Cerca

Pd e monnezza: indagato pure Bassolino

Rifiuti, a Napoli in manette l'ex vice di Bertolaso. Per l'ex governatore accuse di associazione a delinquere e disastro ambientale

Pd e monnezza: indagato pure Bassolino
Sull'inchiesta dei rifiuti a Napoli è indagato anche l'ex presidente della Campania Antonio Bassolino, sconfitto nelle regionali del 2010. Nella stessa situazione dell'ex commissario per l'emergenza rifiuti ci sono anche l'ex assessore regionale Luigi Nocera e l'ex capo della segreteria politica di Bassolino, Gianfranco Nappi.  Oltre a loro, sono 35 gli indagati nel secondo filone della cosiddetta 'Operazione rompiballe'.

MANETTE ILLUSTRI
- Sempre nell'ambito di queste indagini, in mattinata sono state arrestate 14 persone dai carabinieri per la tutela dell'ambiente di Napoli e Roma.  Di questi, 8 si trovano in carcere e sei sono invece agli arresti domiciliari. Le misure di custodia cautelare sono scattate anche per l'ex prefetto e commissario per l'Emergenza rifiuti Corrado Catenacci e Marta di Gennaro, ex braccio destro di Guido Bertolaso alla Protezione Civile. I 14 in manette sono accusati di associazione per delinquere, truffa, falso ideologico in atto pubblico e una serie di reati ambientali: tra questi, lo smaltimento illecito di rifiuti, scarichi non autorizzati di rifiuti, disastro ambientale. Gli arresti sono scattati a Napoli, Roma, Caserta e Parma. L'indagine è durata fino al luglio 2010 ed è la prosecuzione di quella conclusa nel maggio 2008 nota con il nome di 'Operazione Rompiballe' che aveva portato all'arresto di 25 indagati per traffico illecito di rifiuti.

PD ALLO SBANDO
- Le indagini nei confronti di Antonio Bassolino sono l'ennesimo smacco per il Partito democratico napoletano, dopo il caos delle primarie denunciato mercoledì scorso da Roberto Saviano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Nonsocrate

    01 Febbraio 2011 - 19:07

    Suggerisco a : Santoro,Travaglio,Gard lerner e "simili" di occuparsi di cose SERIE come questa inchiesta della Campania che toccano TUTTA la comunità e alle testate giornalistiche di aprire con questo tipo di notizie (compreso Libero).

    Report

    Rispondi

  • pi.bo42

    29 Gennaio 2011 - 23:11

    Tutti rispondono delle loro azioni, anche quelli che dovrebbero essere dalla stessa mia parte, neanche loro hanno scusanti; se si sono comportati da st...zi, tali sono e basta; io seguo il consiglio che Virgilio dette a Dante riguardo gli ignavi (non ti curar di lor.......). Mussolini era un socialista, oltretutto anti-militarista (si oppose anche alla guerra italo-turca),e, per le sue idee, passò un certo periodo in Svizzera, questa è storia risaputa, ma poi poco gli rimase degli ideali di Bernstein a ben ricordare ciò che accadde dal 1921 (guarda caso hanno di nscita del PNF ed anche del.....PCI!). Leggendo qualche sua biografia quella nostalgia sinistroide non lo lasciò mai, fu, purtroppo, annullata da una sfrenata ambizione e da una inarrestabile macchina di potere, della quale non fu certamente il solo pilota, ma, sicuramente, il pricipale. Ed, a proposito di quella macchina , mi scusi la malizia, qualcosa mi fa ricordare Cartesio di lontana scolastica memoria. Saluti.

    Report

    Rispondi

  • pi.bo42

    29 Gennaio 2011 - 20:08

    Ah, beata ingenuità, vero? Anima candida.

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    29 Gennaio 2011 - 16:04

    Bisogna fare una legge per cui gli amministratori che venissero condannati per assoluta incapacita' nel gestire i denari dei contribuenti o che fossero collusi con le mafie o che oltre un certo deficit non abbiano rassegnato le dimissioni, venga tolta la pensione relativa al ruolo esercitato. Non è ammissibile che chi danneggia il paese se ne vada tranquillo in pensione con emolumenti d'oro e magari con un congruo bottino . Gli amministratori privati, falliscono e perdono tutto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog