Cerca

Gelmini: "Riforma universitaria vi aiuta"

Videomessaggio del ministro su Youtube: "Studenti, non fatevi strumentalizzare". Occupata Basilica di San Marco a Venezia. Fini: "Voteremo il testo"

Gelmini: "Riforma universitaria vi aiuta"
Con un video diffuso su YouTube  Mariastella Gelmini ha voluto spiegare direttamente ai ragazzi la sua riforma dell'Università. Un provvedimento che, negli ultimi giorni, ha portato in piazza migliaia di persone in tutto il Paese (con alcuni gesti clamorosi).

Gli studenti non devono "farsi strumentalizzare dai baroni e mescolare la protesta con quella dei centri sociali", ha detto il Ministro dell'Istruzione e dell'Università. Secondo cui la sua riforma è "un provvedimento che finalmente pone fine agli sprechi, ai rettori a vita, ai concorsi truccati e ai fenomeni di nepotismo". Perciò, dice agli universitari, "non dovete avere paura degli effetti di questa riforma". La Gelmini ha quindi proseguito: "Si tratta di un disegno di legge indispensabile per migliorare la condizione degli studenti all’interno degli atenei, un progetto che mette al centro gli interessi dei ragazzi, a partire dal merito e dal diritto allo studio".

"APRIAMO UN DIALOGO COSTRUTTIVO" - "Aiutateci, fateci pervenire i vostri consigli, le vostre proposte - chiede ancora la Gelmini - apriamo un dialogo costruttivo, un confronto a tutto campo, ma evitiamo contrapposizioni che non hanno ragion d’essere e che non aiutano la comprensione di un provvedimento ambizioso che sono sicura sia giusto e che, a medio termine, darà buoni risultati per innalzare qualità della nostra università". E ancora: "Mi auguro che la prossima settimana in Parlamento si abbassino i toni e che ci sia da parte di tutti il senso di responsabilità di dare un contributo concreto per affinare il provvedimento". "Resto convinta dell’urgenza di approvarlo - aggiunge - se vogliamo aiutare i giovani dobbiamo essere costruttivi e propositivi non limitarci a difendere lo status quo".

FLI VOTERA' LA RIFORMA - L'appoggio al testo firmato da Mariastella Gelmini è arrivato anche da Gianfranco Fini. "La riforma è positiva, e noi di Futuro e Libertà la voteremo". Il presidente della Camera lo ha annunciato partecipando all'incontro con "I magnifici Cento", il movimento della società civile fondato nel 1993 da Giuseppe Consolo, avvocato e deputato di Fli.

SOLIDARIETA' DI LETTA -
Tutti i ministri hanno rivolto un applauso al ministro Maria Stella Gelmini. Ad introdurre l'argomento delle proteste contro la riforma dell’università è stato il sottosgeretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta. "Esprimiamo la nostra solidarietà  al ministro per i violenti attacchi che sta ricevendo.


Ecco l'intero video pubblicato sulla pagina di YouTube della Gelmini.


LA RISPOSTA DEGLI STUDENTI -
Non si è fatta attendere la contromossa degli universitari al video di Mariastella Gelmini. E giunge con un altro video, questa volta dal gruppo Rete della Conoscenza: "Restiamo stupefatti dinanzi alle tante falsità che il ministro Gelmini ha diramato tramite una video lettera sul web - afferma il gruppo - Le fantastiche proteste di questi giorni, il dirompente grido d’allarme che gli studenti e le studentesse di questo Paese hanno lanciato dalla Torre di Pisa, dal Colosseo, dalla Mole Antonelliana, parlano di una realtà ben diversa da quanto enunciato poc'anzi dal ministro Gelmini".

CONTINUANO GLI SCONTRI -
Dopo una mattinata relativamente tranquilla sul fronte delle proteste, nel primo pomeriggio è giunta, da Venezia, la notizia dell'occupazione da parte degli studenti della Basilica di San Marco di Venezia. Gli universitari sono usciti dopo circa mezz'ora. Si continua, dunque, a mettere in atto gesti clamorosi come quelli di ieri al Colosseo, alla Torre di Pisa e alla Mole Antonelliana.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wallace1970

    27 Novembre 2010 - 20:08

    4)Abilitazione nazionale per il reclutamento dei docenti;stop ai concorsi locali QUESTA E' UNA BUFALA!!! Il DDL prevede che non ci sia un limite numerico alle idoneita nazionali, per cui TUTTI prenderanno l'idoneitä. Poi, ci saranno, invece dei concorsi (con tutti i loro limiti), LE CHIAMATE DIRETTE LOCALI, quindi i BARONI POTRANNO CHIAMARE CHI VORRANNO, senza neanche lo scrupolo di un concorso per cui fare ricorso! NON é cosí che si combattono i baroni! 5)Scatti di stipendio non automatici ma basati sul merito. D'ACCORDISSIMO! Peccato che nel frattempo abbiamo subito un blocco di 3 anni sugli stipendi (che porterá i piú giovani a prendere 100.0o0 Euro in meno da qui alla pensione), e lo scatto portato da ogni 2 a ogni 3 anni. L'Universitá Italiana NON E' COMPETITIVA con il resto del Mondo in termini di stipendi, in particolare per chi é ad inizio carriera. IL PROBLEMA é che l'istituzione del Ricercatore a tempo determinato porterá precariato fino ai 40 anni, e dopo fuori!

    Report

    Rispondi

  • wallace1970

    27 Novembre 2010 - 20:08

    Caro Gasparotto, sono un Ricercatore del Politecnico di Milano. Cerco di dare una risposta sui punti che tu sottolinei: 1) Limiti al mandato dei rettori,sei anni,ed impossibilità a ricandidarsi. SONO DACCORDO. Non lo sono invece per i membri esterni del CdA. Non vogliamo che l'Universitá diventi il ricettacolo di TROMBATI della politica, come giá oggi avviene in molti Enti. 2)Fondo per gli studenti meritevoli:chi si laurea con il massimo dei voti e nei tempi previsti non restituisce il prestito d'onore. SONO D'ACCORDO. Ma allora perché i tagli del 89% per i fondi per il diritto allo studio (borse per studenti meritevoli ma sotto la soglia di reddito minimo)? La Costituzione garantisce il diritto allo studio. Con questi tagli NON SI GARANTISCE. 3)Obbligo per i docenti di passare più tempo nelle aule,almeno 350 ore. Giá é cosi, anche per i Ricercatori, che sono titolari di corso anche se non é obbligatorio (e GRATIS)!

    Report

    Rispondi

  • babylon 5

    27 Novembre 2010 - 15:03

    La ringrazio per le notizie che mi ha dato, ma di questo finto tosco, oramai sono uno storico. Che preside, o dirigente scolastico, fosse la Prof.ssa Anna Lucia Calogero, ne ero al corrente, ma ero al corrente anche di una nota scritta dal terronerosso, a quattro mani con una certa francesca(nome sicuramente inventato) la quale si dichiarava dirigente scolastico con tessera di AN in tasca del liceo Galileo Galilei di FI, la quale viveva more uxorio con lo stesso tosco. Ho anche notato che il personaggio in questione non ha dato nessuna risposta e non ha ribattuto alle sue esternazioni, mettendosi la codina fra le gambe e ritirandosi nella tana. Chissà se si sarà rifugiato nel tanto declamato suo ritrovo abituale, "Le giubbe Rosse" locale storico di Firenze e ritrovo di letterati e filosofi. Si spera sia ritornato a saldare il conto in sospeso da tempo. Sinceramente ora attendo con ansia il ritorno della "bavosa", e mi aspetto che ritorni con altro nick, l'ennesimo.

    Report

    Rispondi

  • ubik

    27 Novembre 2010 - 13:01

    Anima cattiva? Io sono un angelo... Mi è scappata una m, può capitare quando si scrive velocemente, rilassati cara... :)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog