Cerca

Marina e Piersilvio: politica, no grazie

Dopo lo scontro con Bocchino, la Fininvest nega l'ingresso in politica. E Barbara si dà al calcio

Marina e Piersilvio: politica, no grazie

Marina Berlusconi non seguirà le orme del padre. Nessuna "scesa in campo", quindi, per la presidente del gruppo Fininvest, che con una nota ha voluto smentire le ipotesi circolate negli ultimi giorni circa l'impegno politico. "Dobbiamo ribadire che non c'è nulla di vero", così la nota della società. "Si tratta di semplici illazioni e di ipotesi che nono sono mai esistite". Negli ultimi giorni l'ipotesi si era ingigantita dopo la polemica tra Marina e il braccio destro di Gianfranco Fini, Italo Bocchino. Il capogruppo alla Camera di Fli aveva dichiarato che "Berlusconi forse pensava di aver edificato Palazzo Chigi per lasciarlo a Marina e Piersilvio". Una battuta di pessimo gusto, "come quasi tutto quello che dice l'onorevolo Bocchino", aveva aggiunto Marina.

Al coro di smentite si è voluto aggiungere Piersilvio Berlusconi, che con ironia ha affermato come non ci sia "nessun rischio di monarchia: escludo assolutamente, anche io, ogni coinvolgimento politico".

 

Anche Barbara, nel frattempo, non è da meno. La giovane figlia del Premier si appresta a fare il suo ingresso ufficiale in via Turati, sede del Milan. Lo si è appreso tramite un comunicato ufficiale della società: "Oggi la dottoressa Barbara Berlusconi ha incontrato nella sede di via Turati l'Amministratore Delegato Adriano Galliani per discutere di un suo possibile impegno all’interno del Club - recita la nota del club - L'ingresso di Barbara testimonia la grande importanza del Milan per la famiglia Berlusconi, da sempre emotivamente vicina alla squadra, e ne conferma la volontà di continuare a mantenerla ai vertici del calcio mondiale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • perfido

    28 Giugno 2011 - 21:09

    Anche senza voler capir nulla di politica, perchè nulla c'è da capire, occorre che ci sia il cognome BERLUSCONI per far sì che questa Italia vada sempre in avanti. Sono fermamente convinto che se ciò, non dovesse avvenire per il tratto futuro, si ritorna alla vecchia e becera politica degli anni roventi: clientelismo, tessere partitocratiche, correnti e "conti" nei partiti, assedio agli appalti, discontinuità della morale, insomma si ritorna alla vecchia "balena bianca" con la spartizione del pane e dei pesci. Meditate Marina e Piersilvio. Saluti.

    Report

    Rispondi

  • anes332000

    28 Giugno 2011 - 16:04

    E' Pate..tica........

    Report

    Rispondi

  • ulisse di bartolomei

    13 Febbraio 2011 - 10:10

    Bravo Ferrara… ha toccato parecchi tasti dolenti. Non solo Le televisioni di Berlusconi gli vanno talvolta contro, ma la mondadori pubblica una gran quantità di libri che giustificano il modo di essere della nostra società e portano acqua al peggior nochilismo e postmodernismo che si propagandi nel mondo occidentale. Abbiamo le scuole e le università infestate di educatori marxisti che attuano autonomamente probrammi antigovernativi, anticristiani, distruggono la fiducia degli alunni nei confronti dei loro genitori quando cercano di osteggiare questo infame mercimonio ideologico, trascurano le materie classiche come la storia che confondono nella mente degli infanti e adolescenti reinterpretandola… c’è da aggiungere? Marina svegliati! I saviano ti fanno guadagnare, ma si arricchiscono per comprare una corda robusta per impiccare la vita cristiana.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    18 Gennaio 2011 - 18:06

    1 voto a testa ciascuno: il loro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog