Cerca

Camera, valzer di voti: Silvio "vede" quota 316

Trattative bollenti: nasce il Movimento di responsabilità nazionale, mistero su come voterà. Razzi lascia l'Idv: dirà sì al Cav

Camera, valzer di voti: Silvio "vede" quota 316
Cercare di fare chiarezza sugli scenari possibili alla Camera è impresa ardua. Prima e dopo il 14 dicembre potrebbe succedere di tutto a Montecitorio. Dopo la scissione del Pdl, con i finiani "fuggiti" per rispettare i propri ideali, l'esecutivo si ritrova a fare la conta per capire chi c'è e chi manca. Chi vota sì e chi vota no. Chi appoggia il Berlusconi IV e chi no.

CORSI E RICORSI - La maggioranza del 2008 era ampissima alla Camera. Pdl e Lega Nord, in due, avevano più di 330 voti, ben oltre la quota di 316 necessaria per avere la maggioranza. Poi, il Presidentissimo Gianfranco Fini ha deciso di andarsene, portandosi con sé 36 deputati. La situazione è così cambiata: Pdl+Lega si fermano a quota 294, Fli+Udc raggiungono quota 71, Pd+Idv sono a 230. Gli altri 35 costituivano il gruppone dei "partitini", ossia - tra gli altri - Noi Sud, Api, Movimento per l'Autonomia, Südtiroler Volkspartei, Repubblicani.

Conta-Montecitorio


MOVIMENTO DI RESPONSABILITA' NAZIONALE - 
Questo il nome scelto dal tris composto dall'ex deputato Api, Massimo Calearo, l'ex democratico Bruno Cesario e l'ex dipietrista Domenico Scilipoti. I tre, pur avendo posizioni divergenti sul voto del 14 dicembre, si augurano di non dover arrivare a esprimersi sulla fiducia, per il quale, riferiscono, sono orientati verso l'astensione.
Calearo, in poche parole, ha spiegato il piano programmatico del neonato movimento in relazione al voto di fiducia. "A oggi io mi asterrò. Scilipoti potrebbe votare la sfiducia e Cesario il contrario. Ma per il 14", assicura, "cercheremo di avere una posizione unica". Secondo i ruomrs, sarebbe quella di un ok all'esecutivo Berlusconi. I tre del Movimento di responsabilità nazionale si sono presentati in sala stampa con una cravatta blu con il simbolo del tricolore al centro: "Per noi il Paese è la cosa più importante e non lo sono certo le guerre di bottega", hanno spiegato.

RAZZI SALUTA DI PIETRO - C'è un quarto deputato molto più vicino a Silvio Berlusconi. Si tratta di Antonio Razzi, che lascia la pattuglia dipietrista per approdare a Noi Sud, un gruppo parlamentare che fa parte della maggioranza. Non sono bastate le minacce degli ultimi giorni di Massimo Donadi, capogruppo Idv, a far cambiare ide a Razzi. "La separazione è indispensabile", ha spiegato il deputato, "dopo 16 anni nell'Idv è venuto meno il rapporto di fiducia, c'era un mio stato di sofferenz atavica nel partito. Voglio tornare in autonomia a essere utile alla gente che rappresento". Razzi ha infine negato il pettegolezzo sul mutuo, che secondo alcuni notisti politici sarebbe all'origine dei contatti per favorire il suo abbraccio alla maggioranza. 

RADICALI - "Da giorni, da ogni parte, si esige di sapere se il 14 dicembre daremo fiducia o sfiducia. Vogliamo deciderlo con il massimo di dibattito, di riflessione, di partecipazione pubblica, fino all’ultimo momento utile, senza dare assolutamente nulla per scontato. Le scontatezze appartengono a tutta la 'politica' italiana, e non solo. Mai, ripeto mai, a noi Radicali. Sennò non saremmo ancora qui. Ok?". Con questo messaggio su Facebook Marco Pannella fa sapere che i Radicali non hanno ancora sciolto le loro riserve circa il voto del 14. Lo storico leader del partito prosegue: "Confermo di essere assolutamente lieto del fatto che Silvio Berlusconi, Gianni Letta, Angelino Alfano abbiano accettato di ascoltarmi, e di dialogare con me. Oso direi: con noi. Li ringrazio, con il solo, profondo rammarico, del forte ritardo con cui hanno accolto la mia pubblica, reiterata richiesta di incontrarci. Penso e spero che questo sia stato utile e serio per ciascuno di noi. Siamo stati reciprocamente leali e onesti".

I CALCOLI - A conti fatti, dunque, al momento i sì alla sfiducia sarebbero 315, mentre i no sarebbero 312. Due sarebbero gli astenuti (che dovrebbero essere i due deputati
Südtiroler Volkspartei). Con ancora cinque giorni a disposizione fino al 14, e le trattative sempre più "bollenti", potrebbe succedere davvero di tutto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • PartitoDemagogico

    03 Agosto 2011 - 21:09

    Le cose he hai elencato sono di inutilita' colossale, semve ben altro da un qualsiasi governo, non le briciole. E poi: ci vada lei in parafarmacia. Risparmiera' pire il 20%, ma l'influenza se la tiene per un mese....

    Report

    Rispondi

  • maurizio52

    10 Dicembre 2010 - 17:05

    X'stupirsi se Berlusconi difende il mandato datogli dalla maggioranza degli italiani?Quello che sta succedendo è x la melagomania di fini(minuscolo)che del Premier vuole rubare il posto.Sono molto orgogliosa del lavoro fatto da Maroni,la legge Gelmini è valida(o preferite come in Inghilterra?),l'ICI a me fa comodo non pagarla(chi ha + case la pagano),il controllo dei clandestini non mi fa schifo,anzi se ce ne fosse di+sarebbe meglio,le tasse d'eredità x'pagarle?Il made in Italy è OK come la giustizia+veloce.Il federalismo aiuterà tutte le regioni a responsabilizzarsi,x'pagare sempre per 1 sud indisciplinato come Napoli?Bloccare i mutui e tasse agli alluvvionati,ai terremotati,sostenere con la cassa integrazione i dissoccupati(in Spagna no)e tante altre cose che la sinistra avrebbe risolto aumentando le tasse.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    10 Dicembre 2010 - 16:04

    ne rammento alcune, di cose fatte: eliminazione delle spese di cancellazione dell'ipoteca sui mutui casa - istituzione delle parafarmacie che ha consentito a 3/4.000 farmacisti, prima dipendenti per quattro soldi, di mettersi in proprio e a noi di risparmiare più del 20%: tale iniziativa ha costretto anche le Farmacie ad adottare gli stessi sconti (la ricordate la pagina sui giornali, dell'Associazione Farmacisti?) - abolizione tariffari organi professionali - nuove norme sui c/c bancari - passaggi di proprietà delle auto direttamente in comune eliminando le spese notarili. - indennizzo diretto RCA auto - aggiungiamo l'eliminazione dell'ici per redditi fino a 40.000; la 14a di 500 euro per le pensioni minime. Due riduzioni del costo della benzina alla pompa, subito abrogate dal Berlusco. Lei è in grado di elencare qualcosa che abbia fatto LUI, nei nove anni di governo, che abbiano avuto un impatto così immediato e concreto sugli italiani?

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    10 Dicembre 2010 - 14:02

    Dici che sei veramente schifato, presumo dell'andazzo dei nostri disonorevoli deputati avvezzi a cambiar bandiera ad ogni stormir di vento. Però ti scandalizzi ipocritamente vieppiù quando (anche io lo ho fatto) si parla di una modifica della nostra imperfetta costituzione nel senso di impedire lo scandaloso cambio di gabbana con una di altro colore. Come nella costituzione svizzera ad esempio, o ti scandalizza anche la Svizzera ?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog