Cerca

Gossip, sciacalli e paure: Wiki-fango sull'Italia

Frattini: "Assange vuole distruggere il mondo". Cicchitto: "Falle nella sicurezza Usa". Pd e Idv: "Silvio si dimetta" /DI' LA TUA

Gossip, sciacalli e paure: Wiki-fango sull'Italia
All'Italia servirebbe "sobrietà" e serietà, ma evidentemente non è ancora l'ora. Wikileaks aggiunge il carico con la pubblicazione di informazioni riservate in cui viene tirato in ballo Berlusconi e apriti cielo. Da una parte, il governo difende il Premier. Dall'altra, l'opposizione chiede la testa del Cavaliere.
Solo il ministro degli Esteri Franco Frattini pare preoccupato dalle ripercussioni internazionali invece che dal gossip. "Assange (il fondatore di Wikileaks, ndr) vuole distruggere il mondo. La comunità internazionale deve reagire compatta, senza commentare, senza retrocedere sul metodo della diplomazia, senza lasciarsi andare a crisi di sfiducia".
Frattini poi critica il Pd, che ha subito invocato le dimissioni di Berlusconi. "Al Pd non conviene speculare, essendovi notizie ancora incomplete e con altri elementi riguardanti altri governi, non solo quello di Berlusconi. Per questo, mi auguro che l'opposizione si unisca all'appello dei leader del mondo affinché la condanna sia per Wikileaks, non per la sostanza delle notizie che sono frutto di un reato grave".
Per Fabrizio Cicchitto, capogruppo alla Camera del Pdl, "il problema autentico è costituito dalla debacle a cui è andata incontro la struttura diplomatica statunitense che è stata bucata e per molti aspetti beffata".
Il ministro della Difesa Ignazio La Russa, in un'intervista al Corriere della Sera, minimizza: "Ci sono ancora tantissime notizie non note, ma quelle uscite non mi sembrano stravolgenti. Leinformazioni sembrano uscire da giornaletti specializzati nei gossip". Berlusconi ne esce male? "Non accetto questo tipo di lettura perchè è di chi guarda le cose attraverso il buco della serratura". Di certo, "il sistema di relazione diplomatiche dopo questa vicenda cambierà".

Opposizione sorda - Ma al Pd pare interessare solo il lato "berlusconiano" della vicenda. Il segretario Pd Pierluigi Bersani: "C'è poco da ridere sui documenti resi noti da Wikileaks. Quel che emerge conferma che il presidente del Consiglio con il suo comportamento nuoce alla reputazione dell'Italia nel mondo". A poco serve la replica del portavoce Pdl Daniele Capezzone: "E' avvilente, Bersani non capisce".
Il coro dell'opposizione, infatti, non cambia: per Di Pietro (Idv) "Berlusconi è un signore anzianotto che non sta molto bene e non è in grado di rappresentare l'Italia".
"Berlusconi si dimetta - strilla Leooluca Orlando (Idv) -. Con i suoi comportamenti continua a farci perdere credibilità davanti alla comunità internazionale".
E il capogruppo Idv alla Camera Massimo Donadi se la prende con Frattini: "Non ha il senso del ridicolo quando afferma che Assange vuole distruggere il mondo. Pone Wikileaks a metà strada tra la Spectre di James Bond e l'"arma fine di mondo" del dottor Stranamore".
Chiude Rosi Bindi (Pd): "Quello che sta accadendo non è edificante per le istituzioni ma una cosa è certa: sicuramente Berlusconi e i suoi ministri temono qualcosa di più grave ancora". Tutto, naturalmente, in attesa che Wikileaks pubblichi i documenti da cui si saprà cosa gli americani pensavano dell'ultimo governo Prodi.

Dite la vostra: come giudicate voi gli americani?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cave canem

    03 Dicembre 2010 - 13:01

    BARAK OBAMA NON HA LE PALLE punto!

    Report

    Rispondi

  • andrew1964

    02 Dicembre 2010 - 21:09

    Ovvero quando il re è ferito, gli sciacalli che fino a ieri tremavano e tramavano al suo cospetto ora escono dalle loro tane fetide buie, e forti della altrui debolezza fanno gli spavaldi e i forti. Solo dei vili possono conoscere questi metodi. Poveri italiani non sanno cosa li aspetta.

    Report

    Rispondi

  • pi.bo42

    02 Dicembre 2010 - 01:01

    Qualcosa circola già, sull'invio di militari, sotto l'egida dell'Isaf, in Afghanistan ad esempio, cosa già nota anche se si cercò di mantenerla segreta. Un'altra notizia riguarderebbe la scarsa simpatia di Bush per Prodi, particolare, peraltro, che andrebbe tutto ad onore del nostro ex Presidente del Consiglio. Salterà fuori anche la storia dell'incavolatura americana riguardante la liberazione di cinque talebani in cambio di Mastrogiacomo, altra cosa risaputa. Vedremo poi. Su Berlusconi ed il suo modo di fare (?) politica non è saltato fuori nulla che già non si sapesse ed anche se sono un "sinistro", non condivido, quindi, gli attacchi che vengono dal PD con riferimento alle rivelazioni di Wikileaks, cosa abbiamo saputo di più? Meglio pensare ad organizzare una sopposizione veramente coesa che blaterare a vanvera! Viva il Socialismo e la vera Libertà!

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    01 Dicembre 2010 - 13:01

    Avete mai visto quei cagnolini simpatici e rabbiosi che da dietro il cancello, al protetto, abbaiano a più non posso contro dei grossi cani che si avvicinano? Quando il cancello si apre scappano a gambe levate! E' quello che succederà ai "grandi" esponenti delle opposizioni. Mi sembra impensabile che le notizie diffuse da questo sito siano tutte relative agli ultimi due anni del governo Berlusconi e che non prendano in considerazione i due anni e passa del precedente governo prodi! C'è qualcuno che possa pensare che la passeggiata di d'alema a braccetto col capo di hezbollah sia passata inosservata alla diplomazia Usa? Ma cerchiamo di essere seri! Quando spunteranno le osservazioni su prodi ed il suo governo barzelletta, allora sì che i cagnolini si andranno a nascondere!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog