Cerca

Scandali d'Italia: la super-pensione di Tony Negri

Il "cattivo maestro" parlamentare per 9 giorni nel 1983, prima della fuga a Parigi. Risultato: vitalizio da 3.000 euro al mese / COMMENTO DI F. BORGONOVO

Scandali d'Italia: la super-pensione di Tony Negri
Ai tranquilli lettori padovani dev’essere andata di traverso la brioche intinta nel cappuccio sfogliando al bar la copia del quotidiano Il Mattino. Il giornale ha inteso ricordare - nel bel mezzo del clima da fine dei giochi, mentre qualcuno le prova tutte pur di mandare all’aria  la legislatura - che un tempo i parlamentari ci pensavano bene, prima di abbattere un governo. Se non altro perché dopo due anni, sei mesi e un giorno maturavano il diritto alla pensione.
Facendo un riepilogo degli onorevoli che tra la prima e la seconda Repubblica hanno ottenuto il vitalizio, Il Mattino ha pescato anche Toni Negri, il cattivo maestro per eccellenza, il grande nemico dello Stato borghese e capitalista. Questo signore - come riporta il sito internet dell’Espresso - incassa ogni mese dai contribuenti 3108 euro e questo dal 1993, anno in cui varcò la soglia dei sessanta.
Non solo. Questa ragguardevole cifra, superiore alla retribuzione di molti nostri connazionali, se l’è guadagnata col sudore della fronte. Fu eletto infatti nelle liste radicali, uscendo dal carcere dove era stato rinchiuso dal 7 aprile 1979, dopo un processo in cui gli venivamo mosse pesanti accuse per legami col terrorismo rosso.
Fece il suo ingresso in Parlamento il 12 luglio del 1983 e prima che gli onorevoli colleghi autorizzassero il suo arresto, fuggì in Francia e tanti saluti. Dunque la sua esperienza in aula durò 64 giorni. In realtà, però, per via del periodo estivo e delle relative ferie, a Montecitorio vennero convocate soltanto 9 sedute.
La notizia non è nuova, in sé. Anzi, è stata scritta e riscritta, campeggia pure in La Casta di Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo, saggio vendutissimo ma forse non abbastanza letto, almeno dai politici. Nel libro, fra l’altro, viene citato un memorabile intervento dell’on. Negri, nel quale afferma: «Mi hanno accusato di aver vissuto in cento bande clandestine, ma l’unico corpo separato in cui mi è toccato di vivere è proprio questo Parlamento».
Però la pensioncina mica gli fa schifo. Anche se è “proprietà privata”.   
Quel che sorprende è notare che nonostante tutte le segnalazioni, a Negri continui ad arrivare lo stipendiuccio da ex rappresentante del popolo italiano, garantitogli da quella democrazia borghese e padronale da lui tanto disprezzata.
Soprende ancor di più poiché Negri continua a pubblicare - anche con un certo successo negli ambienti salottieri che contano - i suoi libroni rivoluzionari. L’ultimo dei quali è uscito proprio qualche mese fa e si intitola Comune. Oltre il privato e il pubblico. Nel tempo libero, dicono, Negri si diletta a consigliare sinceri democratici come il caudillo venezuelano Hugo Chávez.
Vero, il professore padovano non è il solo a godere delle prebende da ex politico. Tanti come lui incassano e continuano ad approfittare di scandalosi benefici. Il suo però è un caso abbastanza clamoroso. Sia per il numero di giorni di “lavoro” in Parlamento sia per le dichiarazioni che il maestro rosso ancora sparge in giro.
Fosse così duro e puro come sembra, potrebbe anche fare un bel gesto e rinunciare all’assegno, ma del resto, come scrive nel suo più recente saggio, il mondo va preso com’è, tanto vale approfittarne.
«Dobbiamo renderci conto che, per quanto lo si giudichi con intelligenza critica e radicalità», teorizza,  «siamo destinati a vivere in questo mondo, non solo perché siamo sottomessi al suo dominio, ma anche perché siamo contagiati dalla sua corruzione. Abbandoniamo dunque i sogni di una politica incontaminata e i “grandi valori” che ci permetterebbero di restarne fuori!».  Ecco, basta coi valori, meglio i privilegi.
Ma visto che in Parlamento è accomodato qualcuno che con la scusa dei valori intende ribaltare Berlusconi - il presidente della Camera Gianfranco Fini - ci permettiamo di rivolgergli un appello, anzi un appellino. Lei che di Montecitorio è il massimo rappresentante, faccia una cosa di destra. Tolga queste pensioni ridicole. E, magari, inizi dal rivoluzionario Toni Negri.

di Francesco Borgonovo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • myway.ec

    13 Dicembre 2010 - 12:12

    Il parco buoi dei lettori non informato come lo chiama qualcuno, è giusto che sappia che da questa legislazione, non bastano più due anni e 6 mesi per avere il vitalizio, ma cinque anche se non continuativi. Insomma abdicando il cavaliere e sciogliendo le camere, circa 270 ora parlamentari sarebbero a rischio di non rielezione, di questi molti nelle file dell' attuale futuro e libertà, dati i sondaggi.

    Report

    Rispondi

  • ubik

    13 Dicembre 2010 - 11:11

    vi correggo, non è il doppio, ma quasi il triplo degli stipendi italici.

    Report

    Rispondi

  • z.signorini

    13 Dicembre 2010 - 11:11

    Signori è una cosa innutile dire cosa ha fatto la destra o ha fatto la sinistra o il centro. Il grosso problema è che tutta la classe politica, tutta, e una merda, ladri e depravati mentali. Se abbiamo questi problemi è causa del popolo italiano. D'altronde siamo onesti, una classe politica è la facciata del paese, di una nazione, rappresentanti politici di merda nazione di merda. Ogni popolo a la classe politica che si merita. Quando andiamo al voto, guardiamo chi lavora almeno un pò, di qualunque schieramento esso sia, l'importante è arrivare alla concretezza, le parole non servono a niente, le parole dei politici sono innutili.

    Report

    Rispondi

  • doblone

    13 Dicembre 2010 - 10:10

    i tranquilli elettori padani sanno che i loro eletti hanno votato contro una proposta di legge che eleminava questi previlegi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog