Cerca

Vendola: "Meno male che c'è Napolitano..."

Il Governatore pugliese: "Lodo Alfano, un grande scandalo. Rifiuti: Berlusconi come Giano bifronte". Gelo con D'Alema

Vendola: "Meno male che c'è Napolitano..."
Dopo i 90 minuti di comizio fiorentino di venerdì, Nichi Vendola torna a parlare di politica nazionale: ormai la sua candidatura come leader della sinistra italiana, in vista delle prossime Politiche, è una realtà. Ai microfoni di Sky Tg24, il Governatore di Puglia che sogna di governare il Paese parla di tutte le tematiche sulle prime pagine dei giornali, partendo dal Lodo Alfano: "E' importante che gli attori della vita pubblica ragionino dei rischi drammatici che corre la nostra democrazia - esordisce Vendola - ma da questo punto di vista, fortunatamente, il custode dei valori repubblicani e costituzionali, il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha un rigore ammirevole. Con sobrietà di linguaggio ha la capacità di non perdere una battuta e allora, meno male che c'è Napolitano...". Perchè secondo lui il Lodo "è solo uno dei mille escamotage che da 15 anni Berlusconi cerca per sottrarsi ai processi. E' un grande scandalo - accusa - la più grande e costante violazione del principio di civiltà dell’articolo 3 della Costituzione, per cui tutti i cittadini sono uguali di fronte alla legge. Insomma, viviamo in un paese dove i poveri cristi sono condannati a prescindere, come direbbe Totò, e l’etnia berlusconiana è innocente per definizione".

Emergenza rifiuti - "Finora gli apprendisti stregoni hanno presentato risultati salvifici senza alcun fondamento e oggi sono di fronte agli spettri che hanno evocato - recita, metaforicamente, il leader di Sinistra Ecologia e Libertà - Il ciclo dei rifiuti non può essere affabulazione ed ecoballe gigantesche. Per esempio l’inceneritore di Acerra non è un gioiellino, ma è uno scandalo e, soprattutto, per il futuro non si può pensare di passare dalla dittatura della discarica a quella dell’inceneritore. Berlusconi è Giano bifronte - prosegue - per metà l’uomo delle soluzioni magiche e per l’altra metà quello delle manganellate ai cittadini di Terzigno".

Gelo con D'Alema - Se Massimo D'Alema, al "Sole 24 Ore", aveva proposto "un governo di larga convergenza, di durata limitata, che affronti la legge elettorale e non solo", Nichi prende le distanze e dice: "Non ci sono le condizioni per aggregare una maggioranza tra centrosinistra e centrodestra, che faccia le riforme economiche, perchè queste non sono un dato neutrale, oggettivo. Si possono fare riforme che curano o che uccidono il malato - afferma il Presidente della Regione Puglia - Ci sono riforme di destra che non toccano redditi e ricchezze di un certo mondo privilegiato, la speculazione e la rendita finanziaria, oppure ci sono riforme che toccano chi ha accumulato ricchezze vergognose e che provano a salvaguardare il welfare. E' difficile perciò immaginare che oggi si possa trovare una quadra tra culture che sono antagoniste. Il paese va salvato - dice - ma va salvato dal tremontismo, da chi pensa che la spesa sociale possa essere sacrificata nel nome della riduzione degli stock di debito pubblico. Vanno salvate le famiglie - conclude - va salvato il mondo del lavoro, i pensionati, i giovani innanzitutto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicola.guastamacchiatin.it

    27 Ottobre 2010 - 15:03

    On.le Vendola, lascia stare un personaggio che ha raggiunto i suoi anni e non deve essere preso per il bavero da avventurieri della politica.

    Report

    Rispondi

  • spadaccino100

    27 Ottobre 2010 - 13:01

    Sig. Fini tu vuoi, ed accetti che quei delinquenti compagni, di ritornare ai tempi di Moro? Tu sai che questi compagni sono dei selvaggi, prepotenti, senza scrupoli, senza cultura, senza dottrina cristiana; Pronti ad ammazzare, egoisti, senza dignità, senza civiltà e ne personalità. Pur di governare , ANCHE SENZA IL CONSENSO DEGLI ELETTORI. TU SAI SIG. FINI QUELLA GENTAGLIA TI USA E POI TI GETTA VIA!!! ((MA CON LORO IL GALLETTO NON LO FARAI MAI PIÙ))E SE DOPO VUOI RIVENTICARTI; TI FARANNO LA FESTA COME HANNO CON MORO BONANIMA CON RISPETTO PARLANDO, E TANTI ALTRI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • gicchio38

    27 Ottobre 2010 - 11:11

    E MENO MALE CHE CI SEI TU CHE TI PORTI APPRESSO IL TUO SPOSO.

    Report

    Rispondi

  • bisnonna!

    26 Ottobre 2010 - 18:06

    Ho ascoltato , con attenzione, il discorso, non integrale, di Vendola , ma oltre al suo ottimo italiano, alla sua capacità oratoria,non vi ho trovato alcuna soluzione ai problemi , se non slogan che fanno sempre effetto come equità, lavoro, precari( Tutto condivisibile )ma, come? Durante un dibattito , alla Ségolène Royal (più o meno gli stessi argomenti ) venne fatta una domanda secca ": con quali soldi ?"La mucca = lo Stato, non ha più latte!Le aziende scelgono altri lidi: evviva la globalizzazione. Soloni comici , come Beppe Grillo, ci consigliano aria pulita con i pannelli solari, dopo di che scopri che la sua mega villa a Marina Bubbona non ne possiede, Vendola cosa ci propone ? Equità sociale: perché non incomincia lui, e a ruota i suoi consiglieri che hanno stipendi da favola?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog