Cerca

Montezemolo attacca Tremonti e Lega Nord

Da Italiafutura dure critiche al Carroccio e al ministro: "Promesse mancate, no strategia di sviluppo"

Montezemolo attacca Tremonti e Lega Nord
Italiafutura, la fondazione che fa capo a Luca Cordero di Montezemolo, torna ad attaccare il governo. Nel mirino questa volta ci finiscono il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, e la Lega Nord.

"ASPETTATIVE TRADITE" - "Il neostatalismo municipale" della Lega e del ministro dell’Economia "hanno lasciato sola e tradito le aspettative della parte più viva e dinamica del Paese, e, cioè, gli imprenditori, gli artigiani e i commercianti che costituiscono, in Italia, un enorme serbatoio di competività”,  quel “nerbo della nazione di cui tutti sembrano ignorare le necessità”. Questo l'attacco pubblicato sul sito di Italiafutura, secondo cui il governo avrebbe "tradito la categoria degli imprenditori".

"COLBERTISMO DI TREMONTI" - A quello che la Lega applica sui territori corrisponde il  "colbertismo" di Tremonti al centro. “Al netto dei conti pubblici il Ministro ha ignorato completamente le esigenze delle imprese (spesso dimostrando fastidio verso le loro legittime richieste) mentre è sembrato molto più interessato a consolidare la presa sugli snodi centrali del capitalismo italiano attraverso le aziende pubbliche, protette strenuamente da ogni forma di concorrenza privata”, sostiene  Italiafutura.

FEDERALISMO - “L'azione del Carroccio appare sempre più limitata al federalismo inteso come panacea per tutti i mali del paese. Un federalismo i cui contenuti sono ancora poco conosciuti e per nulla approfonditi, nonostante gli ultimatum sulle date di approvazione. Stessa fumosità si riscontra sul tema della riforma del fisco a proposito della quale Calderoli, evidentemente pensando di rassicurare  gli italiani, dichiara che lui e Tremonti ne hanno già in testa tutti  i contenuti. Un risultato certamente non entusiasmante dopo 16 anni di  attività politica!”.

"MINISTRO, PROMESSE MANCATE - Il fuoco poi ritorna su Tremonti, "che va considerato a tutti gli effetti un esponente di punta della Lega" e che "non è riuscito a elabroare una efficace iniziativa a favore dello sviluppo e della competitività  del Paese”. Ma le bordate non sono finite: "Nella grande stagnazione della politica italiana il Ministro dell’Economia ha buon gioco nel dar prova di eclettismo ideologico, flirtando da ultimo con il Berlinguer dell’austerità, piuttosto che rispondere ai cittadini sulle mille promesse mancate”. Parole al vetriolo, condite da riferimenti storici discutibili.ù

BENE MARONI - Parole positive arrivano solo per il ministro Maroni definito "unica eccezione" perché "ha saputo agire con forza, misura e senso dello Stato. Soprattutto lui coniuga oggi la concretezza della Lega delle origini e la maturità dell’esperienza di governo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • agostino.vaccara

    11 Gennaio 2011 - 14:02

    Ho sempre avuto grande stima per Montezemolo, sia come presidente Ferrari sia come presidente Fiat. Però mi sembra che invece di criticare sempre dovrebbe anche cominciare a prendersi le sue responsabilità: criticare è facile, agire lo è di meno. Tra l'altro mi risulta che Montezemolo era stato invitato da questo governo ad assumersi la responsabilità del ministero dello sviluppo industriale. Cosa di grande prestigio ed in cui avrebbe potuto dare molto della sua capacità. Se non lo ha fatto le cose sono due: o non ne era in grado perchè sa soltanto parlare e criticare ma non agire, oppure non voleva fare parte di questa compagine politica. Ed allora che decida una volta e per sempre, perchè francamente queste sue critiche hanno finito per romperci i ... quelli lì!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • steacanessa

    11 Gennaio 2011 - 11:11

    ma come si permette di parlare questo ridicolo, supponente, finto capitano di industria assurto ai fasti pubblici per diritto ereditario e non per capacità. Al pari del laureato in legge storico distruttore dell'industria automobilistica italiana ha voracemente approfittato dei soldi dei contribuenti e, quando non c'era più da mangiare, ha passato la mano al vero industriale Marchionne. E ci sono belinoni che lo osannano. Come diceva Totò: ma che ci faccia il piacere! Di non rompere più.

    Report

    Rispondi

  • MAD

    11 Gennaio 2011 - 09:09

    ...dalla persona Montezemolo, quello che ha detto corrisponde al vero ed è pienamente condivisibile, trovo ridicolo commentare la sua persona o ciò che ha fatto, quando di dovrebbe rispondere argomentando contro quello che ha detto, non contro chi l'ha detto, ciò dimostra solo che ha ragione e a voi rode.

    Report

    Rispondi

  • Nonsocrate

    11 Gennaio 2011 - 04:04

    Se a Montezemolo stanno tanto a cuore le sorti dell'Italia non dovrebbe meravigliarsi che Tremonti si occupi prima di non far affondare la nave e solo dopo occuparsi di portarla in porto.Mi rendo conto della necessita'di dare benzina al motore per farlo andare avanti ma senza auto restiamo a piedi!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog