Cerca

Corte rompe lo scudo: Cav ostaggio dei giudici

BERLUSCONI: "COMPROMESSO ACCETTABILE", POI LA SMENTITA Legittimo impedimento, la Consulta: "Tribunali decidano in base a impegni del premier". Governo e premier ancora nelle mani delle toghe. Oggi Cavaliere ospite di Belpietro a 'La telefonata'

Corte rompe lo scudo: Cav ostaggio dei giudici
La Corte Costituzionale ha bocciato in parte la legge sul legittimo impedimento: i giudici dovrenno valutare il da farsi di caso in caso, in base agli impegni del premier e dei ministri, con possibili rinvii delle udienze fino a 6 mesi. I 15 giudici della Consulta hanno deciso, come previsto alla vigilia, all'insegna della 'mediazione', con un verdetto in parte di bocciatura e in parte interpretativo. Nonostante le voci della vigilia secondo le quali la Corte fosse spaccata, sugli snodi cruciali le toghe si sono dimostrate compatte: in 12 su 15 hanno rilevato questioni di incostituzionalità.
Un "compromesso accettabile', avrebbe commentato a caldo il premier Silvio Berlusconi con i suoi stretti collaboratori, prima della smentita nella serata di giovedì. Nessuna dichiarazione ufficiale del Cavaliere, dunque, che questa mattina sarà ospite del direttore di Libero Maurizio Belpietro a 'La telefonata' su Canale 5.

LA REAZIONE DEL PDL

I PROCESSI DI BERLUSCONI: COSA SUCCEDERA'

POTERE DELLE TOGHE SPROPORZIONATO? DI' LA TUA

LE VIOLAZIONI - La corte presieduta da Ugo De Siervo, infatti, ha respinto la richiesta di bocciatura in toto avanzata dai giudici di Milano, secondo cui il provvedimento
violerebbe l'articolo 138 della Costituzione (necessita di una legge costituzionale) e quello 3 (principio di parità, e irragionevole sproporzione tra diritto di difesa ed esigenze della giurisdizione).

LE TOGHE DETTANO L'AGENDA - Un verdetto a metà e di mediazione, come detto, che non può però lasciare soddisfatto il governo. La legge attuale, infatti, bloccava almeno fino al prossimo ottobre anche tre processi in cui è coinvolto il premier Silvio Berlusconi, quelli Mills, Mediaset e Mediatrade, garantendo all'esecutivo la possibilità di governare. Ora, invece, saranno le toghe ed i tribunali a dettare l'agenda del Cavaliere.  Per questo, come annunciato in mattinata, il Popolo Viola sta festeggiando nei pressi della Consulta, a Roma, stappando bottiglie di spumante.

NODO SUL COMMA 1 - La Consulta ha fornito un'interpretazione del comma 1 ("Attività preparatorie o conseguenti nonché ogni attività coessenziale alle azioni di governo") del provvedimento, ritenendolo legittimo solo se, nell'ambito dell'elenco di attività indicate come impedimento per premier e ministri, il giudice possa valutare l'indifferibilità della concomitanza dell'impegno con l'udienza. La ratio del provvedimento starebbe nel ragionevole bilanciamento tra le esigenze della giurisdizione, l'esercizio del diritto di difesa e la tutela della funzione di governo.

"IRRAGIONEVOLI SPROPORZIONI" - Il comma 4 dell'articolo è stato cassato per quella che la Corte ha bollato come "irragionevole sproporzione tra diritto di difesa ed esigenze della giurisdizione". Il testo del comma prevedeva che "ove la Presidenza del Consiglio dei ministri attesti che l'impedimento è continuativo e correlato allo svolgimento delle funzioni di cui alla presente legge, il giudice rinvia il processo a udienza successiva al periodo indicato, che non può essere superiore a sei mesi".

IL REFERENDUM - Il verdetto di oggi renderà la stessa Consulta arbitro spesso interpellato dal governo per conflitto di attribuzioni ogni qual volta il magistrato ordinario non riconoscerà i presupposti per il legittimo impedimento sollevato dal Premier o dal Ministro. Alla luce della decisione dei giudici, inoltre, la Corte di Cassazione ora dovrà adattare il referendum per l'abrogazione del legittimo impedimento, ammesso mercoledì, alla nuova formulazione emersa dalla sentenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    15 Gennaio 2011 - 13:01

    Caro Bruno , caschi male, sono pugliese ,la storiella con me non attacca. Prova a leggere i blog che arrivano dalla Puglia, il più gentile dice che Vendola non ha più tempo per la Puglia perchè vuole un'incarico nazionale.Non ti dico quelli peggiori, vai a leggerli.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    14 Gennaio 2011 - 19:07

    come il Veneto, dal tempo dei Romani in mano alla destra. Mentre Vendola ha ereditato 5 anni fà lo sfascio della Puglia, dal tempo dei Romani in mano alla destra. E poi, "...Vendola....negli ultimi cinque anni la regione Puglia è diventata la prima regione italiana per produzione di energie rinnovabili (eolica e solare), è stata anche la prima regione in Italia a dotarsi di un piano energetico ambientale e di un sistema di regole che ha favorito lo sviluppo delle fonti alternative."

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    14 Gennaio 2011 - 17:05

    Certo che va male la Puglia , c'è Vendola, non poteva essere diversamente.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    14 Gennaio 2011 - 17:05

    ...Sono messe male anche Veneto, Puglia e Basilicata..... (questa riga era andata persa)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog