Cerca

Brunetta: "Sergio ha copiato la mia rivoluzione"

Il ministro a Belpietro: "Contratto Fiat regolare e anti-assenteisti, diritti non a rischio. Battaglia Fiom ideologica"

Brunetta: "Sergio ha copiato la mia rivoluzione"
"Marchionne e la Fiat mi hanno copiato". Così, scherzando ma non troppo, il ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta ha commentato con favore la strategia dell'azienda del Lingotto. Ospite del direttore di Libero Maurizio Belpietro a "La telefonata" su Canale 5, Brunetta è intervenuto sugli scontri tra Fiat e Fiom, definiti "puramente ideologici".

Ministro, il contratto di lavoro proposto dalla Fiat, sottoscritto da Cisl e Uil e osteggiato dalla Fiom, è davvero un contratto capestro?
"L'ho letto con cura. E' simile a quelli che esistono in altri settori come il tessile o i servizi, anzi quelli sono molto più pesanti. Quello che avviene a Mirafiori è uno scontro ideologico e simbolico, non di relazioni sindacali. La Fiat in cambio di massicci investimenti chiede semplicemente una flessibilità organizzativa (sabati e turni pagati come straordinari) pretendendo che in quei giorni 'speciali' non si verifichino assenteismo anomalo o scioperi".
Secondo la Fiam in questo modo si aboliscono i diritti dei lavoratori.
"E' una stupidaggine. Il diritto di sciopero è garantito dalla Costituzione e dalle leggi. Ripeto: clausole molto più impegnative sono contenute in centinaia di contratti di altri settori, sottoscritti anche dalla stessa Cgil. E poi va da sé, contratti che contravvengono i diritti sono non attuabili, un contratto contra legem decade immediatamente. Il punto è molto semplice, la Fiat propone uno scambio: flessibilità e impegno a non scioperare nelle giornate 'speciali' per un aumento dei salari".
E' possibile fare una cosa simile nel pubblico impiego?
"Onestamente è più difficile, perché Marchionne ha dalla sua il mercato e può dire che se non ce la fa, se ne andrà in Canada. Io non posso farlo, però l'impegno è nella stessa direzione. Abbiamo ottenuto il -35% di assenteismo: in questo, Marchionne sta copiando la rivoluzione di Brunetta e delle tante piccole imprese e delle cooperative, anche rosse, che magari i diritti li mandano a farsi friggere".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • jack1

    11 Gennaio 2011 - 17:05

    caspita sprizzate intalligenza da tutti i pori ....ahahahahahahah incredibile .... ma voi capzoni che non avete mai rischiato un centesimo di che minchia parlate ...andate a spalare la neve che il momento è propizio e aggratis

    Report

    Rispondi

  • pinet47

    11 Gennaio 2011 - 16:04

    Era da un pò che non si sentiva Brunetta. sarebbe ora che si desse da fare con gli assenteisti alla camera e al senato e che li riducesse in numero ai livelli americani, dove per 310 milioni di persone bastano 435 deputati e 100 senatori contro i nostri 630 deputati e 315 senatori.

    Report

    Rispondi

  • 11SETT1973

    11 Gennaio 2011 - 15:03

    SENZA SAPERLO FABRIZIO DE ANDRE UNA SUA CANZONE LA SCRITTA PENSANDO A ...

    Report

    Rispondi

  • ubik

    11 Gennaio 2011 - 14:02

    bruuuuuuuuuunetta e marcionne. Marcionne copiava... :)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog