Cerca

Le intercettazioni: accusa ridotta a "un Bagaglino"

Gli atti dei magistrati sul caso Ruby: leggi le telefonate tra le ragazze. Spunta un colloquio tra Fede e Maria Rosaria Rossi (Pdl)

Le intercettazioni: accusa ridotta a "un Bagaglino"
Dal faldone inviato dalla Procura di Milano alla Giunta per le autorizzazioni a procedere della Camera emergono le prime intercettazioni. Brani di conversazioni non contestualizzate, e soprattutto non utili a ricostruire fatti e dettagli.

Intercettazione di una telefonata tra la parlamentare del Pdl Maria Rosaria Rossi con Emilio Fede nella quale si parla anche della pratica del bunga bunga.  "Ma tu stai venendo qui?", chiede Maria Rosaria Rossi a Emilio Fede. Il direttore del Tg4 risponde che sarà nel luogo dell'appuntamento non prima delle 21-21.15. Poi aggiunge: "Ho anche due amiche mie...". "Che palle che sei - risponde la Rossi - quindi bunga bunga, 2 di mattina, ti saluto...".

"O sei pronta a tutto oppure prendi il taxi e te ne vai" (intercettazione tra due ragazze a proposite di una festa)

"Sembra di stare al Bagaglino, ma è peggio. Un puttanaio, con Berlusconi che toccava i culi alle ragazze. Ora se quelle cose le fai in camera da letto, sono affari tuoi, ma così, davanti a tutti! Mi chiedo, il giorno dopo, come faccia a lavorare"
T.M.

"E' allucinante. Non sai. Lo chiamano tutte 'amore', 'tesorino'. Non puoi nemmeno immaginare quello che avviene lì... Nei giornali dicono molto meno della verità anche quando lo massacrano" (intercettazione tra due ragazze, T.M. e B.V.)

"Siamo entrate senza alcun tipo di controllo. E' molto semplice. Dai il tuo nome al citofono ed entri". Un'altra ragazza, sempre descrivendo i festini nella casa del Cavaliere, parla di "desolazione". "Sì, sì - prosegue - l'ho proprio conosciuto per bene. Mi ha presentato a tutti e mi ha dedicato anche una canzone...".


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blu521

    17 Gennaio 2011 - 18:06

    Non vedo l'ora di andare in tribunale a difendermi,ha detto b. Se seguitiamo così sarà l'Europa a vergognarsi di noi

    Report

    Rispondi

  • mastrofornaio39

    17 Gennaio 2011 - 17:05

    Bisognerebbe conoscere l'intero testo delle trascrizioni prima di dare giudizi (ammesso che si possano dare). A me sembra un po' tutto strano. Per es. la coincidenza della citazione in giudizio con la bocciatura del legittimo impedimento, Fini che da l'impressione di saperne molto di più di quello che dice, Napolitano che chiede un passo indietro, le telefonate delle ragazze che sembrerebbero quasi "preparate" a certi discorsi "a mo di trappola". Mah...........staremo a vedere. Una cosa è certa: nei dibattiti televisivi stanno cominciando ad apparire molti "avvoltoi", gente nota e meno nota, ma tutti in possesso di una tecnica raffinata, di alta scuola. Per esempio abbinare, nel conteso di un discorso, il nome di Berlusconi a parole che evocano fatti spiacevoli anche se non c'entrano niente. Non so spiegarmi meglio perchè non voglio caderci anch'io, ma i lettori di "Libero" persone intelligenti hanno capito.

    Report

    Rispondi

  • Era

    17 Gennaio 2011 - 17:05

    Fede e Maria Rosaria Rossi: "Ma tu stai venendo qui?" "Ho anche due amiche mie...". "Che palle che sei - risponde la Rossi - quindi BUNGA BUNGA, 2 DI MATTINA, ti saluto...". "O sei PRONTA A TUTTO oppure prendi il taxi e te ne vai" (intercettazione tra due ragazze a proposite di una festa) "Sembra di stare al Bagaglino, ma è peggio. UN PUTTANAIO, con BERLUSCONI CHE TOCCAVA I CULI ALLE RAGAZZE. Ora se quelle cose le fai in camera da letto, sono affari tuoi, ma così, DAVANTI A TUTTI! Mi chiedo, il giorno dopo, come faccia a lavorare" T.M. "E' ALLUCINANTE. Non sai. Lo chiamano tutte 'amore', 'tesorino'. Non puoi nemmeno immaginare quello che avviene lì... NEI GIORNALI DICONO MOLTO MENO DELLA VERITA' ANCHE QUANDO LO MASSACRANO" (intercettazione tra due ragazze, T.M. e B.V.)

    Report

    Rispondi

blog