Cerca

Belpietro e la compravendita, "scandalo solo oggi?"

La7, il direttore di Libero: "Nel '99 durante governo D'Alema si indagò su 200 milioni di lire offerti a leghista"

Belpietro e la compravendita, "scandalo solo oggi?"
Puntata tesissima quella di lunedì di "Otto e mezzo", su La7. Gli ospiti di Lilli Gruber erano Concita De Gregorio, direttrice de L'Unità, e il direttore di Libero Maurizio Belpietro. L'argomento, evidentemente, era la complicata situazione politica di queste ore, con il primo scontro nelle Aule del Parlamento. Il nostro direttore ha espresso la propria opinione su questo lungo lunedì tra Senato e Camera: "Dubito che ci possa essere qualche accordo, Fini s'è ormai giocato tutto e intende arrivare alle estreme conseguenze. E' un periodo buio, mai si era visto quello che è successo in queste ore. Mai un Presidente della Camera ha fatto politica - ha affermato - convocando dei parlamentari che paiono intenzionati a votare la fiducia per convincerli a non farlo. E' stata usata una carica istituzionale per fare politica nel modo più grave che si sia mai visto".

Concita De Gregorio ha poi parlato della presunta "compravendita" di deputati in vista del voto di martedì: "Stracquadanio ha detto che non è reato estinguere un mutuo. Non è reato, certo, ma fa schifo. Oggi ci sono due fascicoli aperti nella Procura, non era mai successo, per la presunta compravendita". Qui il nostro direttore ha smentito quanto ha detto la De Gregorio, raccontando un episodio che sarà spiegato nei dettagli nel numero di martedì di Libero: "Ci fu un'inchiesta simile nel 1999, quando al governo c'era D'Alema. Il Gran Giurì addirittura sentì Violante. In quell'occasione giravano 200 milioni di lire, e l'indagine coinvolgeva un leghista di nome Rizzi a cui vennero offerti questi soldi da un signore della Lega - che era passato con l'Udeur - che si chiamava Luca Bagliani". La De Gregorio, in evidente difficoltà, ha ammesso: "Non lo conoscevo questo caso, ma è un caso assolutamente minore".

La direttrice del quotidiano fondato da Antonio Gramsci ha detto la sua sul "calciomercato" (Fini dixit): "E' assolutamente permesso cambiare partito se ci sono progetti, se si condivide una nuova idea. Io, come Belpietro, penso che si debba arrivare alle elezioni. Se siamo arrivati a questo punto è per la legge elettorale. I parlamentari, non essendo scelti direttamente dai cittadini, sono corruttibili, debolissimi. Questa credo sia l'origine del tumore del sistema". Tutto, dunque, ruota attorno alla legge elettorale: "L'opposizione non è riuscita a trovare accordo nemmeno sulla legge elettorale - ha affermato Belpietro - Io personalmente non sono mai riuscito a trovare una legge elettorale perfetta, ogni legge è sempre migliorabile".

La conduttrice ha poi ripescato la prima pagina di Libero del 4 dicembre, quella con le foto dei "Traditori". Chiede la Gruber come definirebbe Belpietro quelli che, per questo voto di fiducia, passeranno da sinistra a destra: "Per loro si può parlare di tradimento del mandato elettorale esattamente come per gli altri. Io sono contrario a questi cambi di casacca. Evidentemente davanti al passaggio di oltre 40 parlamentari dal centrodestra al centrosinistra, qualcuno ha pensato bene di fare il contrario".

Belpietro ha dunque attaccato la De Gregorio, accusandola di aver appena scritto un libro parziale in cui "mancano i cambi di casacca dalla sinistra alla destra": "Se andate a rileggervi le storie parlamentari degli ultimi 30 anni - ha affermato il direttore di Libero - troverete Rutelli, Veltroni, D'Alema, che sono in politica da 30 anni. I passaggi di casacca vanno bene se sono da centrodestra a centrosinistra, ma se sono da centrosinistra a centrodestra vi scandalizzate. Tu hai fatto un libro in cui non racconti i passaggi di casacca dei parlamentari dalla destra alla sinistra".

L'ultima domanda della Gruber è su un possibile governo affidato a Letta o Tremonti, in seguito alla "fine del berlusconismo". Secondo Belpietro "non è una soluzione. Visto che gli italiani hanno capito, sono gli italiani che devono decidere chi deve guidarli, né i giornali né le segreterie dei partiti. Nessun giornale può decidere se è finita o no una stagione". Nel 2001 il The Economist scrisse che Berlusconi non doveva essere eletto, e invece sappiamo com'è andata".

A questo punto, ha concluso il nostro direttore, le "elezioni anticipate sono più vicine. Vivere con una situazione politica simile, dove la questione principale è la legge elettorale - che secondo me non è il tema principale - è inimmaginabile, la soluzione migliore è dare la parola ai cittadini e andare di nuovo al voto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ro.di.mento

    15 Dicembre 2010 - 16:04

    hai un brutto nome! critichi Belpietro di non essere educato ma tu con il tuo nome hai assassinato una donna! che figura! d'altra parte che si può sperare da uno di sinistra!

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    15 Dicembre 2010 - 16:04

    Negli stessi giorni la Lega Nord proponeva un emendamento alla legge finanziaria per abolire e spostare alcuni stanziamenti pubblici dalla fondazione EBRI, centro di ricerca sul cervello a Roma voluto dalla scienziata,[15] in collaborazione con la Fondazione S. Lucia[16] e dal CNR, verso la Fondazione di ricerca dell'Ospedale San Raffaele di Milano, fra i cui soci risultava Fininvest, società a capo della famiglia del leader della CdL e che già con la Finanziaria 2005 aveva ricevuto 15 milioni di euro. La senatrice intervenne in aula per spiegare la propria decisione di non partecipare alla votazione. L'emendamento della Lega Nord venne in seguito respinto a larghissima maggioranza con 173 voti contrari e 75 voti a favore.

    Report

    Rispondi

  • myway.ec

    15 Dicembre 2010 - 11:11

    Vabbe, quando uno perde si appella spesso alla sfiga o all'arbitro, non alle proprie responsabilità. Perdendo una votazione che avrebbero dovuto vincere l'arco costituzionale, da fini a vendola si sono appellati alla presunta compravendita, che non essendo B uno stupido, ammesso che l'abbia fatto non ha mica rilasciato fattura. Detto questo ricorderei agli accusatori di tenere bene a mente che quando uno punta il dito della mano, le altre tre sono rivolte verso di lui.

    Report

    Rispondi

  • marcello marilli

    14 Dicembre 2010 - 10:10

    basta con la de gregorio !! E' dappertutto , la si vede in ogni luogo ! Non se ne òpuò più ! accendo la tv e mela trovo davanti a dire sciocchezze a senso unico con l'aria di una persona che sa ma non conosce un cavolo . Lunedi sera ha fatto la figura da cioccolataia , ma cosa volete sperare da una che ha scritto per una vita su un giornale di infimo valore e livoroso nei confronti degli avversari politici. A firenze diciamo " parla ma non sa di cosa " :"par che capisca"!! Poi con quel suo atteggiamento saccente da sinistrorsa cerebrolesa e la boccuccia a bacetto farebbe venire il nervoso anche ad un santo . BASTA ! vai a rigovernare e a pulire casa tua che ne avrà certo bisogno

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog