Cerca

Democratici allo sbando. Il partito si spacca anche su Pomigliano

Intesa Fiat-sindacati. Da una parte l'anima Ds, in mezzo Veltroni. E c'è pure Vendola che punta al "golpe"

Democratici allo sbando. Il partito si spacca anche su Pomigliano
E' arrivato l'accordo tra Fiat e sindacati su Pomigliano. L'unica rappresentanza che continua a fare le barricate è la Fiom, il sindacato metalmeccanico che aderisce alla Cgil. Si sa, nel Partito Democratico il vecchio cuore Ds batte ancora forte. E come se non fosse sufficiente (per loro) lo stillicidio di divisioni che già hanno messo in ginocchio il partito di opposizione, ora i democratici hanno deciso di scannarsi anche su Pomigliano.

"ANDATE IN CATENA DI MONTAGGIO" - La situazione del partito l'ha inquadrata con precisione Fabrizio Cicchitto, capogruppo del Pdl alla Camera: "Nel Pd vi sono tutte le posizioni in campo, e ciò è la dimostrazione di una crisi profondissima". Ma che cos'è successo, sul caso Pomigliano? E' semplice. Se, in ordine sparso, il leader della Fiom, Maurizio Landini, suggerisce ai democratici di andare "prima nelle catene di montaggio, e poi vediamo se ragionate ancora nello stesso modo", è perché nel centrosinistra, ancora una volta, si sono aperte delle crepe profondissime.

CONTRARI - Mercoledì, un documento fiume firmato dal responsabile economico del partito, Stefano Fassina, e dai segretari del Pd torinese diceva tutto e niente. Parlava di "investimenti preziosi e irrinunciabili", e di "strappi ingiustificabili sulle regole" nella fabbrica di Mirafiori. Questo, in estrema sintesi il contenuto del papello. Più o meno dello stesso tenore i commenti dell'eminenza grigia del partito, Massimo D'Alema, per il quale è "accettabile" la parte dell'accordo circa la produttività e l'occupazione mentre "non è accettabile" tutto il resto.

CONCILIANTI E FAVOREVOLI - Poi arriva l'illuminato Walter Veltroni, che con occhi sognanti guarda sempre a un futuro ambiguo: "Dobbiamo andare a vedere la sfida di Marchionne" perché, spiega l'ex sindaco di Roma, "il Pd è il partito del cambiamento". Posizione più conciliante, dunque. Quindi prende la parola Beppe Fioroni, che senza indugi si schiera al fianco della Cisl: "Le garanzie occupazionali ottenute a Pomigliano dimostrano che il coraggio di cambiare dà i suoi frutti". Avanti tutta su Mirafiori, ché "il Pd", chiosa Fioroni, "deve attestarsi sul fronte del riformismo. Non su quello della conservazione".

RADICALI - Insomma, dentro al Pd, su Pomigliano e sindacati si può ascoltare quotidianamente tutto e il contrario di tutto. Poi, in verità, ci sarebbe anche Vendola, che democratico formalmente ancora non è, ma che punta tutto sul "golpe" primarie. Una delle dichiarazioni più morbide del leader di Sel registrate negli ultimi giorni è stata: "Bisogna reagire alla sfida di Marchionne con grande radicalità". Per carità, frasi più che legittime, poiché pronunciate da un politico che non disdegna l'appellativo di comunista. Immaginiamo, però, che anche le posizioni di Nichi vadano ad arricchire l'ampio spettro di quelle legittimate dal derelitto Partito Democratico: il duello tra l'anima riformista e quella conservatrice si allargherebbe anche a quella radicale. Ammesso che non esista già oggi. Con buona pace di un partito (?) che non si capisce dove voglia andare a parare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • guglielmo donatone

    07 Gennaio 2011 - 13:01

    Di tutti i pesci che hai acchiappato per gli altri non ne ingoierai neppure mezzo. Te ne resterà soltanto il sapore nel gargarozzo. A buon intenditor......

    Report

    Rispondi

  • pi.bo42

    02 Gennaio 2011 - 20:08

    Visto il suo modo di esprimersi, direi che lei sta proprio scrivendo ancora internato! Rispondo a maleducazione e villania con pari maleducazione e villania. Oltre a questo direi che sia inutile darle una qualsiasi risposta sensata.

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    02 Gennaio 2011 - 09:09

    Poverino,vuole farci credere che lo sfascio del centrosinistra,ha qualche attinenza con l'autodistruzione finiana! Non solo la differenza è evidente anche al più sempliciotto dei fessi che di politica non capiscono un cavolo,ma,che si voglia assemblare le due situazioni,per auto consolarsi dalla disperata situazione in cui versa la sinistra in Italia,da parte degli appartenenti a questa fallita cultura:è vergognosamente meschino! Il centrodestra ha un leader,ha una linea politica,ha una maggioranza,ha vinto tutte le elezioni che si dovevano e potevano vincere,e anche quelle inventate da Fini! Dove è l'attinenza con lo sfascio del centrosinistra?

    Report

    Rispondi

  • gicchio38

    01 Gennaio 2011 - 19:07

    MA ROTTAMATE QUANTO PRIMA QUEL CONTADINO CHE AVETE ELETTO CON LE VOSTRE PRIMARIE DA BURLA PERCHE' STA FINENDO DI DISTRUGGERE IL PD. IO SONO UN MORTALE NEMICO DEI COMUNISTI E DEI COSIDDETTI EX E QUINDI DOVREI ESSERNE FELICE, MA IL CUORE MI DUOLE PERCHE' NON RIESCE A ORGANIZZARE UNA OPPOSIZIONE DURA E COMPATTA CAPACE DI CONTRASTARE CON IDEE E PROGRAMMI LA MAGGIORANZA E NON PENSARE SOLO E SEMPRE A DISTRUGGERE IL NEMICO BERLUSCONI. SE ANCORA NON HA CAPITO CHE COSI' FACENDO NOI VINCEREMO SEMPRE CHE CAZZO LO TENETE A CAPO DI UN GROSSO PARTITO CHE POTREBBE ESSERE MOLTO PIU' COSTRUTTIVO CON GENTE PIU' GIOVANE E MODERNA E BUTTARE A MARE CON UN PESO ATTACCATO AL COLLO TUTTO QUESTO MARCIUME CHE NON VUOLE CONVINCERSI CHE IL MONDO CAMBIA E ANCHE LE IDEE DEVONO CAMBIARE. E' SOLO CAPACE DI DIRE CHE BERLUSCONI HA ROVINATA L'ITALIA. LUI COSA HA MAI FATTO PER L'ITALIA SE NON SUCCHIARE IL SANGUE DEGLI ITALIANO CHE DEVONO MANTENERE GLI AGI DI CERTI INDIVIDUI. E FINITELA CON QUESTE PRIMARIE TRUCCATE.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog