Cerca

Giustizia, il Premier: "Accordo sulla riforma o parlo alle Camere"

Berlusconi: "Trattative in corso". Poco prima Fini aveva chiesto garanzie sull'indipendenza della magistratura

Giustizia, il Premier: "Accordo sulla riforma o parlo alle Camere"
Da Bruxelles, il presidente Silvio Berlusconi anticipa le sue idee sulla ormai imminente riforma della Giustizia. Il suo probabile intervento in Parlamento sarà una sorta di messaggio agli italiani, esponendo loro la necessità di un cambio netto al sistema giudiziario nel nostro Paese: "Non ho ancora deciso quando fare questo intervento e spiego perché. Stiamo trattando con le altre forze politiche per una riforma della giustizia e quindi non voglio anticipare un mio forte intervento rispetto a possibili accordi che potrebbero farci arrivare a una conclusione positiva sulla possibilità di una riforma globale della giustizia. Se questo non dovesse succedere - prosegue Berlusconi - allora io farò un intervento in Parlamento in cui, togliendo ogni infingimento e ogni ipocrisia dirò agli italiani, partendo dal Parlamento, quale secondo me è oggi la situazione della giustizia e della magistratura italiana".

Fini: "Come un ritorno al fascismo" - I pm devono rimanere liberi. È quello che sottolinea il presidente della Camera al convegno di Bari su ‘Organizzare la giustizia, il ruolo del nuovo CSM: fra nuove regole da scrivere e vecchi ruoli’. Secondo Fini, la proposta berlusconiana sarebbe un ritorno al “fascismo”. Il leader di Fli commenta che “non sarebbe motivo di scandalo separare le carriere tra magistrati inquirenti e giudicanti, ma è una riforma da fare senza rinunciare all'indipendenza della magistratura. Carriere separate sì ma senza assoggettamento all'esecutivo". Discorso contrario a quello che aveva affermato ieri Michele Vietti, vicepresidente del Csm che si era opposto “alla separazione”.

Fini ha detto che non è comunque d’accordo con la volontà di riforma del governo. Ritiene che la composizione attuale dell’organico sia “adeguatamente bilanciata” e un cambiamento porterebbe a “un'alterazione d'equilibrio fra i poteri dello Stato". Ha sottolineato che “un eccessivo peso ai non togati esporrebbe l'organo ad una forte dipendenza dal potere politico, con gravi rischi per l'imparzialità dei giudici”.

Quello che bisogna fare, secondo la terza carica dello Stato, è vincere la lentezza dei processi, “il peggior male della giustizia". Per superare la sfida, non si deve fare tagli ma anzi aumentare il numero dei magistrati e dei loro strumenti, come la “costruzione di nuovi carceri, perché il problema del loro affollamento non può essere risolto con indulti o chiudendo gli occhi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tonipier

    04 Novembre 2010 - 08:08

    Il pentitismo politico di cui Alleanza Nazionale è diventata antesignana, ha genesi e motivazioni simili a quelle del pentitismo giudiziale: il desiderio smodato, la prospettiva di conseguire vantaggi sempre maggiori, lucri più estesi, di accedere all'esercizio dei pubblici poteri per poterli strumentalizzare in senso utilitaristico, egocentristico, e non può revocarsi in dubbio come chi antepone il propio tornaconto al bene comune, che abdica alle propie idee nelle sollecitazioni esercitate dalla cupidigia, dalla ingordigia, si rende artefice dell'avvento delle epoche di ruberie, di disonestà amministrativa, di corruzione, di saccheggio del pubblico denaro. Il pentitismo di qualsiasi natura, si esplica in danno di coloro che hanno avuto rapporti di collaborazione, di cooperazione, con chi si risolve a tradire i compagni di cordata.

    Report

    Rispondi

  • PALTE

    02 Novembre 2010 - 14:02

    SE IL GIUDICE ,CHE NON E' PERFETTO..... SBAGLIA HO SI LASCIA PRENDERE LA MANO PER LE SUE CONVINZIONI NESSUNO LO PUO GIUDICARE O SANZIONARE ALE'............

    Report

    Rispondi

  • ro.di.mento

    02 Novembre 2010 - 14:02

    la lettera di cossiga era veramente molto istruttiva! dovrebbero farci un manifesto ed attaccarlo in strada affinchè possano leggerla tutti i cittadini. ma purtroppo ai nostri politici manca il coraggio. grazie

    Report

    Rispondi

  • giovannib

    01 Novembre 2010 - 14:02

    Presidente Berlusconi vada avanti "muro o non muro tre passi avanti" vediamo se quei vigliacconi di fini, bocchiono, granata ecc ecc. avranno il coraggio di perdere i bei soldini che guadagnano senza lavorare e creando danni Viva l'ITALIA LIBERA

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog