Cerca

Bossi: "Dagli Usa coltellata alla schiena di Silvio"

Così il Senatur sulle rivelazioni di Wikileaks. L'intervista di Belpietro a La Russa: "Cambierà tutto, ma non rapporto Italia-Russia"

Bossi: "Dagli Usa coltellata alla schiena di Silvio"
"Mi sembra che gli americani abbiano un pò accoltellato alla schiena Berlusconi. Si era battuto così tanto per l’America dopo l’11 settembre, non meritava un trattamento così". Questo il Bossi-pensiero sui report dell'ambasciata Usa su Silvio Berlusconi, rivelati dal portale Wikileaks.

Ma il Senatùr assiccura che i rapporti con gli Stati Uniti non cambieranno: "
Berlusconi è stimato in America, avendo al suo fianco Tremonti che è unanimemente considerato uno dei migliori ministri del Tesoro, soprattutto dagli americani". Ma il problema vero, ha chiosato Bossi, è che "in questo modo si sono messi in allarme tutti i politici: quando parli con l’Ambasciatore non sai cosa riporterà, cosa dirà"

L'intervista del direttore di Libero, Maurizio Belpietro,
al ministro della Difesa Ignazio La Russa, ospite di "La telefonata" su Canale 5

Ministro, qualcuno ha definito il caso-Wikileaks l'11 settempre della diplomazia. Che ricadute ci saranno?
"Ci sarà un prima e un dopo, senza dubbio. D'ora in poi i diplomatici staranno più attenti, sapranno che le loro comunicazioni potranno essere divulgate. Per ora, però, tutto quello che è stato pubblicato dai giornali è poco più che gossip mediatico".
Sul Medioriente, però, ci sono notizie più corpose. Per esempio, la questione Iran...
"Verissimo, però purtroppo sulle prime pagine ci finisce solo il gossip. Stando a Wikileaks, non ci sarebbe un solo leader sano di mente, tra botulino, nottate allegre  e nudità varie... In realtà sta uscendo solo quello che può mettere in difficoltà e imbarazzo gli Usa".
Il rapporto Italia-Usa cambierà in qualche modo?
"Non credo proprio. Semplicemente tutto dovrà essere verificato con più attenzione, perché ci sarà sempre un Wikileaks pronto a divulgare qualche comunicazione privata".
Berlusconi è stato definito vanitoso, uno che perde tempo la sera...
"Il problema è che alla nostra sinistra anti-italiana non importa nulla se da tutto questo può nascere una crisi diplomatica seria. A loro interessano solo eventuali critiche a Berlusconi, anche se queste sono state mediate da qualche giornale di sinistra, fatte proprie da alcuni funzionari americani  e 'rimbalzate' da Wikileaks".
Dal punto di vista commerciale c'è da temere qualcosa?
"No. Il punto è il ruolo dell'Italia. Sui rapporti con Gheddafi e Russia è logico che gli Usa, inizialmente, avessero un po' di diffidenza per la mediazione di Berlusconi, non serviva Wikileaks. Ma l'Italia deve essere protagonista, un soggetto autonomo. E ora con Gheddafi c'è dialogo".
L'opposizione chiede l'audizione al Copasir di Berlusconi. Ci sarà?
"Non c'è spazio per speculazioni politiche. Il Copasir è un'istituzione seria, non un luogo di polemiche".
Si avvicina il 14 dicembre, giorno del giudizio per il Premier. Che succederà?
"Il governo avrà la fiducia. Se poi reggerà per l'intera legislatura si capirà col tempo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    01 Dicembre 2010 - 18:06

    quando parli sprizzi lapilli ovunque. Metti la mano davanti alla bocca: sembri più educato

    Report

    Rispondi

  • giuseppe57

    01 Dicembre 2010 - 13:01

    caro jack, guarda che forse non ti sei accorto ma al governo ci sono Silvio e Umberto B. Negli ultimi 1o anni hanno occupato quelle poltrone per 8. Quindi le domande che ti poni falle a loro, come quella sull'abolizione delle province, sulla riduzione delle tasse e perfino sul debito pubblico. Lo sai caro jack che il debito dell'Italia è al 118% sul PIL e che negli ultimi due anni è aumentato, alla faccia della propaganda di Tremonti che taglia solo ricerca, scuola, trasporti, e mai i parlamentari, le auto blu, gli sprechi e i privilegi ?? Se non sono capaci di fare altro oltre alle leggi ad personam per Silvio B. significa che sono incapaci a governare, che hanno fallito, e basta cercare sempre scuse dando la colpa agli altri. E' ora che vadano a casa.

    Report

    Rispondi

  • jack1

    01 Dicembre 2010 - 12:12

    Voi davvero pensate che riformare un paese come l'Italia che ,grazie a sinistra & c, costa almeno 300 miliardi di euro in più rispetto ad un altro stato europeo sia facile ????? comporta mandare a casa probabilmente più di un milione di dipendenti pubblici (come le province in caso di abolizione, dove i loro dipendenti dovranno essere assorbiti dai comuni ) con i vs. compagni che fanno barricate a divesa di ogni clientelismo ..... di anni per riformare l'Italia ce ne vorranno 20 e senza rompi uova tipo governo Prodi 2006/2008 (per la cronaca .....ha interrotto le grandi opere , ha tassato anche l'anima quando non ce ne era bisogno , ha interrotto il digitale terrestre aumentando il ritardo......ohh! capzoni se volete continuo)))) In conclusione cari blogghisti sinistrati andate a postare su repubblica perchè siamo già attrezzati a coglioni e quando guardiamo in basso ne siamo ben provvisti .......ps. voi cosa fate vi guardate dietro??? ah Il B ha governato 7 anni

    Report

    Rispondi

  • tigrin della sassetta

    01 Dicembre 2010 - 11:11

    Il toscanorosso (ore 6.57) che stigmatizza l’arroganza altrui: Taide che da della svergognata a Maria Goretti. È oltre ogni limite del grottesco, non ho parole e mi arrendo alla sua travolgente vis comica. Ma si sa: sono cose consentite solo ai lettori più “imparati”, quelli che fanno colazione con cappuccino, cornetto ed Apologia (ermeneutica Bignami)! Anima cattiva

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog