Cerca

Napolitano e i giovani: vota il sondaggio

Il discorso del presidente della Repubblica: "Riforme, serve coraggio fuori dal frastuono dei tatticismi" / COSA NE PENSI?

Napolitano e i giovani: vota il sondaggio
Il futuro dell'Italia e della sua democrazia è riposto nei giovani. E' questo il messaggio più forte e 'politico' del discorso di fine anno del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. "Se non apriamo a questi ragazzi nuove possibilità di occupazione e di vita dignitosa, nuove opportunità di affermazione sociale, la partita del futuro è persa non solo per loro, ma per tutti, per l'Italia : ed è in scacco la democrazia". Parole che si ricollegano idealmente alla questione della riforma dell'Università, anche perché pochi giorni fa il presidente ha accolto al Quirinale una delegazione di studenti proprio per ascoltare le ragioni del loro malcontento.

CONFRONTO COSTRUTTIVO - A governo e parlamento Napolitano chiede "uno spirito di condivisione delle sfide" perché è "in giuoco la dignità, la moralità la capacità di offrire un riferimento e una guida". Nei 20 minuti di appello al Paese c'è anche l'invito ai cittadini di partecipare alla politica: "Potete animarla e rinnovarla". Dito puntato soprattutto contro il debito pubblico, che graverà maggiormente sui giovani:  "Non possiamo lasciare sulle spalle delle generazioni future", sarebbe "una colpa storica e morale". L'agenda del presidente prevede una "profonda riforma fiscale" nel segno della giustizia e dell'equità, da ottenere attraverso "un confronto serio, costruttivo responsabile fra le forze politiche e sociali, fuori dall'abituale frastuono e da ogni calcolo tattico". Le linee da seguire sono il controllo della spesa pubblica, una crescita economica e sociale "più sostenuta" e più investimenti "nella ricerca".

COESIONE SOCIALE - Capitolo Fiat: Napolitano, non la cita, ma il messaggio all'azienda del Lingotot e ai recenti accordi di Mirafiori e Pomigliano è chiaro: bisogna coniugare "l'indispensabile elevamento della produttività" e un confronto "costruttivo". Proprio la competitività è la maggiore sfida per il Paese. La si può vincere solo superando "ritardi ed evidenti fragilità, nodi riconducibili a riforme finora mancate". Riforme per cui "ci vuole "coraggio politico e sociale", unico strumento contro il malessere, le disuguaglianze sociali, l'impoverimento degli operai e dei ceti medi e la piaga della disoccupazione che da tre anni cresce "sotto l'urto della crisi globale".

DIVARIO NORD SUD - Inevitabile per il presidente, napoletano di nascita, un riferimento alla situazione del Sud Italia, con un milione di disoccupati e un tasso a livello giovanile del 35,2%. Problemi risolvibili solo se affrontati: "Dobbiamo guardarli in faccia, e renderci conto del mondo in cui viviamo. Dobbiamo capire la crisi e le sue origini". Lo scenario della crisi è "tuttora ambiguo" ma il tratro in cui si può risorgere, per il presidente, è sempre quello dell'Europa, superando "l'illusione dell'autosufficienza" e cercando maggiore integrazione. Anche qui, però, bisogna dimenticare il passato e smettere di sognare "un futuro di certezze, magari garantite dallo Stato".
Il federalismo fiscale è benvenuto, a patto che venga attuato "in piena aderenza ai principi di solidarietà e coesione sociale e sanando la ferita del divario Nord-Sud, che si va aggravando". Un appello ancora più attuale vista la situazione di Napoli: "Ognuno faccia la sua parte, nello spirito di un impegno comune".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • docprozac

    13 Maggio 2011 - 12:12

    a napolità quando ci torni alla casa del popolo a giocare a bocce? non ne possiamo più delle tue esternazioni!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • blues188

    04 Gennaio 2011 - 12:12

    Mi chiedo perché lei si perda a rispondere ai soliti idioti di sinistra. Quelli non entrano in Libero per discutere, poiché hanno già idee ben precise (seppur storte); vengono qui solo per insultare e confondere, sfruttando la libertà che questo giornale concede troppo benignamente loro. Lei perde tempo per nulla! O crede di riuscire a far cambiar loro idea?

    Report

    Rispondi

  • piccioncino

    04 Gennaio 2011 - 09:09

    A) Il destino dei Paesi occidentali (accorti..) non è di finire inevitabilmente schiacciati dai Paesi emergenti (Cina in testa).Basti vedere la Germania che sta espandendo le esportazioni (soprattutto di di alta tecnologia), perchè ha saputo utilizzare al meglio le opzioni fondamentali (ricerca, infrastrutture, formazione, tecnologia) per stare sul mercato; B) le ragioni per cui l'Italia (pur dotata naturalmente degli elementi basilari..quali fantasia, creatività, intraprendenza..) è stata tagliata fuori (su pressing della sinistra massimalista) dai mercati globali in termini competitivi sulle alte tecnologie (le uniche in grado di metter fuori gioco gli emergenti): -il dirottamento pazzesco delle risorse pubbliche verso assistenzialismo parassitario (pensioni invalidità, costi politica, sperperi, debito ecc); -disfacimento sistema scolastico-universitario; -art.18 Stat. lavoratori che ha provocato polverizzazione tessuto produttivo, togliendo risorse e massa critica per ricerca estesa

    Report

    Rispondi

  • piccioncino

    03 Gennaio 2011 - 17:05

    Caro art. 140..le sue livorose, sgangherate, sconclusionate affermazioni..sono in gran parte inconferenti.. rispetto alle mie, e comunque...cariche solo di odio insulso e distruttivo..Cari compagnucci..fatevi un bell'esame di coscienza (se ne siete capaci,..ma ne dubito moltissimo..)..e scoprirete che i danni immensi alle nuove generazioni sono solo il frutto del vostro vergognoso..egoismo corporativo generazionale..mascherato da finto progrissismo e pseudo-avanzamentoi sociale. Ma, ..mi faccia il piacere...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog