Cerca

Napoli, il Cav e Letta: "Soluzione entro il 2010"

Emergenza rifiuti, Berlusconi: "A Napoli in prima persona, soluzione in pochi mesi". Il sottosegretario accelera: "Pochi giorni"

Napoli, il Cav e Letta: "Soluzione entro il 2010"
Entro pochi mesi, anzi entro Capodanno. Il governo si muove per l'emergenza rifiuti e a farlo sono sia il premier Silvio Berlusconi sia il suo fidato sottosegretario Gianni Letta. Il premier, intervenuto telefonicamente a una riunione del Pdl a Napoli, ha assicurato: "In pochi mesi riusciremo a trasformare la situazione di Napoli, con una mia attività personale". Poco dopo, dal vertice di Palazzo Chigi con il presidente della Regione Campania Caldoro, il sindaco di Napoli Rosa Russo Jervolino e i presidente e prefetti delle province campane, Letta ha accelerato: "Risolveremo tutto entro il 2010, grazie al profondo senso di responsabilità e sensibilità istituzionale di tutti i partecipanti alla riunione e al consistente apporto allo smaltimento dei rifiuti proveniente da diverse regioni italiane".

CALDORO, "MASSIMO IMPEGNO" - "C'è l’impegno di tutte le istituzioni per ripulire Napoli entro il 31 dicembre. Ci prenderemo qualche giorno in più per affrontare i problemi della Provincia". Così Stefano Caldoro, lasciando palazzo Chigi dopo il vertice straordinario per l'emergenza rifiuti. Caldoro ha poi sottolineato che il 4 gennaio si terrà un nuovo tavolo.

IL DISAGIO DEI FINIANI -
Nel suo intervento telefonico, Berlusconi aveva poi commentato la situazione politica italiana. "Nel 2011 la nostra economia tornerà ai livelli pre-crisi".  "L'operato del governo - ha spiegato il Cavaliere - è stato ostacolato con ogni mezzo, anche con congiure di palazzo. Ma in questi anni abbiamo fatto bene e lavorato per l'interesse del Paese. Non è un caso se dal 2008 a oggi il nostro è stato l'unico governo in Europa a non aver perso un solo scontro elettorale".

"USCIRE DA CRSI POLITICA" - Berlusconi è poi tornato sulla questione-maggioranza: "Nonostante l'operazione di Fini, abbiamo mantenuto la maggioranza al Senato e, limitata, alla Camera. Ora molti deputati del Fli che hanno seguito Fini per promesse personali sono a disagio. Il treno su cui erano saliti ha cambiato direzione senza preavviso: da terza gamba del centrodestra a partito d'opposizione. Ora altri deputati verranno con noi a sostenere la maggioranza, per le riforme necessarie al Paese. Per il resto, non posso che essere ottimista". "Dobbiamo uscire da questa crisi al meglio: concentriamoci su questa cosa essenziale. Lo dico ad altri parlamentari amici di altre forze politiche: vengano con noi", ribadisce l'appello il premier. Il presidente del Consiglio pensa che il 14 dicembre, chi ha votato per Fini lo abbia fatto soltanto "per riconoscenza" politica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pi.bo42

    03 Gennaio 2011 - 17:05

    Fini non si è alleato con la sinistra, né mai lo farà! Cosa significa "ora che la sinistra è stata debellata"?. Di quale sinistra parla? Siamo un paese tutto di destra? E' stata vinta una guerra? Per tornare all'argomento dell'articolo, pare che il 1° della'anno vi fosse ancora spazzatura per le strade di Napoli....!

    Report

    Rispondi

  • robe

    02 Gennaio 2011 - 17:05

    Una logica ferrea!

    Report

    Rispondi

  • pierino spinoglio

    31 Dicembre 2010 - 17:05

    Io non sono ne Berlusconiano e ne leghista io sono di DESTRA e posso dare ragione o torto a chi se lo merita (secondo me) Do ragione a chi ce la con i meridionali, certi e non pochi, sono anni che vivono nelle baracche e gridano che vogliono la casa Ma a noi chi ce la data la casa? Questa e una delle tante pecche del meridione. . Sono d’accordo anche io che la padania non esiste ma esiste un popolo del nord che lavora e che e stufo di sfamare i fannulloni. Truffe delle pensioni d’invalidità, alle ASL .ai comuni, immondizia bruciano i camion spaccano tutto “E chi paga?” Secondo il mio punto di vista la piaga d’Italia sta proprio nel meridione. Tornando a Fini io lo sempre ammirato come a suo tempo ammiravo Almirante ma adesso che siamo riusciti a debellare la sinistra Doveva almeno a pazientare fino a nuove elezioni e non allearsi con la sinistra per me non lo voterò mai più e non sono il solo.

    Report

    Rispondi

  • baddeoe

    31 Dicembre 2010 - 02:02

    Mi piange il cuore vedere l'esercito italiano ridotto al rango di spazzini, per ripulire le lattrine napoletane. Stiamo perdendo onore e dignità.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog