Cerca

Fini tende la mano: "Patto per evitare il voto"

Gianfranco chiama Silvio: "Accordi per non vivacchiare". Cicchitto: "Saggio". Feeling con il Pd

Fini tende la mano: "Patto per evitare il voto"
Le prove tecniche di distensione tra Gianfranco Fini e Silvio Berlusconi passano per... Repubblica. In un'intervista al quotidiano di sinistra, il presidente della Camera tende la mano al governo richiamandosi a larghe intese tra maggioranza e opposizione (in altre parole, Futuro e Libertà e Udc, visto che le avance del Pd al Terzo Polo sono state gentilmente respinte) per scongiurare la fine della legislatura, perché le elezioni anticipate sarebbero "una prospettiva rischiosissima per l'Italia".

LA RIPRESA
- Quella del voto di fiducia del 14 dicembre scorso, ribadisce il leader Fli, è stata una sua "sconfitta politica". Il guaio, però, è il "senso di repulsione nei confronti della politica, perché il Paese è fermo e sfiduciato", con la "ripresa economica lontana". Dopo la picconata al governo, ecco l'assist: "Se si condivide questo approccio di sano realismo, allora ci possono essere le convergenze per le forze di maggioranza e opposizione". Fini consiglia ai suoi di non ripararsi dietro la logica del "tanto peggio, tanto meglio" e al governo di rifiutare quella del "andiamo avanti, non c'è alternativa".

ACCORDI -
L'alternativa, invece, c'è, ed è un accordo programmatico su riforme e provvedimenti, un "patto di salvezza nazionale" perché "vivacchiare è negativo per tutti". Un "salto di qualità", insomma: un po' la soluzione proposta nei giorni scorsi dal leader Udc Pierferdinando Casini e ben accolta dal Pdl. E oggi il capogruppo Pdl alla Camera Fabrizio Cicchitto ha elogiato le parole di Fini: "Moderate e di buon senso - ha detto Cicchitto a Omnibus, su La7 -, ha abbandonato i toni faziosi degli ultimi mesi". L'apertura del numero uno dei futuristi, però, non sconfessa la nuova alleanza del Terzo Polo: l'asse con Casini è solido e "Futuro e Libertà e il Polo della nazione non temono le urne". Se si votasse, conferma Fini, "staremmo insieme. Ci sarebbe una competizione con tre soggetti e non con due".

IL FEELING CON LA SINISTRA - Le parole di Fini sono piaciute al Partito Democratico. Per Maurizio Migliavacca, coordinatore della segreteria nazionale del partito di opposizione, "l'analisi che oggi il presidente della Camera ha affidato alla stampa riprende e si avvicina all'analisi che il segretario del Pd fa ormai da tempo. Simile è anche la consapevolezza del rischio che il Paese si troverebbe ad affrontare nel caso in cui andasse ad elezioni anticipate a causa del fallimento di Berlusconi e della ua incapacità di governare". Il feeling tra l'ex missino e la sinistra, insomma, è sempre più evidente, anche se Migliavacca, successivamente cerca di rimarcare una qualche distanza. "Bisogna rilevare tuttavia", prosegue il coordinatore del Pd, "che lo sbocco immaginato da Fini manca di consequenzialità, perché la soluzione non si può trovare coinvolgendo ancora una volta l'autore del disastro". La solita retorica della sinistra, perché ovviamente "l'autore del disastro" sarebbe proprio il Cavaliere. "E' tempo che ognuno si assuma la propria responsabilità", conclude Migliavacca.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • domenico 73

    15 Giugno 2011 - 18:06

    Vedo la stragrande maggioranza che sono contrari ad un riavvicinamnto di Fini e Casini a Silvio Berlusconi. Con tutte le ragioni che potete avere, che sono sicuramente valide e plausibili, vi ricordo che in politica ci sono stati sempre dei ribaltoni e scaramucce fra le varie anime che componevano un governo. Qui le colpe le hanno tutti, indistintamente (Berlusconi, Fini, Casini e Bossi ricordiamoci nel 94 quando screditò Berlusconi andando poi da solo alle elezioni del 96 facendo perdere in Centro destra.). Quindi sono tutti uguali e chi è senza peccato scagli la prima pietra, prima che vediamo lapidato il centro destra dai signori della sinistra. Ripartiamo, azzeriamo tutto e torniamo ad essere tutti insieme il vero centro destra quello che ci lega al ppe europeo alla politica estera e alla politica della famiglia e così via. Chi vuol capire capisca.

    Report

    Rispondi

  • Romano_1939

    26 Gennaio 2011 - 14:02

    Ci tendo a precisare che ero di AN ora pdl.- Come presidente del PD ci vedrei molto ma molto bene il sindaco di Firenze Renzi.-

    Report

    Rispondi

  • Romano_1939

    26 Gennaio 2011 - 14:02

    cav, attento a quello che fà. non si fid di Fini e Casini.- Ascolti Bossi e solo Bossi e vada avanti.- un saluto da un suo tgesserato.-

    Report

    Rispondi

  • cerbiatta

    12 Gennaio 2011 - 19:07

    Sempre brutto ma disteso e rilassato, rinfrancato dalle vacanze appena trascorse alle Maldive lontano dalla realtà nostrana e dai problemi contingenti, eccolo di nuovo in pista per cercare di riparare al disastro generato dalle sue prepotenti ambizioni. Fini, l'infingardo, si rende conto di aver perso la visibilità e l'importanza dell'attore principale; Casini gli ha rubato la scena e l'ha anticipato tendendo la mano al cav. con la sua proposta di un “patto di pacificazione” per il bene del Paese. Per recuperare credibilità e non rischiare l'isolamento politico, non ha altra scelta se non quella di accodarsi alle posizioni di Casini, ma la proposta che oggi avanza è tardiva, e “ la prospettiva rischiosissima” per lui è quella di ritrovarsi disoccupato qualora si indicessero nuove elezioni. Il suo “patto di salvezza nazionale”, con sano realismo, altro non è se non un patto di salvezza personale e della sua poltrona. Fini è inaffidabile, vivacchiare è negativo per tutti e l'unico salto di qualità, in mancanza di solida maggioranza, potrebbe essere solo il ricorso anticipato alle urne.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog