Cerca

Casini: "Patto di pacificazione". Plauso dal Pdl

Apertura del leader Udc, soddisfatti Capezzone, Cicchitto e anche i futuristi. Il centrista aggiuge: "Urne, ipotesi possibile"

Casini: "Patto di pacificazione". Plauso dal Pdl
"Proponiamo, non a Berlusconi ma al Paese, una scelta di responsabilità. E di pacificazione". Questa l'offerta del leader dell'Udc, Pier Ferdinando Casini, lanciata in un'intervista al Corriere della Sera, nella quale invita il presidente del Consiglio, Berlusconi a "non gingillarsi su un parlamentare in più o in meno".

"SOSTERREMO INIZIATIVE SERIE" - "È una scorciatoia pensare che un partito che sta all'opposizione - prosegue Casini - e oggi ha preso l'iniziativa di un nuovo polo possa sedersi su qualche poltrona ministeriale, di cui non ci importa assolutamente nulla. Ed è degradante la presunzione di autosufficienza che si scontra con la realtà". Casini, pur non rinnegando una passata stagione in cui era alleato del Pdl, oggi afferma che "se il governo porterà in Parlamento iniziative serie", l'Udc le sosterrà. Il riferimento è al federalismo, di cui mancano ancora i decreti attuativi e all'interno dei quali, secondo Casini, potrebbero essere introdotte misure a sostegno della famiglia. "Siccome si discute di imposte locali - aggiunge - abbiamo proposto che anche in questo contesto si tenga presente la necessità di salvaguardare le famiglie. Il quoziente familiare era nel programma del Pdl. Sappiamo benissimo che oggi sarebbe difficilmente compatibile con i conti pubblici. Però tra il quoziente familiare e il nulla c'è una prateria. Qualcosa va fatto".

SULLE ELEZIONI - Secondo il leader dell'Udc, il ricorso alle urne in questo momento sarebbe un errore, ma se si pensa "di farci una concessione a non andare a elezioni anticipate, per carità: andiamoci pure". Infine, Casini invita il Partito Democratico a scegliere tra l'allearsi con l'Udc o con altri soggetti come Vendola o Di Pietro. "Come si fa a pensare di poter proporre una coalizione da Casini a Vendola? Sarebbe incapace di governare - conclude - e quindi un regalo enorme a Berlusconi». E il polo della nazione? "Oggi è un cartello elettorale - spiega il leader del'Udc - in cui ciascuno sta secondo la sua individualità e la sua sensibilità. E' chiaro che al momento giusto faremo una proposta chiara, lineare, definita per il governo del paese".

SODDISFAZIONE DEL PDL - Il segnale di Casini viene colto con favore dal Pdl: il portavoce, Daniele Capezzone, sottolinea come ci sia "bisogno di un atteggiamento positivo, concreto, che aiuti il Paese a cogliere i segnali di ripresa che cominciano a manifestarsi, si pensi all’export, ma non solo: il governo Berlusconi ha sempre avuto questo approccio e questa disponibilità. Ora - continua - c’è da sperare che anche altri mostrino responsabilità". Un applauso è arrivato anche da Fabrizio Cicchitto: "Siamo interessati a fare i conti con una opposizione responsabile, quale emerge dall’intervista di oggi di Casini, che per parte sua, il governo cerca legittimamente maggiori consensi in Parlamento e, nel contempo, di confrontarsi con chi, diversamente dal Pd e dall’Idv, non porta avanti una linea di scontro frontale".

APPLAUSI FUTURISTI - "È una base di confronto che non va lasciata cadere", continua il sottosegretario agli Interni, Alfredo Mantovano. Anche la pattuglia futurista guidata da Gianfranco Fini, ufficialmente, elogia l’iniziativa di Casini: "Bene - afferma il coordinatore dei finiani, Adolfo Urso - il nuovo Polo si muoverà insieme in Parlamento sulle riforme che servono all’Italia per innescare sviluppo e crescita, con responsabilità e determinazione, a cominciare dai decreti attuativi del federalismo fiscale sui quali attendiamo risposte adeguate e concrete alle proposte avanzate dal senatore Mario Baldassari".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Cattif.49

    12 Gennaio 2011 - 22:10

    Come tutti gli eredi della dc ripete solo dei mantra:bisogna essere seeeri,occorre pensare alla famiglia(senza dubbio alla sua ci ha pensato),non ci si può esprimere per sloogan,tutti si assumano le proprie responsabilità ...ma ,a proposito di responsabilità perchè il debito pubblico non viene fatto pagare dai politici che lo hanno prodotto e dai loro eredi come avviene nelle famiglie normali?In fondo tutti i partiti sono aziende molto,molto in attivo grazie ai sempre generosi finanziamenti (quando incassa Casini penserà alle povere famiglie che non arrivano a fine mese?)

    Report

    Rispondi

  • TARANTO1

    11 Gennaio 2011 - 01:01

    La volpe argentata una volta era l'ambizione di tutte le donne, oggi non lo è più, ci sono gli animalisti, ora bisogna vedere cosa ne pensano gli animalisti di Casini? sarà un furbacchione che si sente forte grazie al suocero e quindi non ambisce? o forse crede di aver trovato la collocazione giusta per gestire le cose a seconda di come tira il vento? una cosa è sicura è molto meno stupido di Fini il quale con i suoi tre "triunviri" da strapazzo a momenti cadeva dalla seggiola rischiando di essere rimproverato dalla compagna, e questo non lo avrebbe sopportato, a proposito dove sono i "triunviri"? forse a gettare le Granata prima che scoppi in mano al Bocchino investendo i Brigugli.

    Report

    Rispondi

  • petergreci

    11 Gennaio 2011 - 01:01

    Il governo italiano pende dalle labbra di una categoria di deputati fino ad oggi sconosciuta che viene assimilata, anzi no, è al di sopra dei padri costituenti: i responsabili. Siccome governare èun fatto politico, Silvio avrebbe bisogno di un Casini che possa avallare un programma e dare un'immagine al governo di serietà. I cosiddetti respnsabili possono dare il loro voto ma non un'immagine..il Pierferdinando questo lo sa ed allora negozia, tratta, (se la ride), tiene sulle spine perfino la Lega che se vede sfumato il federalismo porcata, è costretta a trasferirsi a Venezia (la città si presta bene in quanto c'è il carnevale ed allora i vari Bossi, Calderoli,Castelli possono scegliere la loro maschera appropriata, purchè nessuno li riconosca) per sfuggire a quei suio alcolici elettori che si ritroverebbero con un pugno di mosche.

    Report

    Rispondi

  • Romano_1939

    11 Gennaio 2011 - 01:01

    mi rivolgo al cav, a capezzone ed a tutto il pdl.-statemi a sentire:non fate l,errore di sentire il buon casini con rutelli ecc.- lasciateli al loro destino.- andiamo ad elezioni - casini e fini ce li abbiamo avuti al governo - e che cosa hanno fatto ?hanno sempre remato contro lo stesso governo.-cav. ascolti la lega che si vadi al voto.- costoro - casini fini ecc si comporteranno sempre nello stesso modo perchè e nel loro dna.- un saluto

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog