Cerca

E Gianfranco scappa: "Lega, non ci sarà nessun dibattito sul mio ruolo"

Il presidente della Camera sulla richiesta del Carroccio: "Indebolirebbe terzietà della carica"

E Gianfranco scappa: "Lega, non ci sarà nessun dibattito sul mio ruolo"
"Un dibattito sul ruolo del presidente della Camera affievolirebbe la terzietà della carica, quindi è inammissibile". A dirlo non è un costituzionalista, ma lo stesso presidente della Camera Gianfranco Fini, che sfugge così alla richiesta della Lega presentata mercoledì.
"Ove si intenda promuovere un dibattito in termini generali sul ruolo e sulle funzioni del presidente di assemblea parlamentare nel nostro ordinamento - ha risposto formalmente Fini alla richiesta del deputato del Carroccio Reguzzoni -, anche al fine di intervenire sui richiamati principi di ordine costituzionale e regolamentare, ciò può senz'altro aver luogo, attivando gli specifici strumenti previsti a tale scopo: in particolare, attraverso la presentazione di apposite iniziative di riforma costituzionale o di modifica al regolamento, il cui esame è rimesso alle sedi competenti".
Fuor di burocratese, Fini non vuole che un dibattito alla Camera metta in luce la mancanza di sostegno alla sua persona a Montecitorio. La Lega, infatti, non aveva chiesto formalmente le dimissioni del leader di Futuro e Libertà, ma semplicemente una "verifica sulla sua terzietà".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    27 Dicembre 2010 - 15:03

    Quando predicherà ancora che Berlusca deve andare dai giudici a farsi processare, non penserà a sè stesso che per paura e per viltà non ha il coraggio di affrontare il giudizio dei deputati di cui è immeritatamente presidente ? E' questa la logica finiana ? Povero individuo senza palle e senza cervello !

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    27 Dicembre 2010 - 15:03

    Sei proprio irrecuperabile, hai un cervellino piccolo piccolo e anche quel piccolo annebbiato e completamente antidemocratico, ecco il vero prototipo dello stalinista duro e puro che non si pone problemi di ordine morale ma ragiona come un robot (cinese) teleguidato.

    Report

    Rispondi

  • venaria

    26 Dicembre 2010 - 17:05

    Ma si, oramai comunque Fini non conta piu' niente, sa bene che manca poco alla resa, basta guardarlo come ogni giorno che passa il suo volto si gonfia sempre di piu' dalla rabbia, certo lui credeva di battere Berlusconi ma i suoi progetti gli sono andati male oggi gli rimane solo il piacere di lisciarsi solo la cravatta niente altro. .

    Report

    Rispondi

  • James Baker

    26 Dicembre 2010 - 16:04

    Si' é proprio un genio: oltre a farsi capire dai personaggi politici già elencati, Gianfranco Fini ha "" piazzato "" altra gente che deve essere accompagnata al cesso come lui e te ne faccio io l'elenco: 1) - Carlo Ciccioli ; 2) - Corrado Canafoglia ; 3) - Massimo Bello . Questa é gente senza scrupoli senza nemmeno l'odore della dignità. Questa é gente che al mattino fa un mestiere ed alla sera un altro .... (???!!!!!). Questa é gente che ti presento ..... e ti raccomando di mangiarla ad insalata. ----------------------------------------------------------------------------------------------------- Andate a casa vostra, lasciate in santa pace LA CASA DEGLI ITALIANI.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog