Cerca

Lettera al Pd, Bondi amarcord: "Cari compagni..."

Il ministro chiede ai democratici perché vogliono la sfiducia. Su Bocchino: "Mi ha minacciato". Pompei, nove indagati

Lettera al Pd, Bondi amarcord: "Cari compagni..."
Tuffo nel passato di Sandro Bondi, il ministro della Cultura che con una lettera indirizzata al Partito Democratico spiega perché sia sbagliato sfiduciarlo. La missiva esordisce con la locuzione "cari compagni", forse un residuo dell'antica militanza di Bondi nel Pci, quando era sindaco di Fivizzano
"Siccome riconosco ancora nei principali leader della sinistra, in particolare a Bersani, Veltroni Fassino, un residuo di rispetto nei confronti degli avversari politici, vi chiedo di fermarvi, di riflettere prima di presentare contro di me un atto parlamentare così spropositato, pretestuoso e dirompente sul piano umano, che rappresenterebbe un’onta non per me che lo subisco ma per voi che lo promuovete". Continua così la lettera di Bondi pubblicata da Il Foglio di Giuliano Ferrara.

OSTILITA' PRECONCETTA - Il ministro dice, tra l’altro, di aver "sperato e ho anche contribuito personalmente a sostenere un corso politico che avrebbe potuto condurre ad una democrazia finalmente pacificata. Purtroppo così non è stato. In questo quadro, qualsiasi discorso sui contenuti, sia pure da prospettive diverse, risulta impossibile e passa sempre in second’ordine. Così è stato sulla questione della cultura. Mi è stato impossibile, in parte forse anche per miei errori  personali, ma soprattutto credo per un clima di ostilità preconcetta che ha subito circondato il mio lavoro. Le difficoltà economiche, all’origine dei tagli che hanno colpito anche la cultura, hanno fatto il resto. Tutto questo però giustifica una mozione di sfiducia individuale nei miei confronti?"

CROLLI ANCHE NEL PASSATO - "Qual è la ragione per cui la presentate?", si chiede Bondi. "I crolli avvenuti a Pompei? Non posso crederci. Sapete bene che altri crolli sono avvenuti nel passato, e probabilmente avverranno anche nel futuro, senza che a nessuno passi per la testa di chiedere le   dimissioni del ministro pro tempore alla Cultura. Mi imputate forse la colpa di non aver chiesto con la necessaria forza e determinazione   maggiori fondi alla cultura? Anche questo non corrisponde alla  realtà. L’ho fatto e nei prossimi giorni sarò probabilmente in grado  di annunciare alcuni risultati ottenuti per quanto riguarda il  rifinanziamento degli incentivi fiscali a favore del cinema e del fondo unico per lo spettacolo".

SCONTRO CON FUTURO E LIBERTA' -
  Bondi nelle ultime ore è passato allo scontro aperto con gli esponenti futuristi. Mercoledì ha infatti scritto anche al Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, per lamentare quella che lui ha giudicato mancanza di imparzialità da parte del presidente della Camera, Gianfranco Fini, in relazione all'annunciata mozione di sfiducia. Giovedì, invece, nel mirino del ministro della Cultura è finito il pasdaran Italo Bocchino: "Mi ha ha più volte chiamato nel corso di questi due anni di governo", ha spiega Bondi, "con tono arrogante e minaccioso, per chiedere che il ministero dei Beni culturali finanziasse soggetti cinematografici, alcuni dei quali prodotti da società appartenenti alla sua famiglia e riguardanti sua moglie. Intervenne anche per alcune nomine". Nelle ultime ore, poi, è giunta la notizia di nove avvisi di garanzia per i crolli nella zona degli scavi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • diegocante

    28 Febbraio 2011 - 11:11

    BOndi. Altro ex comunista. Certo lui è passato sul carro del vincitore perchè ci crede, mica per convenienza. A questa gente preferisco i parlamentari condannati per reati di tipo politico. Meglio un fascista o un comunista condannato perchè si bastonava con la controparte per la strada in onore alle prorpie idee che questa gentaglia; riccastri arroganti, venduti d'ogni colore politico per uno stipendio da parlamentare.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    20 Dicembre 2010 - 16:04

    La leggenda mondiale,di tutti i tempi, del Tango è di tutto fuorchè magro, anzi direi obeso.Il Tango è stile non presenza.Ti ha fregato un'altra volta la troppa televisione.Ciao Gaspare.

    Report

    Rispondi

  • cadlonia

    17 Dicembre 2010 - 11:11

    e chi se ne frega della mozione di sfiducia presentata dai sinistri. Ci sarà una votazione e ancora una volta la prenderanno in quel posto!! A quella gentaglia si insegna solo con questo metodo!! Li lasci racchiare fin che vogliono ma non vada mai ad elemosinare da loro. Importante è non dimentica e se per caso un domani (dico se per caso) andassero al governo li ripagheremmo con la stessa moneta.

    Report

    Rispondi

  • feltroni

    16 Dicembre 2010 - 23:11

    "sig. Bondi il crollo di pomperi è da decenni che miglaia di vermi affamati ci mangiano e hanno mangiato a parti da Bassolino, e la Jervolino Perchè questo crollo non è vero che in due anni ,delle strutture tenute sempre ristrutturate, sono crollate? all´ora i veri colpevoli sono Bassolino e la jervolino! e no L´onorevole Bondi! Come hanno accusato Berlusconi per la spazzatura.. La jervolino e Bassolino loro sono,i veri colpevoli! E non i Napoletani, sono solo vttime!" Tappetto rosso e Oscar per la sceneggiatura...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog