Cerca

Bossi, staffetta col Cav: "Qui ci pensiamo noi"

Il Senatùr: "Silvio riposi un po', la situazione la prende in mano la Lega". Dimissioni? "Quella cosa lì non la fa. Berlusconi è stato trattato come un mafioso"

Bossi, staffetta col Cav: "Qui ci pensiamo noi"
Il Senatùr è un fiume in piena, e cerca di prendere in mano la difficile situazione in cui si trova il governo per le indagini della procura di Milano. "Un consiglio a Berlusconi? Vada a riposare un po' da qualche parte, che qui ci pensiamo noi". Così Umberto Bossi ai giornalisti. Poi spiega a chi si riferisce quel "noi": "Alla Lega Nord".

"DIMISSIONI? MAI" - Il leader del Carroccio respinge con fermezza le ipotesi di dimissioni del premier: "E' inutile chiedere cose che non servono a niente", spiega, "si sa bene che quella cosa lì non la fa. Berlusconi", ha sottolineato Bossi, "è stato praticamente circondato e tenuto sotto pressione e controllato da tutte le parti. In un Paese normale e democratico queste cose non avvengono e il presidente del Consiglio non è mica la mafia". Per la tenuta dell'attuale maggioranza, si confida sul cosiddetto gruppo dei "responsabili". E a chi ha chiesto se saranno loro la stampella decisiva per far reggere questo governo, Bossi ha risposto: "Vediamo non sono un mago". L'alternativa sarebbe il voto anticipato, un'ipotesi che Bossi "spera" sia più lontana: "Se abbiamo i numeri possiamo andare avanti, sennò c'è sempre il voto".

SULLA CHIESA - Nella mattinata di venerdì, il Papa ha parlato di moralità e politica. E dopo le frecciate del giorno precedente, Bossi è tornato ad esprimersi sulle posizioni della Chiesa, definendo le parole del Santo Padre "giuste: se non le dice lui, chi le deve dire?". Una frase con cui spegnere le polemiche sul nascere.

FEDERALISMO -
Non poteva mancare una battuta su quella che per la Lega Nord è la madre di tutte le riforme, il federalismo. "Spero che il provvedimento passi. Per ora è andata bene", ha risposto il ministro per le Riforme commentando il rinvio di una settimana dell'emanazione del decreto legislativo sul fisco municipale. "Si tratta solo di qualche giorno in più per gli emendamenti". Immancabile, è arrivata anche la pernacchia: il Senatùr ha afferrato il microfono e risposto così a uno dei cronisti che lo inseguivano chiedendogli un commento sulla richiesta di prorogare di altri sei mesi i termini della legge che introduce il federalismo fiscale.

AFGHANISTAN - "Fra un anno e mezzo si viene via". Bossi fissa la scadenza della missione italiana in Afghanistan, sottolineando però che "una scelta affrettata rischierebbe di provocare conseguenze negative. Secondo me è giusto rimanere ancora in Afghanistan", perché "se molli la pressione devi mettere in programma un terrarismo islamico che aumenterebbe di sicuro. C'è un morto e questo dispiace", ha concluso, "ma la guerra non è iniziata per caso".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • angelo.Mandara

    24 Gennaio 2011 - 10:10

    Grazie, Silvio ! E mentre l'indegnità monta e Napolitano e Papa Ratzinger sono "turbati", i papaveri del PD brillano per irrilevanza e il Bossi afferma : "Cipensiamo noi, ma se facciamo il federalismo" lui dice : "Stavolta chi vince prende tutto. Ho 74 anni per me è la guerra finale. Se perdo ho le ville". Niente di più centrato. Tutto questo mentre a Lissone, nel Milanese,..."per contiguità", si è "tentato" di inaugurare una piazza dedicata a B. Craxi. Tempi duri per i Bigs governativi della Terra !! Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    24 Gennaio 2011 - 10:10

    Il coraggio dell'attuale Premier, che qualche tempo fa, in prima persona, per i futuri turisti, decantò le bellezze d'Italia, in uno spot TV...ma non ci diceva cosa ci stava effettivamente "preparando"...portando per il Pianeta questo "abbinamento" ? Leggo sul sito Wall Street Italia..."Provate a digitare le parole "sex scandal Berlusconi" su Google : avrete 871.000 risultati in 0,11 secondi (sic). Ecco questa è l'immagine dell'Italia nel mondo grazie al nostro primo ministro. Cioè : come infangare globalmente il lavoro di centinaia di aziende, migliaia di dipendenti e i migliori marchi italiani all'estero : Ferrari, Prada, Bulgari, Barilla, Ferrero, Pirelli, Gucci, Benetton. E di decine di milioni di Italiani seri. (segue) Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • gicchio38

    22 Gennaio 2011 - 10:10

    BRAVO BOSSI E TE LO DICE DI CUORE UN FEDELE DEL CAVALIERE CHE ABITA AD APPENA 10 KM. DA SANTA MARIA DI LEUCA QUINDI DAL PROFONDO SUD. BRAVO CI CONTIAMO.

    Report

    Rispondi

  • maurizio52

    22 Gennaio 2011 - 10:10

    Bravo Bossi il paese ha bisogno di essere riequilibrato,dove sono le armi?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog