Cerca

Soap Ruby, altra puntata. Minetti: "Era solo rabbia"

Nuove carte: la Berardi ha partecipato alle feste da minorenne. Nicole: "Mie parole su Silvio? Uno sfogo". La Macrì "da verificare"

Soap Ruby, altra puntata. Minetti: "Era solo rabbia"
Rabbia, solo rabbia. Nulla che abbia effettiva rilevanza penale nelle 'nuove' intercettazioni sul caso Ruby divenute di dominio pubblico dopo la consegna di altre 227 pagine da parte della Procura di Milano alla Camera dei deputati.

Leggi tutte le intercettazioni: 'prima puntata'
Leggi tutte le intercettazioni: 'seconda puntata'.

LE ETA' DI IRIS - Più che un'inchiesta mediatica, sta diventando una soap opera a puntate, sempre con gli stessi protagonisti: Silvio Berlusconi (mai presente fisicamente, sempre evocato), Karima/Ruby, e, nelle ultime ore, Nicole Minetti. Con contorno di altri dettagli, qualcuno pruriginoso, altri forse più rilevanti. Come quello secondo cui Iris Berardi, altra ragazza presente alle feste ad Arcore, al momento dei fatti contestati dai pm sarebbe stata minorenne, come Ruby.
Nata nel dicembre 1991, la Berardi è stata nelle residenze del premier il 22 novembre 2009, a Porto Rotondo, ed il 31 dicembre 2009 ad Arcore. Secondo gli inquirenti, la ragazza sarebbe 'notoriamente' una prostituta.

NICOLE TORNA SUI SUOI PASSI - E' la Minetti, però, il centro di tutto. L'ex ballerina in tv, igienista dentale e consigliera regionale del Pdl in Lombardia per la Procura teneva le fila dello 'scandalo Arcore'. Per ora, 600 pagine di documenti e numeri (telefonici e non), in attesa di prove concrete. Nel frattempo, via allo 'sputtanamento' sulle pagine dei giornali. Le nuove intercettazioni rivelano il volto privato delle donne vicine al premier, con la Minetti più arrabbiata di tutte tanto da definire il Cavaliere "un pezzo di merda" e un "vecchio dal culo flaccido".

"LA GENTE MI CONOSCE" - "Non mi ricordo di avere detto cose di quel genere e se l'ho fatto era solo lo sfogo in un momento di rabbia, uno dei tanti che ho da quando è cominciato tutto questo". E' la stessa Minetti, intervistata dal Corriere della Sera, a gettare acqua sul fuoco su quelle parole di fiele. "Ci deve essere un riscontro oggettivo tra queste cose e ciò che è accaduto e non credo ci possa essere", risponde indirettamente la consigliera sull'accusa di favoreggiamento della prostituzione rivoltole dai pm milanesi. "Io non ci sto a fare la figura della maitresse da quattro soldi. Chiunque mi conosce sa come sono fatta". Con il suo legale Dario Pesce sta discutendo delle possibilità di presentarsi dai magistrati, che le hanno inviato un invito a comparire per martedì prossimo: "Ho paura di essere fraintesa", spiega lei. Con Berlusconi, dal 14 gennaio, quando tutto iniziò, non si è più sentito: "Mi sono commossa quando mi ha difesa in tv da Lerner", ma "non è il momento migliore" per contattarlo, e "non solo per il timore elle intercettazioni".

NADIA MACRI' - Nei prossimi giorni, inoltre, dovrebbero arrivare ulteriori aggiunte al faldone dell'accusa. Il riferimento è a Nadia Macrì, la escort già finita alla ribalta per un'intervista a 'Annozero' e interrogata due volte dalla Procura di Milano. Bruti Liberati, che ha annunciato di aver assunto il coordinamento dell'inchiesta, è però molto cauto: "Abbiamo verificato attentamente tutte le dichiarazioni rese dalla Macrì, sia quelle rese a Palermo sia quelle rese a Milano. Le somme, però, le tireremo dopo. Ne verificheremo l'attendibilità". Rimangono, infatti, forti dubbi sul racconto reso dalla Macrì, giudicato dai pm non lineare. In particolare, riguardo alle date delle feste ad Arcore a cui avrebbe partecipato la stessa Macrì.

I sogni erotici (e il mare di balle) di Nadia Macrì. Leggi l'articolo di Gianluigi Nuzzi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • satxxxxx

    30 Gennaio 2011 - 03:03

    allora o ci fate o ci siete entrambi, certo che il vostro B. vi ha fatto proprio bene il lavaggio del cervello. Ma voi di destra siete tutti fascisti...? No, perche' sai o qui tra voi non sa' manco come si apre un libro o cosa. Gia una persona che afferma che tutti quelli di sinistra sono comunisti descrive l'ignoranza che fermenta nelle vostre teste.. e' come dire che tutti i simpatizzanti del pdl sono fascisti e omofobi... ma che ca....c'entra? Seconda cosa, se permettete se una persona viene accusata per aver fatto sesso con una minorenne che essa sia delle Barbados o di Venezia sempre di minorenne si parla ( qui in Italia) se costui e' il presidente del consiglio non vedo il motivo per il quale debba farla franca ... accettare che lui possa o che non abbia fatto nulla con tutte le cose che dimostra in pubblico ( dal fare il piacione con qualsiasi ragazza) significa essere altrettanto colpevoli. Che uno sia di destra o che sia di sinistra se poi a voi questo va bene ..

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    28 Gennaio 2011 - 17:05

    dal '96 al 2001; poi dal dal 2006 al 2008 il centrosinistra (i KOMUNISTI!!!) sono stati algoverno. Probabilmente il serrementista erà già imprenditore: non mi risulta che gli abbiano espropriato a a lui e ad altri, l'azienda, per darla in proprità agli operai stringibulloni. Non mi sembra che ci siano state deportazioni in appositi gulag di capi d'azienda, speculatori di borsa, di immobiliaristi. Posso consigliargli un bravo medico, lo libererà dai suoi incubi e lo farà dormire come un bambino

    Report

    Rispondi

  • pasquino69

    28 Gennaio 2011 - 14:02

    lei per caso conosce "carlo parri"? altro buffo personaggio un po' becero come il fernando detto gaspare che come amica del cuore ha la sgrena e una iscritta a futuro e liberta' di fini(to), albina? Una bella genia di buffi siete. Ma alla fine lei insegna veramente o finge come il buffone joker di gaspare?

    Report

    Rispondi

  • premiumserramenti

    28 Gennaio 2011 - 14:02

    Io voto PDL e frequento Circolo della Libertà. E quel che dico è condiviso. Forse sei tu che capisci poco. Io sono un imprenditore e, come Silvio, sono spiccio, senza fumosi giri di parole di chi non ha niente da dire come Tigrin e fa il gioco dei comunisti che, come ha detto Silvio, pur in cashmere attentano alla libertà. Se tu non la pensi così hai sbagliato partito. Per il post di Bellanto ho detto che la marocchina 17enne non può essere paragonata a una nostra 17nne perchè in Marocco a quell'età hanno già 3 o 4 figli. La hanno già data via da un pezzo (così capisci meglio!). E parimenti le ragazze meridionali nostre, come quella di Bellanto. Le ragazze del sud Italia sviluppano prima e sono più avanti delle nostre (del nord). Le nostre giocano ancora con la Barbie, le siciliane-pugliesi ecc. fanno figli. Dai, lasciam da parte l'ipocrisia. Sem diversi!! Te capì?!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog