Cerca

Stop alle toghe: atti tornano in procura

Caso Ruby, vota la giunta per le autorizzazioni a procedere: i fascicoli ripassino a Milano. Accolta mozione Pdl

Stop alle toghe: atti tornano in procura
La Giunta per le autorizzazioni a procedere della Camera ha votato per la restituzione al tribunale di Milano degli atti sul caso Ruby. La decisione è stata presa con 11 voti favorevoli e 8 contrari. La proposta ora dovrà passare l'esame dell'Aula, che si dovrà esprimere con voto palese sul rinvio delle carte: serve una maggioranza di 316, due voti in più di quelli raccolti dalla maggioranza contro il voto di sfiducia dello scorso 14 dicembre.

LA COMPETENZA -
E' stata così approvata la mozione del Pdl con cui veniva chiesta all giunta di solleveare il conflitto di attribuzione nel caso Ruby. Durante i lavori, l'esponente del Pdl Maurizio Paniz ha sottolineato come la competenza sull'inchiesta non possa essere del tribunale di Milano, bensì del tribunale dei ministri, poiché Silvio Berlusconi ha agito per ragioni istituzionali quando si è mosso per Ruby Rubacuori. Quando fu fermata dalla questura di Milano, si pensava infatti che Karima El Mahroug fosse la nipote del presidente egiziano Hosni Mubarak. La circostanza è stata confermata da Ruby stessa nei memoriali difensivi raccolti dai legali del premier, Nicolò Ghedini e Piero Longo.

"DIBATTITO VERO" - La decisione della Giunta per le autorizzazioni della Camera sul rinvio degli atti del Ruby-gate al Tribunale di Milano "è frutto di un confronto e di un dibattito vero", ha spiegato il relatore Pdl, Antonio Leone. "Non c'è stata alcuna smentita della mia prima relazione", ha sottolineato, "alla fine si è deciso di restituire gli atti essendoci una forte possibilità che il reato sia di competenza del Tribunale dei Ministri. Nella relazione sono rimaste le  considerazioni sul fumus persecutionis, ma non tocca a noi stabilire se Berlusconi è colpevole o innocente".

"NESSUN PASSO INDIETRO" - Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, al termine della riunione tenuta giovedì pomeriggio a Palazzo Grazioli, ha ribadito la sua linea, che non prevede "nessun passo indietro". Anche la difesa è chiara: il Pdl ritiene che anche nelle nuove carte trapelate dall procura non ci sia nulla "di penalmente rilevante".




Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brmasetto

    01 Febbraio 2011 - 10:10

    Il reato di concussione è èproprio del pubblico uffiiciale, quindi, quello eventualmente commesso da Berlusconi, per sua stessa natura è di competenza del Tribunale dei Ministri. Come mai, nel corso degli interminabili dibattiti in TV su questo tema nessuno dei parlamentari del Pdl ne ha mai fatto cenno per smontare definitivamente i commenti malevoli dell'opposizione? Possibile che siano tutti così ignoranti in tema di diritto penale?

    Report

    Rispondi

  • Roderigo

    29 Gennaio 2011 - 11:11

    Mi dispiace, ma lei si ripete perchè non ha altri argomenti. Vede il caso Mills rende sospetta la sentenza solamente per il fatto di aver atteso, per parte dei magistrati, di giungere in zona prescrizione per emettere una condanna, eppure ne hanno avuto del tempo!! Ma lei, che ora mi pare meno agitato, non ha risposto a nessuno dei miei quesiti principali di legittimità, del tribunale "super partes", di mancanza di prove concrete dal vivo, sul posto, di prove basate solo sulla presunzione di colpevolezza etc .. e, mentre io l'ho rimbeccato in ogni sua asserzione, lei si è solo limitato a ripetere e ribattere e reiterare sulle intercettazioni e sulle testimonianze delle signorine(?). Infine lei non puo andare a spiare e moraleggiare sulle posizioni del Camasutra che non le piacciono, perchè contro morale. Per cui non intendo intrattenere altro alterco cone lei, come le ho detto, fatto di pettegolezzo morboso e scadalistico

    Report

    Rispondi

  • robe

    29 Gennaio 2011 - 10:10

    E' vero, sono costretto a ripetermi, ma questo perche' certe teste sono dure o fanno finta di non capire. Quanto alla calunnia sul Presidente, poteva andare dai giudici e spiegarsi; inoltre lo stesso uomo mi ha dato, come pure a qualche altro milione di italiani, pubblicamente del c.....e, o sbaglio?, e non e' stato denunciato. Infine, le ho fatto notare che non sto parlando di reati, ci dovranno pensare i giudici, ma della mia opinione sulla inadeguatezza di Berlusconi a ricoprire la carica del Presidente del consiglio. pS: cosa mi dice del caso Mills, di quello Mediaset, eccetera? Perche' non si fa processare se e' innocente? E basta pure per me, ho altro da fare di molto piu' interessante.

    Report

    Rispondi

  • Roderigo

    29 Gennaio 2011 - 10:10

    non c'era più spazio. La tranquillizo sul fatto che io possa credere che lei voli. E come al solito lei è solo capace di essere un piccolo insolente,

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog