Cerca

Di Pietro chiama Vendola e Bersani: "Sposiamoci!"

Il leader dell'IdV cerca SeL e Pd per "aprire le porte a una nuova opposizione"

Di Pietro chiama Vendola e Bersani: "Sposiamoci!"
E' il matrimonio dell'anno, ma le premesse viste nei mesi di "fidanzamento" autorizzano a pensare che la storia sia destinata a non durare tanto. Ed è un matrimonio a tre, celebrato tra Antonio Di Pietro, Nichi Vendola e Pier Luigi Bersani. Il matrimonio si chiama "rinnovamento del centrosinistra italiano", ma si potrebbe chiamare tranquillamente "mission impossible". Sta di fatto che nel pomeriggio di giovedì il leader dell'Italia dei Valori ha chiamato i suoi colleghi del Partito democratico e di Sinistra ecologia e libertà. "Ho soltanto aperto la porta, senza nessun ultimatum", ha affermato. Una porta aperta verso - spera lui - una nuova opposizione, capace di reagire in maniera compatta (anzi, capace di reagire. E basta) alla maggioranza di centrodestra.

I suoi interlocutori, giustamente, hanno chiesto altre 24 ore per pensarci su, prima di dare una risposta. Il generoso Tonino ha concesso "anche una settimana, ma visto che alla fine noi tre saremo, è inutile aspettare. Quando il matrimonio è pronto, sposiamoci...", ha proseguito il vulcanico fondatore del partito dei Valori. Che si è augurato di poter celebrare l'unione entro Natale perché, "a forza di aspettare quale erba del vicino è più buona la coalizione muore di fame".

Prepariamo i confetti, sistemiamo l'abito buono. Si celebra il matrimonio della sinistra italiana. Un matrimonio d'amore. Per garantire ai tre personaggi una dignitosa sopravvivenza tra i banchi dell'opposizione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bobbon

    28 Luglio 2011 - 19:07

    mi sa che al Di Pietro piace avere l'harem

    Report

    Rispondi

  • tarpe

    22 Dicembre 2010 - 19:07

    ma questi tre non sanno fare l'opposizione, e vorrebbero governare, ma che vadino a lavorare con pala e badile.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    21 Dicembre 2010 - 15:03

    E' un soggetto socialmente irrecuperabile, la sua demagogia è delle più vergognose, si sbraccia dichiarando di stare con i giovani dissacratori della Città di Roma ma, questi non hanno capito che costui, se per caso fosse stato al posto di Berlusconi,dato gli esempi già dimostrati durante "mani pulite" come magistrato, avrebbe messo in galera migliaia di questi giovani.

    Report

    Rispondi

  • italianwherewolf

    21 Dicembre 2010 - 02:02

    dopo la caduta del muro di berlino alcuni anni or sono, si disintegraron tutti i partiti comunisti europei, anche il nostro pci si trasformo´ in quercia e dopo i democratici di sinistra e finalmente il pd dove a parte quattro dc della prima republica il nocciolo sono gli ex comunisti. ora perche ex comunisti sono sempre comunisti non sono eclatanti come Diliberto ,o Bertinotti e nemmeno forse come Vendola ma sempre della stessa idea . Ora mi sembra molto triste dover assistere a valzer di questo tipo per di piu´orchestrato da un semianalfabeta come Dipietro non si puo´infierire su di lui piu´ di tanto , ma considerando che era PM presso il tribunale di milano c'e´da chiedersi a chi presento su tesi di laurea?sicuramente a uno come lui. perche gli italiani debbono sopportare alleanze tra ideologie fallimentari e personaggi che vanno in contra dell'insegnamento della fede cristiana praticando il vizio e la contro natura

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog