Cerca

Ddl università, voto finale nel pomeriggio

In Aula, l'ostruzionismo di Pd e Idv, costringe a rimandare i lavori; si chiude oggi alle 16

Ddl università, voto finale nel pomeriggio
Al Senato ricomincia la sistematica opera di ostruzione messa in scena dalle forze di opposizione, Idv e Democratici in testa. L’aula ha ripreso l’esame, e i senatori delle opposizioni non rinunciano a ricorrere ad ogni appiglio del regolamento pur di riuscire a rallentare ulteriormente l'andamento dei lavori. Morale, la seduta decisiva per l'approvazione della riforma universitaria potrebbe concludersi a tarda notte.

INTESA SUL RINVIO A GIOVEDI' - L'eventualità era prevista: se nemmeno nella nottata tra mercoledì e giovedì il ddl fosse stato approvato, era già pronta a essere calendarizzata una nuova seduta giovedì alle 9.30. "Certamente non siamo aiutati nella conclusione dei lavori, ma la maggioranza è solida. Forse con qualche ora di lavoro in più, il provvedimento sarà approvato" aveva comunque provato ad assicurare il ministro dell'Istruzione, Mariastella Gelmini, parlando con i giornalisti al Senato. E infatti, si è deciso di rimandare il voto finale sulla riforma universitaria a giovedì alle 16. Alle 9 ricominceranno i lavori in Aula, mentre le dichiarazioni di voto inizieranno alle 15.30. Mercoledì, invece, i lavori chiudono alle 21.

In precedenza il presidente, Renato Schifani, ha convocato la conferenza dei capigruppo dopo che la presidente del gruppo Pd, Anna Finocchiaro, ha proposto di lasciare spazio alla discussione, garantendo il voto finale intorno alle 13 di giovedì. Proposta apprezzata da Schifani, fatta propria dal capogruppo Idv Felice Belisario, e su cui hanno già dato parere favorevole il capogruppo Pdl Maurizio Gasparri e quello Udc Giampiero D’Alia.

PROVVEDIMENTO STORICO" - La riforma dell'università "è un provvedimento storico, che archivia definitivamente il '68 e archivia la sinistra che non vuole riformare il Paese" ha detto il ministro dell'Istruzione, Mariastella Gelmini, intervenendo telefonicamente ad un convegno degli Studenti per le libertà organizzato a Napoli. 

LA PAROLA A TUTTI I SENATORI -
Tra gli escamotage, la richiesta del voto elettronico e della verifica del numero legale. Ma soprattutto la richiesta di interventi in dissenso dal proprio gruppo: il regolamento, infatti, non pone limiti a questo tipo di interventi. In termini pratici, ogni senatore può chiedere la parola per esprimere il proprio dissenso con il proprio gruppo, parlando per almeno uno o due minuti. Facile capire che, sommando gli interventi personali che si susseguono senza soluzione di continuità, il tempo perduto è destinato a lievitare senza fine.

SCHIFANI, "SEDUTA NOTTURNA" -
"Le opposizioni fanno legittimamente ostruzionismo. Il Senato proseguirà i lavori ad oltranza. Questa sera seduta notturna fino a mezzantotte. Domani votazioni no stop. Spero di approvare definitivamente il ddl entro domani sera". Questi i telegrafici commenti rilasciati nella mattinata di mercoledì in riferimento al ddl università del presidente del Senato, Renato Schifani. Poi l'augurio: spero che "non ci siano momenti di tensione in Aula, perché il clima nel Paese è estremamente teso".

LA DISCUSSIONI RICOMINCIA - Ovvio il malumore e la tensione nei banchi della maggioranza, anche se il presidente di turno, Domenico Nania (nella foto)-  a differenza di quanto fatto ieri dalla vicepresidente dell'Aula, Rosy Mauro - continua a presiedere con calma e serenità. La seduta, interrotta in mattinata, è ripresa alle 16 di mercoledì pomeriggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bisnonna!

    23 Dicembre 2010 - 18:06

    Non è faziosità ma semplice constatazione di chi, come me, assiste sempre ai lavori parlamentari. Alla Bonino ( sua begnamina? ) preferisco Chiti, come alla Mauro preferisco Nania.Dov' è il problema? A differenza sua, Woody 54, la mia stima per qualcuno, non dipende dall'appartanenza politica.

    Report

    Rispondi

  • villiam

    23 Dicembre 2010 - 16:04

    bersani erede di chi ? al massimo erede del nonno della bocciofila,dopo che è segretario,a tanti è venuto il dubbio se il pd sopravviverà,lei agli uomini di sinistra del passato potrebbe al massimo lucidare i mobili di casa.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    23 Dicembre 2010 - 16:04

    Lascia perdere la Bonino, io abito e vivo nel paese dove la Bonino e nata e vissuta..Ripeto, lascia perdere.

    Report

    Rispondi

  • aquila azzurra

    23 Dicembre 2010 - 16:04

    nelle ragioni di una opposizione sorda, cieca e velleitaria. Ma chi ha ipotecato il futuro dei nostri giovani? i sessantottini che hanno invocato il sei ed il 18 politico , gli stessi che hanno smantellato i più elementari principi morali. gli stessi che hanno dilapidato il danaro pubblico facendo raggiugere una forma pachidermica alla struttura statale,gli stessi che hanno sfondato il limite del debito pubblico lasciando alla generazione futura solo problemi di risanamento, gli stessi che hanno occupato posti dal futuro sicuro ed intoccabile. Quegli stessi oggi lanciano i giovani contro le istituzioni senza neanche recitare il più elemenyare "mea culpa".

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog