Cerca

Berlusconi sulla giustizia: "La riforma è pronta"

Il testo sarà presentato al Cdm la prossima settimana per l'accordo definitivo tra le parti politiche

Berlusconi sulla giustizia: "La riforma è pronta"
La riforma della giustizia "è praticamente già completata con un suo articolato" e sarà presentata al Consiglio dei ministri la settimana prossima. Ad annunciarlo è il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Aprendo il tavolo con le parti sociali sulla riforma fiscale, il premier ha assicurato che il testo è già "stato sottoposto a tutte le forze politiche presenti in Parlamento per trovare un accordo definitivo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mazimo

    21 Ottobre 2010 - 15:03

    Ormai ogni parvenza di decenza e' completamente saltata in questa povera Italia ridotta come controfigura della peggiore repubblica di bananas. Far fare la riforma della giustizia a un tizio che ha piu' processi pendenti che capelli trapiantati in testa e' opportuno come assegnare al lupo cattivo il compito di scortare cappuccetto rosso nel bosco. Ma tranquilli berluscones, ora ci pensa lui. E' tornato in piena attivita' e si vede: ieri gia' un bel balzo in avanti per il lodo Alfano e un doveroso salvacondotto per l'amico di ladrate Lunardi. Tutte iniziative necessarie e che a noi italiani servono tanto, per carita', lo sappiamo che fa tutto per noi. Ed anche le manganellate ai pastori sardi, ai napoletani assediati dagli "sversamenti" ed agli Aquilani che scarriolano sono necessarie e doverose. Del resto, quelli sono problemi che Silvio nostro ha risolto da moltissimo tempo, ma che vogliono 'sti qua? Tze.

    Report

    Rispondi

  • ubik

    21 Ottobre 2010 - 14:02

    http://it.wikipedia.org/wiki/Insulto

    Report

    Rispondi

  • skyroll

    21 Ottobre 2010 - 13:01

    questa e' l'ultima opportunita' del governo e di Berlusconi di recuperare consensi in vista di una riforma fiscale che si spera, moderna,giusta,equa ed europea.Speriamo che non sia la solita riforma all'italiana ovvero il gioco delle tre carte,dove tra togli e metti,nulla cambia se non in peggio visto che con il federalismo fiscale,come gia' avviene con i tributi locali,il potere impositivo a queste concesso ci offre poche speranze.Per ora Tremonti ha fatto solo il ragioniere e non ha tolto neppure un dito delle mani cosi' da lui strenuamente criticate,messe da Prodi e Visconelle nostre tasche.Toglieremo le province,le comunita' montane,accorperemo i piccoli comuni,elimineremo enti inutili e parassitari,dimezzeremo il numero dei parlamentari e dell'apparato politico,gli sprechi e le spese inutili,il bollo auto ......dopodiche' si sono risvegliati e per paura di perdere il loro paese dei balocchi,ci hanno ripensato e con l'alibi della crisi fanno finta di non accorgersi di nulla.

    Report

    Rispondi

  • roberto-1943

    21 Ottobre 2010 - 13:01

    Mi scusi ma Lei non è capace di esprimere una critica o fare un commento senza vomitare insulti ?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog