiero polico è alla base della democrazia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog