Cerca

Montezemolo: "Equilibrio del Paese a rischio"

Luca Cordero imita Napolitano: "Bisogna deporre le armi e pensare alle riforme, si chiude periodo disastroso"

Montezemolo: "Equilibrio del Paese a rischio"
Torna a farsi sentire Luca Cordero di Montezemolo. In occasione di una premiazione di Italia Futura, il presidente dell'associazione ha colto la palla al balzo per esprimere la sua opinione circa le ultime vicende politiche italiane: "Esiste la concreta possibilità che la tenuta del Paese, il suo equilibrio interno e la sua pace sociale vengano messi in discussione dall'oggi al domani dal concatenarsi di effetti della crisi economica, della perdita di autorevolezza della politica e dal crescere di inquietudini radicali nel corpo più profondo del Paese - ha esordito - Se a ciò si aggiungesse una nuova e aspra stagione di conflitti tra Istituzioni e poteri dello Stato, come in queste ore si teme da più parti, l'effetto potrebbe essere catastrofico".

MONTEZEMOLO COME NAPOLITANO - Rievocando implicitamente quanto detto dal Presidente della Repubblica giusto pochi giorni fa, secondo Cordero di Montezemolo gli italiani "vivono in queste giornate un profondo turbamento": "Oggi l'unica risposta è guardare avanti, oltre l'orizzonte di una situazione paese sempre più incomprensibile", sancisce, ed è necessario "deporre le armi", perché "é sotto gli occhi di tutti come, dopo due anni sono andate le cose" in termini di riforme del Paese. Nei prossimi mesi, dunque, è "sempre più indispensabile pensare ad una legislatura costituente che nel corso di due o tre anni realizzi quelle poche riforme indispensabili a far ripartire l'Italia".

"UN DISASTRO" - Quello appena passato, dice Montezemolo, è stato "un periodo disastroso" che si sta chiudendo "nel peggiore dei modi, ma si sta pur sempre chiudendo": l'Italia può farcela, è la sua iniezione di ottimismo, perché "è stata capace di superare paludi ben peggiori".

"IL FALLIMENTO DELLA SECONDA REPUBBLICA" - Non concede sconti Luca Cordero: "La Seconda Repubblica ha fallito la sfida della modernizzazione - tuona - sono morte le ideologie, ma il clima da guerra civile permanente che nasconde la paura di un declino che ci appare inevitabile". E ora sono fondamentali le riforme, tra cui "un federalismo autentico fatto nell'interesse di tutto il Paese e non sull'onda dell'ultimatum di un partito". L'ultima richiesta, quindi, è un federalismo 'solidale', frutto di "un nuovo patto nazionale per ridurre la frattura tra Nord e Sud e per celebrare i 150 anni della nostra storia unitaria". Parola di Luca Cordero di Montezemolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • federossa

    18 Febbraio 2011 - 20:08

    Montezemolo si dimentica di dire che il figlio è in un appartamento nel centro di Milano e che non paga un.c....! Luca stai zitto e pensa ad Edwige!

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    21 Gennaio 2011 - 11:11

    ipotesi di governo: luca luca premier,tullianino ministro degli esteri,palombello ministro degli interni,caltagironcino sviluppo economico,l'orso marsicano istruzione , orecchino politiche sociali e famiglia( o qualcosa di simile) baffino difesa con la benedizione del comunista falso. SVEGLIATEMI DA QUEST'INCUBO.

    Report

    Rispondi

  • pasquino69

    21 Gennaio 2011 - 10:10

    guarda che hai il ciuffetto fuori posto, datti una ripassatina, fanfullicchio. Ogni tanto esci fuori a sproloquiare pensando di turlupinare qualche sinistro e farti mettere su un gradino della politica, per continuare a derubare gli italioti? Forse , sono quasi convinto, che ti possa riuscire, tanto i sinistroidi sono labili e con il cervello in pappa. Pur di stare a galla e non sparire per sempre, non avendo piu' nessuno come leader, sono capacissimi di mettere te alla segreteria. Tanto , un bocciofilo o un tiratore...(vecchi abitudini dell'avvocato che avvocato non era)

    Report

    Rispondi

  • deer

    21 Gennaio 2011 - 06:06

    Tenga ben presente che il suo, ed il nostro problema, ha un nome ed un cognome: Stefano Domenicali, per il resto, lasci fare alla Marcegaglia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog