Cerca

Il cinepanettone di Fini: "Natale a Montecarlo". Chiedi le dimissioni

Leggi la valanga di lettere ed email che arrivano a Libero. GUARDA il video appello di Belpietro

Il cinepanettone di Fini: "Natale a Montecarlo". Chiedi le dimissioni
Pubblichiamo le lettere, le e.mail e i commenti dei lettori che aderiscono alla campagna di Libero per le dimissioni del presidente della Camera e leader Fli Gianfranco Fini.

IL VIDEO-EDITORIALE DI BELPIETRO: "FINI PESSIMO STRATEGA, ORA VADA A CASA"

LEGGI I COMMENTI DEI LETTORI: "FINI-AMOLA"

entusiasmo la vostra iniziativa  che suggerisce al  presidente della camera Fini, non idoneo a ricoprire il ruolo istituzionale che immeritatamente  occupa, di dimettersi e di cercarsi un lavoro.
Carlo Carioti

Fini vattene. Dimettiti da presidente della Camera. Basta con questo scempio, con questa vergogna. Non rappresenti più nessuno e meno che mai gli elettori che in tanti anni ti hanno dato fiducia.
Paolo Ippoliti
Paola Gabrielli
Marilena Ciarapica


Egregio direttore Belpietro, da una vita  votavo Gianfranco Fini. Purtroppo da qualche tempo tale feeling si è interrotto e voterò sempre per il PdL. Fini, se gli resta ancora un briciolo di dignità, dovrebbe dimettersi e fare politica tra la gente se vuole o ritirarsi tra le braccia della sua giovane moglie.
Giuseppe Uva

Onorevole Fini, la Sua ostinatezza nel voler occupare ancora il posto di presidente della Camera non ha confini. Esso non Le appartiene da quando ha macchiato la sacralità di quello scranno assumendo attivamente il ruolo di capopartito contro le nobili tradizioni dei Suoi predecessori e contro ogni ovvia regola di discrezionalità. 
Domenico Cannatà

Fini ha rinnegato i valori delle sue radici ed ha tradito la fiducia degli elettori: è opportunista e privo di idee concrete per il futuro dell’Italia ed il bene degli italiani. Da sempre ci ha preso in giro: l’unico suo obiettivo era ed è finalizzato all’ascesa personale.
Alfredo Delleani

Io consiglio a Fini di trasferirsi a Montecarlo, chissà che con la sua compagna, dopo una puntatina al casinò, non si compri un altro appartamento e possa godersi la sua vecchiaia. Avremmo la grande fortuna di non vederlo più.
Lucia Accadia

Fini, dopo aver demolito il Movimento sociale, Alleanza nazionale e il Popoplo della Libertà, fai agli italiani il tuo regalo di Natale. Vattene.
Cristina Gentili

L’Onorevole Fini sta delegittimando la carica istituzionale che ricopre, perciò chiedo le sue dimissioni. Da normale deputato potrà così tornare a fare il suo mestiere.
Mariapaola Carniel

Quando un uomo compie azioni insensate e dettate dal puro ego, spesso vale il vecchio detto «cherchez la femme». Da quando frequenta certi personaggi Fini non appare più lo stesso. Nel passato l’ho stimato e ammirato.
Pier Luigi Bozzano

Mi rivolgo a Rutelli e a Casini: avete la possibilità di rifiutare la collaborazione di Fini e chiederne le dimissioni. Diversamente, il discredito è palesemente colpa anche vostra.
Cesare Flavi

Con il mio voto ho favorito  l’elezione di Fini. Pertanto gli chiedo di lasciare la Camera e di andare a rilassarsi a Montecarlo, meditando sugli errori commessi.
Antonio De Stasio

Egregio onorevole Fini, le do un consiglio: si ricostruisca una verginità. Se ne vada a casa ma per sempre, perché quella politica mai e poi mai si potrà ricostruire.
Giovanni Nappi 

Dice l’adagio: «Se sei martello dai, se sei incudine stai». Tu sei stato sempre l’incudine che si crede martello. Segui il consiglio di chi, purtroppo, ti ha sempre votato: dimettiti. 
Giacomo Iannario

Fini finiscila. Fai un bel respiro e riprendi confidenza con la decenza restituendo la poltrona di arbitro, visto che adesso non sei più alla sua altezza.
Carlo Nocilli

Carissimo Fini, non pensi sia l’ora di togliere il disturbo? Siamo stanchi di sopportare le tue angherie nei riguardi del Popolo della Libertà. Quo usque tandem Fini abutere patientia nostra? Ne abbiamo tanta di pazienza, ma a tutto c'è un limite.
Giovanni Condorelli

Fini lasci la presidenza della Camera. I motivi sono tanti e noti. Ma ce n’è uno non abbastanza evidenziato: non è inorridito di fronte al discorso di Bocchino il giorno della sfiducia.
Pierluigi Rotelli

Siamo un gruppo di ex simpatizzanti per Fini che per anni l’hanno votato e seguito. Ovviamente, visto il caos e i danni che sta causando, il nostro voto sarà appannaggio di parlamentari più degni.
Carlo Coletti

Prima Fini se ne va  meglio è per l'Italia. Gli auguro buon viaggio e buone vacanze nella casa di Montecarlo.
Giorgio Cesati Cassin

Per il signor Fini è giunto il momento della pensione. È la miglior soluzione per tutti.
Andrea Bartolomei

Signor Fini, vorrei vederla protagonista di un vero  atto di coraggio. Restituisca la carica e le funzioni di presidente della Camera dei Deputati.
Pietro Nardi

Sig. Fini faccia un favore a coloro che l’hanno votata: si dimetta. Continua ad occupare indegnamente la poltrona di presidente della Camera mostrando una totale mancanza di dignità ed amor proprio. Il suo tentato golpe è fallito, si rassegni.
Nadia Rubbini

Mandiamo Fini a casa. Prima succede meglio è.
Mammì Badoglio

Dopo aver perso la dignità adesso cos’altro vuol perdere? Si dimetta e ricominci con umiltà.
M. Dalloglio

Milano, Piazza Santa Maria del Suffragio. Il Suo primo comizio: io ero lì e sono rimasto con Lei tutta la vita. Carpe diem. Sparisca.
Roberto Angri

Chiedo le dimissioni del Presidente della Camera.
Fabrizio Bulckaen

Si dimetta.
Susanna Palazzoni

È vergognoso che questo signore seguiti ad occupare la terza carica dello Stato.
Carla e Nino Paris

Aderisco alla campagna che chiede a Fini di dimettersi da presidente della Camera. Che delusione.
Gabriele De Luca

Il signor Fini non solo ha disonorato l’incarico che gli è stato concesso grazie ai nostri voti, ma ha disonorato quei valori la Destra ha sempre difeso.
Stefano Cobelli
Lona-Lases


Onorevole Gianfranco Fini, dopo averla a suo tempo stimata e votata, ritengo di essere ora nel pieno diritto di chiedere le sue dimissioni dato che mi sento tradita come elettrice. Ora, per cortesia e per il bene di tutti, vada a casa.
Susanna de Kunovich

Desidererei che Gianfranco Fini andasse al più presto a casa, per far ritornare la presidenza della Camera all’altezza del suo ruolo istituzionale.
G. Infante

Gianfranco Fini a casa per non farci ancora vergognare di aver creduto in te.
Luciana Caporale

Onorevole Fini le suggerisco un lungo, lungo periodo di meditazione in luoghi distanti dalla politica (magari a Montecarlo). Si dimetta al più presto.
Ornello Beccalli

Caro Fini, ho creduto in te ma tu hai tradito me e tutti gli italiani alleandoti con la sinistra e facendo il loro gioco. Dimettiti.
Laura Pes

Fini devi lasciare. Hai tradito tutti.
Giovanni Mensurati

Esiste una Italia che non si arrende e che combatte. Esiste una Italia che sa risorgere e sognare. Emarginiamo chi come Fini vuole portare, per il soddisfacimento del proprio Io, alla deriva un gruppo, un partito, la gente. Andiamo avanti senza paure e lealmente. Le grandi sfide ci attendono.
Enzo Gibiino
Deputato PdL

Vai via da Montecitorio e vieni a lavorare con me a -7°, come in questi giorni. Ti offro un nuovo posto di lavoro a 1.300 euro al mese.
Giuliano Danieli
e.mail

Caro Fini, se solo avesse un minimo di dignità, dopo la sconfitta lei dovrebbe dimettersi immediatamente da presidente della Camera e passare le vacanze di Natale nella casa di famiglia a Montecarlo.
Carlo Claudia Zeni
Piacenza

Onorevole Fini, adesso avrà finalmente l’ultimo (o il primo) sussulto di dignità e lascerà la poltrona calda e confortevole della presidenza della Camera? La prego, ci liberi del suo sguardo rancoroso e si dia una seconda possibilità.
Elena Lamperti
e.mail

Passi per le proprietà del suo partito finite ai parenti, ma vedere la terza carica dello Stato svilita a strumento dei propri interessi è una cosa che mi umilia. E poi parla del rilancio della moralità nella politica. Cominci lui a dare l’esempio dimettendosi da una carica che non va usata a fini di parte.
Antonio Di Prima
e.mail

Onorevole Fini, vorrei darle un suggerimento. Lasci in silenzio la carica di presidente della Camera ed esprima apprezzamento per Paglia che, per darle lealmente appoggio, fino in fondo, ha sopportato l’accusa di tradimento.
Gianfranco Stivaletti
Roma

Dopo il tradimento del patto con gli elettori e la sconfitta, è ora che Fini si dimetta dalla presidenza della Camera. Il suo conflitto di interessi è palese ed abnorme. Se avesse un po’ di dignità si sarebbe già dimesso.
Alessandro Giudice
Milano

Aveva detto che si sarebbe dimesso se fosse risultato che la casa a Montecarlo era del cognato, che si sarebbe dimesso se non fosse riuscito a far cadere il governo. È a quest’uomo che gli italiani dovrebbero dare fiducia?
Priscilla Fiore
e.mail

Come elettori del PdL chiediamo convintamente che il presidente Fini si dimetta quanto prima, magari riposandosi a Montecarlo dopo le inutili fatiche per far cadere il Cavaliere.
Marsilio Marcelli Gandolfo - Schincaglia Alba - Salbitani Loredana
Ferrara

Spettabile Fini, chiedo cortesemente le sue dimissioni da presidente della Camera, posto che le è stato assegnato come membro della maggioranza e che non ha più diritto di occupare in quanto passato all’opposizione. La Ringrazio anticipatamente per questo regalo di Natale che vorrà fare agli italiani tutti.
Giuseppe La Zia
Ispra (Va)

Gli esiti di martedì dimostrano come la meritocrazia culturale, mentale e politica dell’attuale governo abbia prevalso sull’ipocrisia e l’arroganza di chi ha tradito in modo  così plateale e sfacciato la volontà degli elettori. Deve soltanto essere cacciato perchè di sua iniziativa non se ne andrà mai.
Noemi e Giuseppe Pajardi
e.mail

Sì. Fini a casa. A casa. A casa. Se poi non ritorna più in politica meglio ancora.
Antonello Filippone
e.mail

Dimissioni. Non c’è posto per i traditori.
Margherita Campanella
Fano

Caro Fini, questo Paese ha bisogno di riforme e lei, invece di lavorare per attuare quelle in programma, lavora per distruggere il governo che mai ha avuto così tanti numeri per poter incidere realmente sull’Italia. Si dimetta e combatta per queste cose, davvero (come intercala sempre lei) e aiuti a produrre risultati percepibili.
Giampaolo Ongaro
e.mail

A quando le dimissioni da presidente della Camera, Onorevole Fini? È più che legittimo cambiare opinione, ma è altrettanto doveroso che dopo essersi ricreduti, per coerenza, vi ritiriate a vita privata, cambiando mestiere. Sarebbe più che sufficiente per svecchiare la classe politica italiana. Go at home, caro amico Fini. A Montecarlo a riposarti ed a schiarirti le idee.
Francesco Schinzani
e.mail

Il signor Fini si è dimostrato il peggior presidente della Camera della storia repubblicana.
Stefano Cobelli
e.mail

Onorevole Fini, Lei non è stato cacciato dal Pdl. Io sono un’attivista del Pdl in un paesino della Lombardia e le assicuro che da molto prima del fatidico luglio 2010 il nostro elettorato non solo non la comprendeva ma non la sopportava proprio. Ci liberi della sua presenza
Teresa Guerini
e.mail

Onorevole Fini, avresti potuto essere il successore del Cav. Sicuramente non per la capacità di comunicare al cuore delle persone (come Silvio non lo sa fare nessuno e tu sei notamente un freddino), ma perché gli elettori del PdL avrebbero premiato in te l’essere stato fedele alleato in tanti anni di politica insieme. Purtroppo (o per fortuna )la tua avidità di potere ti ha portato allo scoperto ed hai avuto la fine che ti meritavi.
Elena Forloni
e.mail

Da tuo ex affezzionato e votante, per rispetto delle idee che hai sempre sostenuto nel passato, dimettiti. È la figura migliore che puoi fare. Adesso è ora di farsi da parte e che sia finita.
Hans Curti
Como

Onorevole Fini, la sua presunzione oltre a determinare la ben nota figuraccia alla Camera, ha dato l’opportunità di portare nella nostra bella Roma l’orrore della guerriglia. Se ci riesce, chieda scusa.
Gianni Traniello
e.mail

Da quando ho ricevuto l’abilitazione al voto, ho votato per l’Msi. Ho incominciato a votare per Fini o per gli uomini da lui indicati. Che delusione Fini. Oggi io e la mia famiglia chiediamo a Fini di farsi da parte.
Salvatore Simeoli
e.mail

Chiedo anche io le dimissioni da parte dell’onorevole Fini dallo scranno di Montecitorio. Non è plausibile che venga insultata ancora a lungo l’istituzione che rappresenta.
Alberto Zanin
e.mail

Non è più sopportabile che Fini resti al suo posto: si dimetta.
Giovanni Spagnolo
e.mail

La tua presunzione ti ha rovinato.
Marchetti Silvia Alida
e.mail

Fini a  casa.
Antonello De Mattia
e.mail

Fini molla la poltrona. Il lavoro non ti mancherà: puoi fare una società immobiliare con tuo cognato oppure curare il patrimonio della tua compagna o ancora occuparti di produzioni TV con tua suocera.
Giovanni Rossi
e.mail

Fini deve dimettersi se ha un filo di dignità. Non è più al di sopra delle parti.
Giuliano Giulietti
e.mail

Non riesco più a tollerare  Fini. Con quale coraggio continua a rimanere presidente della Camera? Per favore Fini sgombra la poltrona.
Margherita Mellano
e.mail

Fini ha detto che non si dimetterà, non ha saputo o voluto chiarire la faccenda di Montecarlo né quella della Rai. Vergogna. 
Germano Gasparri
Roma

Caro Fini sei un traditore degli ideali della Destra. Ritirati a Montecarlo con la tua famigliola allargata.  La  presidenza  della Camera è cosa seria e non fa per te.
Umberto Colombo
e.mail

Caro Fini, dimettiti dalla carica che ora abusivamente occupi. Vai a Montecarlo, non ne sentiremo la mancanza.
Angelo Cappelletti
e.mail

Fini non può andare a Montecarlo: la casa non è sua ma ce l’ha il cognato. Lui si doveva dimettere come aveva promesso agli Italiani in Tv. Staccatelo dalla Camera che stà profanando vergognosamente.  Spero di andare presto a votare per veder sparire i finiani dalla scena politica.
Silvio Monaco
e.mail

Da politico navigato qual è, se fosse stato meno ambizioso e più lungimirante sarebbe potuto diventare senza alcuna fatica il delfino naturale di Silvio Berlusconi. Con la sua invidia personale, con la sua innata arroganza e con la sua irrefrenabile voglia di protagonismo ha rovinato tutto. Ora, in un sussulto di dignità, non gli resta che dimettersi.
Fulvio Piras
e.mail

Con la certezza che ora il governo può proseguire - finalmente senza Gianfranco Fini -  riteniamo che sia giunto il momento di fare un tam-tam nazionale di sfiducia verso un personaggio che sta perdendo totalmente la dignità. Fini deve andarsene subito
Marialina Marchel
e.mail

Il Fini pensava che potesse fare scivolare il Cavaliere. L’unica alternativa è andare a Montecarlo dal cognatino e non rientrare più in Italia.
Maurizio De Cenzo
e.mail

Fini prima di andare a casa deve restituire i voti  avuti  grazie  a  Berlusconi. Una  volta  a  casa  si  potrà fare curare la  “sindrome  rancorosa  del  beneficiato” di  cui  è  affetto.
Ottorino Naticchioni
e.mail

E adesso dopo la casa di Montecarlo finita al cognato, l’appalto alla suocera in Rai, la Bmw di lusso pagata coi soldi di An, Fini non ti restano che le dimissioni, non solo da presidente della Camera, ma anche da deputato. 
Bruno Cedola
Pesaro

Diciamo tutti insieme al presidente della Camera: si prega di liberare la stanza entro le dodici. Il credito è finito e il conto va pagato.
Massimo Bassetti
e.mail

Fini-amola. A casa subito, meglio se a Montecarlo.
Luca Bergamaschi
e.mail

Il presidente della Camera Gianfranco Fini forse sa di non invecchiare bene come il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e ha pensato di succedergli anzi tempo. Gli è andata male a discapito degli italiani e dell’Italia tutta. Noi stiamo già pagando e lui? A casa subito.
Santillo De Cristofaro
Brescia

Aderisco con entusiasmo alla campagna per la richiesta di dimissioni di questo presidente della camera.
Roberto Leotta
Pisa

Voglio esprimerle, presidente Fini, tutta la mia delusione. Faccia un favore a se stesso e all’Italia: si prenda un periodo di riposo. Ci risparmi le sue uscite da primo della classe e lasci spazio a chi deve lavorare.
Alfonso De Prisco
e.mail

Se ripenso a quante volte sono andato a sentire i tuoi comizi ora provo vergogna. Mi auguro che tu possa goderti, dimettendoti, un lungo periodo di riflessione a Montecarlo.
Domenico Lancellotti
e.mail

Fini deve dimettersi due volte, come aveva garantito. La prima per la casa di Montecarlo, la seconda perché la sfiducia non c’è stata.
Federica Mormando
e.mail

Speriamo che abbia capito che è arrivato il momento di uscire di scena. Propongo una colletta per comprare una teiera d’oro per la sua casa di Montecarlo.
e.mail

Vergogna e dignità sono merce rara per i politici, e per Fini in particolare. Dimissioni da presidente della Camera.
Giuseppe Maiolino
e.mail

Caro presidente Fini, dimettiti. La politica non fa per te. Vieni a lavorare in fabbrica: lì siamo persone tutte dignitose.
Alberto Fiorenza
e.mail

Caro Fini, fuori dalla Camera.
Fernando Pizzolini
e.mail

Caro Fini, quando si tradisce per un piatto di lenticchie sarebbe opportuno accertarsi che siano ben cotte. Tutti sanno, infatti, che le lenticchie crude risultano indigeste, proprio come la batosta rimediata alla Camera. Adesso vai a riposarti a Montecarlo: lì è sempre primavera.
Marco de Leone
Roma

Se la coerenza non gli fa difetto le dimissioni dalla presidenza della Camera dovrebbero essere imminenti, ma dubito fortemente che il Gianfranco ne abbia il coraggio.
Alessandro Petroni
e.mail

Condivido in toto il contenuto dell’editoriale del direttore. Fini a casa. Dimettiti se hai ancora un briciolo di dignità.
Sebastiano Sulas
e.mail

Perché Fini non usa quel po’ di dignità che ancora  gli è rimasta e abbandona quella poltrona che ora, a parer mio, occupa abusivamente? 
Novella Magnoni
e.mail

Sig. Fini, credo che sia giunto il momento che ci liberi della sua presenza. Se ne vada a Montecarlo con suocera e cognato al seguito e si goda la pensione che lo Stato sarà costretto a corrisponderle. Un solo ed unico favore il popolo italiano le chiede. Porti con sé Bocchino, Briguglio, Granata e Barbareschi.
Carlo Zara
e.mail

Vorrei sapere quanta colla ha acquistato Gianfranco Fini per rimanere incollato alla poltrona. Ma non aveva detto che in caso di sconfitta dava le dimissioni dalla presidenza della Camera?
Gianni Franzolini
e.mail

Penso che la visione di un ex esponente di destra insieme alla Bindi e Vendola a Ballarò sia l’emblema dello sfascio di Bocchino, del suo leader e dei suoi colleghi. Due parole dolci: a casa.
Cristian Berti
e.mail

Appoggio la campagna di Libero per invocare le dimissioni di Fini
Sara Marchioni
e.mail

Caro Fini, ora da elettore sono io a chiedere le tue dimissioni da presidente della Camera, una poltrona che non ti appartiene più in quanto hai dimostrato di non essere “super partes”.
Enzo Bernasconi
Varese

Ha vinto Berlusconi e la legalità del voto degli italiani che lo avevano scelto per guidare il Paese. Fini ha svilito in ogni modo la carica che ricopre: se gli è rimasta un minimo di dignità si dimetta. Glielo stanno chiedendo tutti gli italiani.
Rino Siconolfi
e.mail

Complimenti a Berlusconi che ha vinto com’era giusto che fosse. Ora esiga subito le dimissioni di  Gianfranco Fini da una carica che ha usurpato e usato per interessi di parte.
Antonio Massioni
Milano

Quello che ci si augurava è accaduto. Fini è stato battuto. Non importa se per tre voti. Ed ora, se fosse onesto, dovrebbe dimettersi e fare il semplice capo del suo gruppo. 
Roberto Bianco
e.mail

Vittoria. Il futuro incarico di Gianfranco Fini sarà la presidenza del salotto nella casa di Montecarlo.
Antonio Simone
e.mail

Fini ha perso e dovrebbe dimettersi. Poteva aspettare la successione di Berlusconi non troppo lontana ma la mania di strafare lo ha tradito. Eppure, il sentiero politico imboccato portava lì.
Luigi Sommariva
Saronno (Va)

A fiducia ottenuta da Berlusconi mi è venuto di scrivere:  «Ei fu. Siccome immobile/ seduto sul suo scranno/ a rimirar attonito/ il voto ch’è a suo danno/ coi suoi intorno sta/ muto, pensando alla fatal ora/ di gaudio del Sultano che,/ abrogati i poverini/ si adopra a far lo stesso/ coi Flini e con Casini./ Leccate le ferite/ e compresa l’idiozia,/ avran capito ora/ cos’è la democrazia?»
Angelo Trotta
e.mail

Dopo questa sconfitta bisognerebbe ricordare a Fini che, se avesse il senso dell’onore, dovrebbe dimettersi.
De Luca Gianfranco
e.mail

Anche questo 14 dicembre è arrivato ed ha decretato la fiducia al governo. Mi auguro che Fini, che ormai avrà precluse tutte le porte tranne quelle di Montecarlo, lasci la poltrona che immeritatamente occupa.
Leonardo Cecca
Rivalta (Pc)

Dove è scritto che il presidente della Camera Gianfranco Fini non deve e non può dimettersi. Perché non può essere sfiduciato?
Luciana Grilli
e.mail

Quest’oggi ho avuto la conferma della forza della maggioranza e della pochezza dell’opposizione (di cui Fli  ormai fa parte se continuerà ad esistere). La strada per la stabilità è ancora lunga, ma percorribile con rinnovato ottimismo. Forza Cavaliere.
Mattia Stabile
Ronchi dei Legionari (Go)

Adesso Gianfranco Fini deve assolutamente dimettersi. È incompatibile il suo ruolo visto che più che un presidente della Camera fa il leader di partito.
Valentino Castriota
Trepuzzi (Le)

Povero  Fini, già  si vedeva premier e aveva pure formato la squadra di governo. Allo Sviluppo economico la compagna Elisabetta; agli Esteri il cognato Elisabetto; alle Telecomunicazioni la suocera.
Natalia Fabbro
e.mail

Che goduria vedere Fini mentre annuncia la fiducia a Berlusconi. Vorrei sapere perché nonostante il suo comportamento riesca a rimanere al suo posto. 
Patrizia Fanelli
e.mail

Fini dalla Annunziata sollecitato su cosa avrebbe fatto se Berlusconi avesse ottenuto il voto di fiducia ha sempre eluso la risposta. Io credo che dignità Fini non ne abbia. Ora che il boomerang gli è tornato in mano, spero che almeno il buon senso prevalga.
Claudio Mazzoni
Cento (Fe)

Silvio ha vinto ancora una volta. Spero che il Fini abbia il buon gusto e la decenza di ritirarsi dalla sua carica in primo luogo e, in secondo, di ritirarsi a meditare sulla sua disfatta: ha fallito in questo scontro che nulla ha avuto di politico.
Rita Muscardin
e.mail

L’unica cosa seria che ha detto Fini è ammettere la vittoria di Berlusconi. D’altronde non aveva altra scelta. Il grave errore, che non gli verrà mai perdonato, è di avere mantenuto la presidenza della Camera (lui che si è fatto paladino della legalità e dell’etica pubblica), in evidente conflitto di interessi con la figura di super-partes che l’incarico richiede.
Attilio Lucchini
e.mail

Sul voto espresso al Senato e alla Camera, credo non ci siano dubbi  almeno sulle dimissioni del Presidente della Camera. Se questo non dovesse avvenire credo che qualcuno più in alto di lui dovrebbe  intervenire
Bernardo Rotili
e.mail

Esprimo la massima soddisfazione per il risultato del governo. Adesso il PdL dovrebbe farsi promotore per una mozione di sfiducia nei confronti Fini che ha disatteso le regole. Dal suo incarico, che doveva essere “super partes”, ha condotto una battaglia politica contro il governo grazie al quale è seduto su quella poltrona.
Giampiero Guerrini
e.mail

Anche se con pochi voti di differenza l’importante è aver ottenuto la fiducia al governo. In ogni caso vince la serietà, la volontà, il bene per il nostro Paese dimostrato da  Pdl e   Lega.
Roberta Bertolini
Genova

«Che Berlusconi non possa dire di aver vinto anche in termini politici sarà chiaro in poche settimane» ha detto   Gianfranco Fini. È normale che alla Camera, luogo in cui vengono calendarizzate le leggi ed i provvedimenti del Governo e della maggioranza, la Presidenza resti nelle sue mani? Quanto meno, per chiarezza e trasparenza, dovrebbe dimettersi.
Leopoldo Chiappini Guerrieri
Roseto Degli abruzzi (Te)

Fini-to.
E. Bracci
Genova

Alle prossime elezioni, assisteremo alla resa dei conti. È giunto il momento che Fini si dimetta dalla carica di presidente della Camera dei Deputati.
Aldo Scatorchia
Ripacandida (Pz)

Ieri si è consumato uno dei più grandi conflitti istituzionali che la  storia repubblicana ricordi. Gianfranco Fini era in aula come presidente della Camera, come capo del partito che ha provocato la crisi e come mediatore del suo gruppo tra chi era deciso a votare la sfiducia e chi, nelle ultime ore, ci stava ripensando. Fini ha giocato in casa, ma ha perso inesorabilmente.
Angelo Cennamo
e.mail

Ora, Fini e Bocchino possono rifondare il nuovo partito con una nuova sigla: TPL (Traditori del Popolo della Libertà). Spero che il Cavaliere dopo questa esperienza negativa non dia più ascolto a chi ha già fatto fallire tre partiti.
Antonio Gallo
Torino

Fini è ormai alle battute finali e dovrebbe mostrare un pò di umiltà, dimettendosi dalla carica di presidente della Camera. Le ragioni sono due: è proprio grazie alla vittoria del Popolo della Libertà che ha ricevuto questa ambita posizione e non è più super-partes.
Martina Ziliotto
Milano

Aderisco con entusiasmo alla campagna da voi promossa per mandare a casa l’ex leader di An, con la speranza che si realizzi.
Caterina Sottini
e.mail

Che rabbia. Che delusione. Pensare che l’ho seguito e votato per 40 anni e adesso non vedo l’ora che scompaia per sempre dalla scena politica nazionale. Purtroppo non lo farà mai da solo.
Roberto Martinelli
Livorno

Dopo dodici anni di fila in cui ho dato il mio voto a Fini devo amaramente dire che «in politica se non la coerenza, ci deve essere la decenza». Apprezzerei un gesto: le dimissioni da presidente della Camera.
Vincenzo Ricca
e.mail

Le trovate di Fini hanno arrecato enorme danno al paese. Il clima di incertezza che ne è seguito ha innescato anche la guerriglia che ha messo ferro e fuoco Roma. Non penso che possa restare al suo posto pretendendo di essere al di sopra delle parti, quindi vada a casa.
Mario Cirincione
e.mail

Sigor Fini chiedo cortesemente le sue dimissioni dalla presidenza della Camera, che non ha più diritto di occupare in quanto passato all’opposizione.
Paolo Busi
e.mail

Non è degno di rappresentare tutti gli italiani chi ha tradito perfino i  suoi  elettori. Vada al più presto a casa.
Gianni Gamba
e.mail

Carissimo Fini, ormai prendi applausi solo da sinistra ed hai demolito tutti i valori della destra. Ritengo che devi lasciare la politica perchè sei molto confuso.
Tommaso Caputo
e.mail

Egregio Presidente, non è mai esistito in tutto il mondo un presidente della Camera che inviti alle dimissioni il presidente del Consiglio. Siamo tutti in attesa di una sua dimostrazione di moralità e legalità.
Gabriella Ricci
e.mail

Fini continua imperterrito a sparlare come è sempre stata sua abitudine. Non si rende conto che nessuno più lo ascolta. Si trasferisca definitivamente a Montecarlo.
Leonardo Brunetti
e.mail

Egregio Fini, l’ho sempre apprezzata per la sua coerenza, serietà e affidabilità. Mi viene difficile comprendere il suo attuale voltafaccia.
Gianfranco Tentori
e.mail

Ho sempre votato a Destra. Adesso basta presidente Fini. Dimettiti. Quella carica non la puoi più ricoprire: sei capo di una formazione politica avversa al governo.
Angelo Dituri
e.mail

Caro Fini, sedici anni fa non sarebbe mai riuscito a sognare il percorso politico che ha compiuto sino ad oggi. Tutto grazie a Silvio.
Pietro Miccoli
e.mail

Mi associo a voi per mandare a casa Fini.
Illic Sirotti
Stati Uniti

Carissimo Fini, allora quand’è che toglie il disturbo? E già che c’è quando, finalmente, si dimetterà, perchè non si porta dietro anche l’amico Bocchino?
Angioletta Mapelli
e.mail

Fini ha distrutto una destra che è riuscita a mettere all’angolo una sinistra allo sbaraglio. Ora cosa pensa di fare? Non può rimanere incollato alla poltrona che occupa. 
Carmen Biagi
e.mail

Caro Fini, ho sempre dato una mano per aiutare la tua area nelle consultazioni elettorali a Genova. Da adesso in avanti la stessa energia la metterò nel contrastarvi e farvi conoscere per quello che siete: dei traditori. Per favore libera al più presto la poltrona.
Claudio Adami
e.mail

L’abbronzatura di Fini sta diventando sempre di più  color bronzeo, soprattutto quando qualcuno gli fa  notare che come presidente della Camera non è più super partes.
Ugo Bruschi
e.mail

Avviso di sfratto dalla Camera per il compagno Gianfranco Fini. Che però avrà modo di consolarsi: vuoi infatti che il cognatino non trovi un posto letto per il nostro eroe nella bella casa di Montecarlo?
Simone Maria Sassoli
e.mail

Il comportamento di Fini è lesivo della dignità della sua carica e delle istituzioni. 
Raffaele Bazzani
e.mail

Carissimo Fini, sarai ricordato solo per Montecarlo, la Rai, il cognato. Un consiglio: possa tu avere un sussulto di dignità e alzarti da quello scranno.
Felice Russo
e.mail

Il comportamento di Fini è lesivo della dignità della carica conferitagli e delle Istituzioni.
Vittoria e Francesca Guidi, Nicola Bazzani
e.mail

Fini, un consiglio: alleati subito. Adesso che puoi portare come dote qualche decina di deputati, poiché dopo le prossime elezioni ben pochi dei tuoi saranno eletti e la tua unica dote sarà un appartamentino.
Dario Polenghi
e.mail

Leggo che non c’è una norma che impedisca a Fini di svolgere, durante il mandato, funzione di capo partito. Il suo comportamento però è assolutamente disdicevole e meritevole di un energico richiamo a dimettersi da parte del Presidente Napolitano. 
Giorgio Mesiti
e.mail

Caro Fini: io tifo per lei. Ha azzerato l’Msi, affondato An, quasi sfiduciato il PdL e adesso che vuole mettere le zampe anche sul terzo polo non mi resta che fare gli auguri a Casini, perché col suo Fli il “flop” è assicurato.
Enzo Bernasconi
Varese

Caro Fini, dietro alla mia scrivania c’era una fotografia che raffigurava noi due. Adesso vederti con quella spocchia mi fa venire una rabbia superiore a quella che mi fa sentire l’onorevole Di Pietro. 
Antonio Saglimbene
e.mail

Egregio Fini, non si sputa nel piatto in cui si ha mangiato per anni. Rassegni immediatamente le dimissioni.
Lodato Domenico
e.mail

Onorevole Fini, ho votato per lei dal 1982 e credo perciò di poterle chiedere un gesto di dignità: se ne vada a casa. Lei ha tradito tutti noi suoi elettori per smisurata ambizione e invidia verso il presidente Berlusconi.
Antonello Melis
Cagliari

Caro Fini, faccia l’ultima magia: sparisca.
Mauro Celli
Lucca

Appoggio l’iniziativa di richiedere le dimissioni di Fini. Il suo comportamento è un vero insulto alle istituzioni e agli elettori.
Laura Stoppa
e.mail

Fini: «E tutti dovrebbero ricordarsi che le istituzioni restano e gli uomini passano». Appunto, è ora che  “passi”.
Simone Maria Sassoli
e.mail
* * * * * *
Onorevole Fini, ritorni a Montecarlo. Noi non ti vogliamo. Ti sei appropriato di una poltrona presidenziale che non ti appartiene più. Dimettiti.
Salvatore Guglielmino
Roma
* * * * * *
Dimettiti. Non sei degno del posto che occupi. Freni le riforme e porti l’Italia nel caos.
Carlo da Pineto
e.mail
* * * * * *
Il mio voto è sempre stato lo stesso: Msi. Credevo nei suoi principi, quelli che lei, Fini, ha cancellato un po’ per volta. Dato che votando PdL ho scelto anche lei, mi sono sentito tradito. Pertanto, per favore, abbia un ripensamento e un poco di coraggio. Dia le dimissioni.
Sergio Lenassi 
e.mail
* * * * * *
Per un elettore di destra come me, valori come la lealtà e la coerenza sono fondamentali. Per questo Fini, pur avendola votata per tanti anni, ora non sono più intenzionato a seguirLa nelle Sue spericolate ed incomprensibili giravolte.
Pier Giuseppe Baroncini
e.mail
* * * * * *
Grazie per l’opportunità di poter dire a Gianfranco Fini che mi ha derubato del voto per tanti anni. Adesso in cambio fammi il favore di sparire.
De Antoniis Antonio
e.mail
* * * * * *
Le persone per bene tengono fede alla parola data,  sig. Gianfranco Fini- no. Vergogna.
Rino Morani
Milano
* * * * * *
C’era da aspettarsi il tradimento di Fini da quando, fuori onda, rivolto a un magistarto disse che bisognava far fuori Berlusconi. Sono convinto che debba lasciare la presidenza della Camera,  quale promotore di un nuovo partito.
Elio Redaelli
e.mail
* * * * * *
Fini, ho sempre votato per lei, ma ora mi ha deluso. Lasci la poltrona e si ritiri dalla scena politica.
Domenico Lotito
Torino
* * * * * *
Fini fu-turista a Montecarlo. Quanto ancora dobbiamo aspettare perché Gianfranco liberi la Camera?
Aldo Palamara
e.mail
* * * * * *
Caro Fini, un consiglio che ti posso dare è di andare a Montecarlo    invece di stare attaccato alla poltrona.
Nicla Vannucchi
e.mail
* * * * * *
Fini  mi vergogno di essere venuta ad applaudirla nel 2006 a Milano. Se Lei è lì a scaldare quella sedia lo deve agli italiani che Lei, per tutta risposta, ha tradito. Vada via.
Cristina Gastaldo
e.mail
* * * * * *
Disgustato dal comportamento scellerato del presidente della Camera  Gianfranco Fini, ne chiedo le dimissioni.
Claudio Sabbatini
e.mail

Mi pento di averla votata in passato. Mi pento ancor di più chiedendomi come posso aver votato per una persona che è caduta così in basso. Salvi almeno un pò di dignità e si dimetta.
Francesco Prioglio
e.mail

Mi sono avvicinato alla politica seguendola in ogni apparizione e comizio. Mi ha portato dal Msi ad An convincendomi poi a votare per Berlusconi. Ora però non riesco a seguirla. Lasci il suo incarico.
Mario Anzini
e.mail

 Onorevole Fini se ne vada. Non ha né dignità né senso dello Stato.
Gustavo Sciamanna
e.mail

Gente come Fini non può far parte di una comunità politica seria ma hanno    solo diritto a dirigere “altre camere” e a sparire nell’ anonimato
Elio Catalano
e.mail

Fini vada a casa. In un paese civile non c’è spazio per i traditori.
Roberto Arrigoni
e.mail

Si dimetta presidente. Almeno potrà dire: «Tutto è perduto fuorché l’onore».
Daniele Di Fabio
e.mail

Signor Fini, Berlusconi non può cacciarlo ma lo cacceremo noi elettori appena ci si dà l’occasione di votare. 
Antonio Barbera
e.mail

Sono molto deluso dal comportamento di Fini. Parla di coerenza, ma cosa ci fa ancora sulla poltrona  dove lo abbiamo messo noi? Si deve dimettere. E dovrebbe anche provare un po’ di vergogna.
Carlo Lugli
e.mail

Sono disgustato dall’atteggiamento di Gianfranco Fini. Ero un suo ammiratore ma adesso è arrivato il momento in cui deve dimostrare di avere un briciolo di dignità, dimettendosi. 
Giampietro Miscali
Sassari

Onorevole, l’ho sempre guardata con stima ma adesso lasci quella poltrona e vada a guidare il suo Fli, lei non ha più le caratteristiche del presidente della Camera.
Orazio Linguanti
e.mail


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giuscas79

    29 Dicembre 2010 - 18:06

    Sono daccordo con Belpietro, Fini ha deluso credo molti degli italiani che come me lo hanno votato. Aveva ragione Berlusconi quando diceva di non disperdere i voti anche quando AN era nella coalizione di centro destra; se penso che ho votato in passato Fini che rappresentava per me in pieno i canoni di leader di destra, dove lo vedevo come uno che potesse essere meno moderato di Silvio Berlusconi, capace di mettere un po di disciplina dove ci voleva, adesso che lo si vede accordarsi con la sinistra, fare dei discorsi con contenuti mai sentiti in passato, mi sento proprio preso in giro, da lui e dal sistema politico in generale. Mi auguro che Pdl e Lega rafforzino la maggioranza del governo eletto dalla maggioranza degli italiani con gente seria e coerente, cosa non molto facile. La Sinistra dice che Berlusconi fà gli interessi suoi e dopo quelli del paese, ma meglio che a governare ci sia uno come lui e la sua squadra di governo che gli altri che invece pensano per loro e basta!

    Report

    Rispondi

  • ulisse di bartolomei

    27 Dicembre 2010 - 20:08

    Hai rottamato la destra storica portandoti dietro un regalino mica male... regale anzi! Hai trovato una compagna adatta a te... dei novelli Bonnie and Clyde all'italiana? Belli? Bè... lei è davvero bella... il malloppo c'è... la casa a Montecarlo c'è... hanno una figlia a cui va augurato tutto il meglio tranne di ereditare vizietti di famiglia... Ragazzi, fossi in lui mi ritirerei a vita privata. E' notorio che il brigante irriducibile finisce male e perde tutto. Gianfranco Fini fatti furbo, con quello che hai in saccoccia soltanto un fesso continuerebbe a giocare all'equilibrista... senza rete.

    Report

    Rispondi

  • jolly40

    21 Dicembre 2010 - 14:02

    Sottoscrivo le dimissioni del disonorevole Fini da Presidente della Camera. Bruno Gasparri

    Report

    Rispondi

  • freddieafk

    21 Dicembre 2010 - 08:08

    Almeno un minimo di dignità ti sarà pur restata, dimettiti. Marisa

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog