Cerca

Montezemolo ne ha per tutti: "Vorrei una lista civica nazionale"

Il Presidente della Ferrari: "Riformare la legge elettorale. Sinistra in agonia, da destra no alternative a Berlusconi"

Montezemolo ne ha per tutti: "Vorrei una lista civica nazionale"
Ennesimo intervento di Luca Cordero di Montezemolo nella stretta attualità politica. Questa volta il Presidente della Ferrari, intervenendo al Centro di Formazione politica di Milano, ha affermato: "Sarebbe un forte fallimento per la maggioranza se si dovesse tornare alle elezioni dopo solo due anni. Io preferisco che si arrivi alla fine e che si faccia la riforma della legge elettorale. Forse - ha ipotizzato - ci dovrà essere un nuovo passaggio per non inserirsi nel teatrino della politica che nessuno più capisce".
Secondo Montezemolo, dunque, la priorità al momento è scrivere una nuova legge elettorale, perchè il premio di maggioranza (attualmente previsto) è "assurdo, non esiste in nessun Paese democratico al mondo". Con questo sistema, ha sancito, è impossibile essere competitivo anche con un partito che ottiene il 20% dei voti. "Basta - ha dunque tuonato - con questo bipolarismo da derby di calcio dove uno è contro l’altro".

SOLUZIONE PRONTA: "UN NUOVO GRANDE MOVIMENTO" - Il numero uno del Cavallino Rampante non s'è perso d'animo, anzi ha già la soluzione pronta: "L'unica possibilità sarebbe quella di avere un grande movimento che non attinga dal serbatoio della politica tradizionale di oggi. Occorre introdurre nuovi protagonisti da reclutare tra i giovani, nel mondo della scuola e delle professioni". Insomma, una lista civica nazionale. Montezemolo ha descritto come ci siano "aree tra il centrodestra e il centrosinistra che non si ritrovano in questa politica, perchè non rappresenta più la realtà". Ma tutto questo è inutile, ha concluso, perché "senza un cambiamento della legge elettorale è difficile cambiare la classe politica".

CRITICHE A DESTRA E A SINISTRA - Montezemolo non si trattiene, e critica anche il centrosinistra. Secondo lui, infatti, "il centrodestra ha vinto le elezioni perchè c'era la peggior maggioranza che la Repubblica abbia avuto". Secondo l'industriale, "oggi il centrosinistra si è fatto un partito democratico più vicino ai Ds che ad un vero partito democratico. E' na opposizione che in questi due anni ha guardato dal buco della serratura. E’ andato sui tetti, ma non ha espresso una cultura alternativa. Anche l’ultimo governo di centrosinistra - ha continuato Montezemolo - è stato in piedi per un pò, poi è entrato in agonia". Nel centrodestra, invece, non si è "offerto dal '94 un’alternativa a Berlusconi. Da vent'anni - ha aggiunto - abbiamo una trentina di persone che cambiano i nomi ai partiti come se fossero dei marchi, si spostano un pò, ma sono sempre gli stessi. È una situazione che non ha eguali in Europa e non riguarda solo Berlusconi, caso più unico che raro, ma i partiti in generale".

... E CRITICHE AI SINDACATI - "C'è, per la prima volta, tra i lavoratori la sensazione che le proposte degli imprenditori siano più interessanti di quelle di chi li rappresenta", ha insistito Montezemolo, criticando i sindacati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    30 Novembre 2010 - 18:06

    ed in più, c'è qualcuno , l'incaricata d'affari americana a Roma Elizabeth Dibble (una Komunistaccia!) lo ha definito "inetto, vanitoso e incapace" (in inglese feckless, vain, and ineffective) e "inefficace come leader". Forse, aggiunge la Dibble, le sue "frequenti lunghe nottate e l'inclinazione ai party significano che non si riposa a sufficienza". Per lo spagnolo El Pais, le "feste selvagge" di Berlusconi non tranquillizzavano a sufficienza Washington.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    30 Novembre 2010 - 18:06

    Berlusconi ha perso col Milan tutti gli scudetti dal 2005 ad oggi: vuol continuare a gestire la squadra dell'Italia? ma per piacere, se ne vada!!

    Report

    Rispondi

  • emigratoinfelix

    29 Novembre 2010 - 14:02

    e' vero che tutti in democrazia hanno diritto di parola,ma c'e' un limite di buongusto da rispettare:questo signore che si permette di ponzare pesante fino a qualche anno fa campava e pagava le sue dispendiose abitudini di vita letteralmente vendendo a suon di milioni delle vecchie lire appuntamenti ad imprenditori desiderosi di incontrare il vecchio sen Agnelli a roma....ma per favoreeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee.....gliela dare io la civica...

    Report

    Rispondi

  • Bachis Figus

    28 Novembre 2010 - 16:04

    Forse Montezemolo era fermo all' ultimo pit stop. Ma cosa fece Berlusconi quando " scese in campo " ? Non ha forse fatto una lista civica di personalità della cultura e del mondo del lavoro quando ha voluto sfidare i BARONI della politica? Non ricorda che i responsabili dei partiti politici, sulle prime, lo hanno snobbato dicendo che essi avevano dietro tutta una organizzazione? Quale è stato il risultato? Ha vinto Berlusconi con la sua " armata " e questo non è certamente piaciuto ai capi di quelle " organizzazioni " che si sono attivati in tutti i modi ( stampa d'avanzo e travagliata ,magistrati politicizzati ecc. ) pur di non farlo governare. Montezemolo crede che sarà trattato meglio? Ci provi e...Auguri!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog