Cerca

Milleproroghe, allarme rientrato su biglietto cinema

Il CdM approva bozza decreto: stralciato all'ultimo momento aumento di un euro sul ticket sale

Milleproroghe, allarme rientrato su biglietto cinema
Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legge "Milleproroghe" e per qualche ora è stata polemica su un punto in particolare, il presunto "caro-biglietti" del cinema.
Con la proroga per il triennio 2011-2013 degli sgravi fiscali a favore del cinema, infatti, la bozza prevedeva "per l'accesso a pagamento nelle sale cinematografiche o in altri luoghi per assistere a spettacoli cinematografici, un contributo speciale a carico dello spettatore pari a un euro, da versare all'entrata del bilancio dello Stato". 
"Una decisione folle che danneggia i cittadini italiani e gli appassionati di cinema, e che avrà ripercussioni negative per gli stessi esercenti cinematografici", attacca il Codacons. "Si tratta di una vera e propria stangata per le tasche dei cittadini - afferma il presidente Carlo Rienzi - Già oggi i cinema italiani sono tra i più cari del mondo, e il costo medio di un biglietto è pari a 7,50/8,00 euro, mentre per le visioni di film in 3D può arrivare a 12 euro. Se approvato il provvedimento del Governo, un biglietto arriverà a costare 9 euro, 13 euro per i film in 3D. Si tratta di prezzi improponibili".
Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, ha però smentito "categoricamente che il decreto mille proroghe approvato oggi in Consiglio dei Ministri preveda l'istituzione di un contributo speciale di un euro sui biglietti di ingresso nelle sale cinematografiche. Ogni altra notizia al riguardo è fuorviante e priva di fondamento". Infatti, per la sorpresa generale, nel testo definitivo non c'era riferimento ad aumenti del biglietto.

CINQUE PER MILLE - Il decreto prevede che nei 400 milioni di euro del 5 per mille stanziati per il 2011, 100 milioni vadano alla ricerca e l'assistenza ai malati di sclerosi.
Una parte dei fondi arriveranno dal settore dell'editoria e dell'emittenza locale, grazie ad un taglio di circa 50 milioni all'editoria e 45 alle radio e tv.

UNIVERSITA' - Il milleproroghe contiene le risorse necessarie per finanziare il fondo unico per l'Università.

VENETO - I versamenti fiscali per gli alluvionati del Veneto slittano al 30 giugno 2011.

WI FI - Su richiesta del ministro degli Interni Roberto Maroni, è stata inserita nel decreto anche la liberalizzazione del Wi fi, sia pur con la necessità di ottenere una licenza del questore per gli internet point. "Sarà un piccola grande rivoluzione, conseguenza della decisione di non prorogare la validità del decreto Pisanu", esulta il ministro della Gioventù Giorgia Meloni.

IMMOBILI FANTASMA - Slitta al 28 febbraio il termine entro cui i proprietari di case abusive dovranno far emergere i cosiddetti "immobili fantasma". Il limite precedentemente era il 31 dicembre.

CARTA D'IDENTITA' - Rinviato al 2012 l'avvio della carta di identità munita della fotografia e delle impronte digitali della persona a cui si riferiscono.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    23 Dicembre 2010 - 12:12

    Per un certo tempo Bondi, (sigh lo confesso) mi era anche piaciuto, lo trovavo simpatico. Ma dopo che ha regalato non so quanti milioni alla SIAE con relativo aumento (per noi) di prezzi di memoria RAM, ROM, Hard disk et similia, mi è sceso là dove non batte il sole. Bondi dev'essere il classico tipo che è forte coi deboli e debolissimo coi forti: un perfetto italiano, quindi. Brrr

    Report

    Rispondi

  • blues188

    23 Dicembre 2010 - 12:12

    Lei dice bene: non siete veneti. La prova è nel suo commento, dovesi leggono implorazioni per altri aiuti dimenticando quelli già dati e le cose fatte. Il Veneto si è rimesso in fretta da SOLO da un terremoto cento volte più scatenato di quello che ha colpito l'Abruzzo. Non ha pianto, non ha chiesto, non ha lamentato nulla, chiedendo solo di poter lavorare in santa pace per ricostruire. Gli abruzzesi invece ancora piangono e se ne stanno con le braccia conserte in attesa che piova addosso altro oro. Le uniche carriole le avete usate per fare dimostrazioni, vuote di terra ma piene di tante richieste che neppure voi avete saputo riempire, nonostante siate i diretti interessati. Dal Veneto (e io purtroppo non sono veneto) si può solo imparare. Ma anche questo non lo volete fare. È una vergogna abissale che vede tutto il mondo.

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    23 Dicembre 2010 - 11:11

    Quello che non ho mai capito è il perchè il governo debba dare fondi per il cinema e riempire di danaro le tasche degli attori.Sono essi ,regista compreso, liberi professionisti o impiegati dello stato?Penso siano liberi professionisti.Ed allora va da sè che se un attore è bravo ,un regista è bravo e fanno un prodotto di qualità,il cinema fa cassetta ed i proventi vanno tra loro divisi. Se il prodotto è una ciofeca,allora gli attori ed il regista faranno un mestiere che gli italiani non vogliono più fare. Questa è la logica. Quell'euro in più sarebbe bene che venisse proposto per aiutare la sanità.Ripeto la sanità, il SSN che sta in profondo rosso per la cocciutaggine dei sindacati e degli incoscienti,per i quali tutto deve essere dato gratis in quanto la salute è un diritto.Giusto.Però i soldi sono terminati e ci propinano una sanità all'acqua di rose. Va bene così? Si salva la faccia ma non la pelle.

    Report

    Rispondi

  • ibra78

    23 Dicembre 2010 - 08:08

    Come avete scritto nell articolo che i cinema in italia sono i più cari,purtroppo è sempre così chi ci perde sono sempre i cittadini ,facendo così si incita la pirateria informatica .Fate il conto voi che in questo periodo le sale cinematografiche sono affollate ,come fà una famiglia di 4 persone ad andare al cinema per asempio a vedere un film in 3d gli viene a costare la cifra di 32€ solo di ingresso poi ci sono i pop corn e una bibita e sono altri 20€ per un totale di 52€ .A me facendo così passa la voglia di andare al cinema.Grazie

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog